Connect with us
Pubblicità

Trento

Vittorio Sgarbi denuncia “le menzogne e il conflitto di interessi di Ghezzi, Marini, Rossi, Tonini, Demagri e Ferrari. Consiglieri irresponsabili che vanno censurati»

Pubblicato

-

In una lettera inviata al consiglio provinciale, al governatore Maurizio Fugatti, al presidente della camera dei deputati, al ministro delle  Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, all’Assessore all’Istruzione, Università e Cultura della Provincia autonoma di Trento e al al Presidente della Quinta Commissione permanente del Consiglio della Provincia autonoma di Trento Vittorio Sgarbi, denuncia quelle che ritiene essere “un grave conflitto di interesse e le menzogne diffuse dai consiglieri dell’Assemblea provinciale PAOLO GHEZZI, ALEX MARINI, UGO ROSSI, GIORGIO TONINI, PAOLA DEMAGRI, SARA FERRARI“.

Riferisce Sgarbi nel testo della missiva  «in un post del 10 maggio 2020 su  Facebook, a proposito di Silvia Romano, avrei dichiarato che ‘la cooperante italiana va arrestata per concorso esterno in associazione terroristica, in quanto convertita all’Islam, così affermando una inaccettabile equazione tra una fede religiosa e un comportamento criminale’».

«Nulla di più falso – sottolinea l’onorevole – la mia affermazione, che ribadisco non a titolo personale ma nelle mie prerogative politiche e democratiche di parlamentare della Repubblica, non mette in discussione le libertà garantite dagli articoli 3 e 19 della Costituzione italiana. La libertà di culto non ha niente a che fare con l’ostentazione delle insegne del terrorismo. Chiunque vada in giro con una maglia con l’immagine di Mussolini o con la svastica può essere incriminato per apologia. Siamo nella stessa fattispecie. Eppure una sostenitrice manifesta di Al Shabaab, organizzazione terroristica responsabile di attentati gravissimi a civili mussulmani e a comunità di cristiani, è stata ricevuta dal Presidente del Consiglio e dal Ministro degli Esteri in pubblica cerimonia, favorendo, come pensano numerosissimi cittadini, la propaganda non dell’Islam (che non ne ha bisogno) ma del terrorismo e della criminalità. E chi esprime perplessità, chiedendo misure paragonabili a quelle che ognuno invoca per il contrasto alla Mafia, viene censurato e minacciato dall’abusivo Marini e da altri antidemocratici, che si sottraggono alla necessaria denuncia del terrorismo e dei suoi fiancheggiatori, in palese e letterale “concorso esterno”».

Pubblicità
Pubblicità

Il riferimento di Sgarbi non è solo all’articolo 21 della Costituzione (“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”), ma al fatto che la libertà di culto e la conversione di Silvia non sono il tema in discussione.

«È infatti evidente, – aggiunge Sgarbi –  nella stretta connessione tra terrorismo e mafia, che come la fede cristiana di un mafioso non legittima i suoi crimini, così quella mussulmana non giustifica il terrorismo. La inaccettabile proclamazione pubblica, da me censurata in linea di principio, al di là della responsabilità personale, di Silvia consiste non nella conversione alla religione islamica, ma nella esibizione delle insegne di un gruppo terroristico somalo affiliato ad Al Qaeda, del quale la cooperante ha lodato la correttezza. Distinzione sempre proclamata, evocando l’Islam moderato. Cosi come si sono sempre tenuti distanti e distinti Partito comunista e Brigate rosse. Democrazia e terrorismo. È lecito considerare “corretto” un atto estorsivo della mafia? O “corretto” il comportamento di un gruppo terroristico di cui cui Aisha è, contemporaneamente, vittima e sostenitrice? Contraddizione evidente e pericolosa, che la rende una complice potenziale di comportamenti criminali e attuale di propaganda. Mi pare abbastanza chiaro che la questione sia soltanto questa».

Nella lettera Sgarbi chiede ai Presidenti del Consiglio e della Giunta provinciale di censurare i consiglieri irresponsabili e di garantire il rispetto delle preoccupazioni condivise da molti cittadini e delle «mie prerogative parlamentari, come della incoercibile libertà di opinione. Il contrasto al terrorismo è un dovere prima che un diritto, evidentemente non sentito dai distratti consiglieri. I principi fondamentali della democrazia e della sua difesa discendono dalla ragione, non dalla retorica falsamente umanitaria. Sul piano personale conosciamo il complesso rapporto tra vittima e carnefice. Ci può commuovere, ma non ci deve costringere a tacere davanti alla evidenza e alle conseguenze della palese propaganda del terrorismo. Ma è difficile affermare la ragione con chi sistematicamente evita di usarla. Ho quindi deciso di proporre all’Amministrazione provinciale e al CDA del Museo di “dichiarare il Mart Museo contro la mafia e contro il terrorismo, in difesa della democrazia e dei valori cristiani di tolleranza e di libertà».

Pubblicità
Pubblicità

(l.d.)

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il futuro abbraccia l’ecologia e la natura: anche in Italia spopola la moda delle Tiny House
    Sono conosciute come le” Students Tiny house talk”, ovvero 10 metri quadrati di vivere ecosostenibile. Si tratta di tipiche casette svedesi completamente costruite in legno dal design moderno e pensate inizialmente per ospitare universitari. L’efficienza energetica e l’impronta ecologia sono l’aspetto fondamentale di queste abitazioni che puntano a minimizzare al massimo le emissioni di carbonio […]
  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]

Categorie

di tendenza