Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Il fascino e i misteri di Palazzo Nero di Coredo

Pubblicato

-

Che il palazzo assessorile di Coredo sia un luogo pieno di fascino e mistero lo si intuisce già dal suo soprannome, Palazzo Nero.

Questo edificio della seconda metà del Quattrocento viene costruito per volere del principe vescovo di Trento Giorgio Hack, per ospitare il tribunale della Val di Non e della Val di Sole.

Ha una ricca ed affascinante storia, fatta di racconti di cavalieri, rivolte popolari (come quella del 1477, quando un incendio ne annerisce le pareti esterne, facendogli ottenere per la prima volta il celebre soprannome), processi per stregoneria.

Pubblicità
Pubblicità

Ma il segreto più affascinante il palazzo lo custodisce al suo interno, al primo piano.

Salendo le scale ed entrando in quella che un tempo era la sala del tribunale, ci si ritrova circondati da cavalieri, re, regine, e si viene subito catturati dall’avvincente racconto.

Dopo diverse controversie, nel 1928 lo storico dell’arte Josef Weingartner individua la corretta fonte letteraria: la Storia della Regina di Francia del poeta di fine Trecento Schondoch.

Pubblicità
Pubblicità

La moglie del Re di Francia, dopo aver rifiutato le avances del malvagio Maresciallo di corte, viene accusata ingiustamente di adulterio e costretta a vivere nascosta nella foresta.

Ma l’inganno viene scoperto: il Maresciallo è condannato a morire sulla ruota, come si vede rappresentato sulla parete Sud della sala. Non manca il lieto fine: Re e Regina si ricongiungono e fanno ritorno insieme al castello.

Pubblicità
Pubblicità

Ma perché far rappresentare una storia come questa in un palazzo del tribunale? «È proprio questa una particolarità del ciclo del Palazzo Nero: l’adattamento della materia cortese e cavalleresca a uno scopo diverso dal semplice piacere visivo e decorativo.».

Ad essere messi in evidenza sono gli episodi e i personaggi legati al tema della giustizia: il Re e il suo saggio consigliere, ma anche l’antagonista, che riceverà la giusta punizione per i suoi crimini. «Questo spiega la scelta apparentemente inconsueta del committente: egli voleva una vicenda che fosse allo stesso tempo istruttiva e d’impatto sull’osservatore, mostrando chiaramente il trionfo della giustizia e la severa punizione per chi la contravviene.». Solitamente, cicli pittorici di questo tipo sono accompagnati da didascalie: qui risultano superflue, le scene ricche di pathos non necessitano di una spiegazione. Una scelta del genere è un caso più unico che raro: in tutta la regione del Trentino Alto Adige (che di cicli pittorici profani ne ha in abbondanza) non si ritrova un esempio simile. Inoltre, il ciclo di Coredo è l’unica rappresentazione conosciuta di questo racconto nella pittura (che comunque compare in pochissime altre opere, tra arazzi e miniature). Purtroppo, nonostante queste caratteristiche assolutamente originali, le pitture del Palazzo Nero hanno subito nel corso del Novecento diversi danni, anche molto gravi: l’abbattimento della parete di fondo (dove probabilmente era rappresentato l’inizio della storia), la scomparsa di numerose figure a causa dell’umidità, l’apertura di porte e finestre. Non si è mai presa seriamente in considerazione la possibilità di un restauro, che sicuramente aiuterebbe a valorizzare e restituire un po’ dell’antico splendore a questa testimonianza così preziosa e particolare. Una visita di persona vale più di mille parole: come scriveva in proposito lo storico dell’arte Antonio Morassi (1926) «Questi affreschi esercitano una strana attrazione, di natura forse non puramente estetica…Cortei di cavalieri, banchetti, duelli, uccisioni…Si segue l’avventura a cuore sospeso, e si ascoltano i rudi messeri…». Provare per credere.

A cura di Eleonora Leporesi (nella foto)

Eleonora Leporesi si è sono laureata con una tesi magistrale proprio su questo palazzo. «Penso che per motivi legati al soggetto delle pitture – spiega –  alla funzione del palazzo e allo stile, esso meriti un’attenzione molto maggiore di quella che riceve attualmente (complici anche una serie di informazioni estremamente errate che circolano in proposito su Internet). Dato anche il pessimo stato di conservazione del ciclo (e gli sconsiderati interventi di modifica che sono stati attuati nella sala) sarebbe davvero bello poter far crescere questa iniziativa e sarei lieta di poter contribuire, se possibile, con le conoscenze acquisite durante i miei studi».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]

Categorie

di tendenza