Connect with us
Pubblicità

Trento

Panificatori: tutti uniti e coesi contro il Sait. Elaborate delle strategie per vendere direttamente al consumatore finale

Pubblicato

-


Il Consiglio direttivo dell’Associazione Panificatori si è in riunito in videoconferenza per una riunione che ha visto la partecipazione di tutte le aziende, associate e non, coinvolte nell’improvvisa decisione del Sait, il consorzio acquisti delle cooperative trentine, di recedere da tutti i contratti per la fornitura di pane nei punti vendita a favore di una scelta aziendale che vede la presenza di un solo fornitore.

In apertura il presidente Emanuele Bonafini (foto) ha fatto il punto sulla situazione: «Innanzitutto vorrei esprimere un grande ringraziamento a tutte le voci, dalla politica di ogni schieramento (il presidente di Confcommercio Trentino Giovanni Bort, la Giunta provinciale, con il presidente Fugatti, il vicepresidente Tonina, gli assessori Zanotelli, Bisesti, Failoni, il presidente del consiglio provinciale Kaswalder, i consiglieri provinciali Paccher, Manica, Leonardi, Ossana, De Godenz, il segretario del PATT Marchiori) ed alla società più in generale, visti i tanti che hanno sostenuto la nostra posizione con manifestazioni di sostegno sopraggiunte anche da parte di molti consumatori. Siamo quantomeno perplessi dalla scelta del Sait, non tanto dal punto di vista aziendale, in fin dei conti si tratta di una scelta legittima, ma del metodo e dell’opportunità da un punto di vista del sistema trentino. Temiamo che questa possa essere la prima mossa di un’azione che va a scardinare alcuni presidi importanti della nostra economia e del nostro territorio. Dal punto di vista dei clienti, inoltre, è una scelta in controtendenza, che non risponde al bisogno del mercato di offrire varietà, qualità, genuinità e prodotti locali tradizionali».

Accanto al presidente Bonafini, il vicepresidente Francesco Vivori ha dato voce al sentimento comune degli associati: «Ci sentiamo offesi dalle parole del presidente del Sait, quando dice che il pane trentino è un pane di scarsa qualità e costoso. Le nostre aziende – molte di queste aziende storiche, attive da più generazioni – hanno fatto anche sacrifici e investito molto, sia in termini umani che materiali, per offrire ai clienti un prodotto al meglio. I panifici sono un presidio territoriale essenziale, che fungono anche da servizio, garantendo la presenza anche laddove i ragionamenti di sostenibilità economica traballano».

PubblicitàPubblicità

Stefano Sosi ha evidenziato, inoltre, come la scelta di un unico fornitore penalizzerà soprattutto il consumatore finale: «Il cliente non avrà più la possibilità di scegliere tra un vasto assortimento di prodotti. Il pane è un prodotto artigianale unico ed irripetibile, fresco e genuino, la stessa tipologia non potrà mai essere uguale perché è la mano del panificatore a fare la differenza».

«Le dichiarazioni rilasciate sulla stampa da parte del Presidente del Sait Roberto Simoni («[…] il pane in Trentino non brilla per qualità e ha prezzi alti») sono inaccettabili – sostiene il vicepresidente Sergio Tecchiolli – L’impegno dei panificatori trentini punta da sempre sulla qualità del prodotto e sulla valorizzazione del territorio, anche attraverso l’utilizzo di prodotti quanto più possibile a “chilometro zero”».

Tutti i panifici esclusi dalla fornitura lamentano di essere stati esclusi senza saperne la motivazione: l’intenzione di recedere dal rapporto, pur considerando i congrui sconti e le condizioni già applicate, a fronte della scelta da parte del consorzio di un unico fornitore, è stata comunicata ai panificatori solo pochi giorni prima e telefonicamente.

Pubblicità
Pubblicità

Tra gli associati presenti – dimostratisi molto compatti e coesi – viene giudicato anche quantomeno contraddittorio e disatteso con l’operazione del Sait, il protocollo firmato poche settimane fa con la Provincia autonoma di Trento, nel quale il consorzio si impegnava a privilegiare il consumo di prodotti trentini e a favorire le filiere locali.

«La categoria – commenta il presidente Bonafini – si dimostra forte e coesa: c’è il timore che la condotta del consorzio rappresenti un primo tentativo di smarcarsi dalle filiere locali per ragioni di bilancio. In realtà, proprio un consorzio che dichiara la propria ispirazione cooperativistica come fondante, dovrebbe valorizzare le produzioni locali, la varietà della tradizione territoriale, mantenere equilibrato un tessuto economico e sociale. Un territorio dove anche gran parte dei panificatori e collaboratori sono soci di cooperative. Da parte nostra faremo di tutto per tutelare l’arte panificatoria del Trentino e le centinaia di addetti che la compongono e che, di giorno e di notte, lavorano per far trovare il pane fresco sulle tavole dei trentini».

Al termine della riunione la segreteria dell’Associazione ha ricevuto il mandato di trovare soluzioni innovative idonee per vendere il pane direttamente al consumatore finale soddisfacendo le nuove richieste del mercato.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]
  • “Regalati il Molise”:case vacanze gratis per rilanciare turismo e piccoli borghi
    Nell’anno in cui l’emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi del classico turismo legato alle grandi mete e alle vacanze tradizionali, una delle regioni più piccole d’Italia ha deciso di riaprire i confini del turismo con una particolare iniziativa aperta al mondo: “ Regalati il Molise perché il Molise è un regalo speciale”. L’annuncio arriva […]
  • Cortina d’Ampezzo plastic- free: da luglio stop a plastica in ristoranti, bar ed eventi
    Preservare la salute del pianeta e del nostro futuro è diventato una delle urgenze più importanti del momento, tanto da impegnare associazioni governative internazionali e Governi di tutto il mondo per trovare una soluzione efficacie alle problematiche ambientali. Dallo sfruttamento delle energie rinnovabili, alla raccolta differenziata, molte sono le soluzioni fino ad ora utilizzate per […]

Categorie

di tendenza