Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Italia, il paese delle banane

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

ci si domanda dove possa andare questa povera Italia, dove accade tutto ed il contrario di tutto, senza capo nè coda, dove al dramma si alterna il grottesco.

Il virus ha messo a nudo le contraddizioni italiane, le insipienze, le furberie, il malaffare.

Pubblicità
Pubblicità

Poichè il pesce puzza dalla testa occorre forse iniziare da chi comanda senza neppure avere l’ idea in che consista il governare.

Governare significa condurre verso una meta. Per fare questo bisogna avere chiaro dove si va e con quali mezzi e chi e come si intenda traghettare.

Nel caso nostro per una pretesa superiore idea di tutela della salute si è imposto alle attività economiche che reggono il paese ( diteglielo, perchè forse non lo sanno!) di chiudere, senza minimamente considerare l’ idea che queste debbano essere quantomeno indennizzate per detta chiusura imposta per decreto. Alla quasi sollevazione popolare – ben silenziata e normalizzata dalla propaganda governativa – di chi queste attività esercita e di chi ci lavora per mangiare, costoro da Roma hanno pensato, dato che di danari non ce ne sono, di “concedere” ai chiusi per decreto la mirabolante facoltà di indebitarsi, per giunta annaspando nel mare magnum della burocrazia.

Pubblicità
Pubblicità

Si sono promessi danari che non ci sono, si sono messe in moto notorie trappole burocratiche quali le casse integrazioni, le richieste online su piattaforme decrepite ed altro ciarpame amministrativo di nessuna sostanza.

In altri paesi coloro che sono stati obbligati a non lavorare hanno visto immediatamente l’ indennizzo, peraltro sostanzioso e non l’ elemosina a noi solo promessa, direttamente sul conto corrente. Qui invece il conto corrente deve essere pure comunicato, come se non si sapesse che l’ Agenzia delle Entrate conosce perfettamente i conti correnti di ciascuno, sui quali ha accesso indiscriminato, e non solo per prelevare i tributi.

Nessun cenno ai miliardi che la Pubblica Amministrazione inadempiente ed insolvente deve ai privati.

Quindi incapacità, insipienza, mala fede cui si aggiunge anche il doppiopesismo.

Forse non è ultroneo ricordare che i pubblici dipendenti non hanno patito alcun danno dalla crisi pandemica e tra loro si trovano certamente i burocrati che avvelenano l’ Italia. Forse non è nemmeno il caso di dire che coloro che sono stati affamati dallo stato non debbono neanche osare di protestare con mascherina e a distanza, a differenza di coloro che sono stati autorizzati a festeggiare il loro 25 aprile come e meglio gli aggradava.

Parliamo di mascherine: si impone il prezzo politico e si ottiene il previsto e prevedibile deja vu: introvabili, esattamente come le case in affitto all’ epoca dell’ equo canone…. Si sequestrano centinaia di migliaia di pezzi perchè non conformi alle marcature burocraticamente imposte, ma si dà il via libera da parte dell’Istituto Superiore di Sanità a quelle fai da te, purchè fatte in casa. E questi sequestri dove finiscono? Distrutte o in giacenza per anni, a spese nostre?

Mancano i guanti. Perche? Perchè, e questo nessuno lo dice, i relativi ordini dei singoli e degli imprenditori all’ estero sono bloccati in dogana e requisiti dalla burocrazia che non trova di meglio che procacciare in siffatto modo ad ospedali, protezione civile e forze dell’ ordine quello che non ha saputo previdentemente ordinare e PAGARE per tempo.

Parliamo di carceri? Meglio di no, non c’ è nulla di cui andare fieri, dalle rivolte alle scarcerazioni, senza che si abbia avuto il coraggio di ammettere che i due termini sono correlati quali causa ed effetto.

Parliamo di regolarizzazioni dei clandestini con la scusa delle campagne da coltivare? Regolarizziamo pure allora chi si è presentato senza documenti e viene mantenuto per anni e poi, magari,va pure a spacciare. Siamo proprio sicuri che questi vogliono andare a spezzarsi la schiena nei campi? Perchè non viene detto che la mano d’ opera che manca è quella che viene bloccata alla frontiera e deve farsi la quarantena imposta a chi rientra dall’ estero: indiani, rumeni in massima parte , gente che ha già lavorato e che ha da anni contratti stagionali regolari?

Vogliamo parlare di sprechi, senza citare gli 11 milioni di Euro buttati dalla regione Lazio per mascherine fantasma perchè fa tanto brutto parlare delle topiche della maggioranza, che poi è minoranza nel paese?

Il più clamoroso è quello dei 4 milioni di euro buttati nel riscatto della signorina ( o signora )Romano. Buttati, perchè quando il danaro è scarso prima della salvezza individuale si deve salvaguardare la salvezza collettiva, che poi sarebbe il ragionamentodel privilegiare la salute pubblica a discapito dell’ impresa privata,

Dove sta la coerenza? Ah, non vale per cert’ uni…

In secondo luogo finanziare il terrorismo non solo è uno spreco, ma un atto irresponsabilmente criminale che scalfisce la sicurezza di tutti. Se poi dovesse risultare vera la circostanza che costei ha abbracciato la fede islamica – e questo sono fatti suoi – ci si dovrebbe porre il problema che tale presunta conversione sarebbe avvenuta in un ambiente avvelenato dal virus del terrorismo e nulla e nessuno mi distoglie dal remoto pensiero che oltre ad abbracciare una religione costei non abbia abbracciato qualcosa d’ altro.

Se poi è intenzione di costei rientrare al più presto in Africa, lo spreco è conclamato ed ancora più rivoltante.

E siccome in Italia vige il doppiopesismo ideologico mi indigna anche e soprattutto la felicità per il rientro con grandi fasti della signorina ( o signora ) Romano, mentre ad un certo Fabrizio Quattrocchi , fatto rientrare in clandestinità da cadavere, viene negata persino l’ intitolazione di una piccola via nella sua città e ne viene fatta una vigliacca damnatio memoriae.

Questo non è il paese nel quale voglio vivere. Non più.

Avv. M.Stefano Sforzellini – Trento

Potete inviare le email al direttore da inserire nella rubrica «io la penso così» scrivendo a: redazione@lavocedeltrentino.it

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]

Categorie

di tendenza