Connect with us
Pubblicità

Politica

Gli ambiziosi incapaci e la capacità di risolvere i problemi

Pubblicato

-

Nei tempi di crisi sempre più strategico diventa il tema della gestione del ruolo all’interno delle organizzazioni. La necessità di risolvere problemi, velocemente, cercando le soluzioni più utili per raggiungere gli obiettivi, rappresenta una delle competenze di maggior bisogno. Questo vale in ogni contesto, sia aziendale che burocratico.

In questo secondo caso, proprio per la sua forma organizzativa, i tempi e i modi sono molto più lenti e complicati. Vien da dire che la burocrazia è un sistema incapace di correggersi, anche se il problema si può vedere da un altro punto di vista, e cioè che solo la politica può riformare la burocrazia.

Quindi è sta nella volontà dell’organo politico il compito di attuare quelle riforme che permettano quanto meno di iniziare un percorso di cambiamento. E siamo al tasto dolente, ovvero nella capacità decisionale di chi deve porre in essere dei miglioramenti strutturali.

Pubblicità
Pubblicità

Where’s the will, there’s the way, come dicono gli americani, solo quando si è mentalizzato che il cambiamento non è solo necessario, ma l’unica via per risolvere i problemi, allora può esserci un metodo di lavoro.

Assistiamo inerti in questi giorni duri per tutti a delle situazioni inconcepibili per una normale mente pensante, dalla difficoltà di accedere a finanziamenti, la scarcerazione di mafiosi, il problema sbarchi, la lentezza non solo delle procedure, ma anche di una strategia condivisa che sia la più opportuna per affrontare la crisi economica e la politica sanitaria.

Il comune cittadino non riesce a capire perché debba subire questa impreparazione, quando a lui viene chiesta la rigidità nell’eseguire norme e comportamenti.

Pubblicità
Pubblicità

Ogni persona che ha l’onore di rivestire una carica, deve essere consapevole del ruolo che ha, e non vivere del proprio ego e della propria ambizione.

Di ambiziosi incapaci è pieno il mondo, e, se per situazioni di normale gestione, non è fondamentale garantire competenze specifiche consolidate, questa mancanza nel proprio profilo professionale, non è tollerata in situazioni di vera emergenza, in cui la velocità di decisione e di fornire risposte, fa sicuramente la differenza.

Il caso del governatore del Veneto, Luca Zaia, può essere un esempio a tutti visibile. Difronte ad una medesima emergenza, la risposta non è stata la stessa, e i risultati sono stati diversi. Ma in questo contesto quelli che ci hanno rimesso sono le vite dei cittadini, che in Veneto hanno ottenuto risposte ed evitato una strage di vite umane. E non è da dimenticare.

Quante volte vediamo nello sport, che una squadra cambiando allenatore, cambia totalmente il suo gioco e i risultati? Bisogna prendere atto, che non tutti sono nati per essere dei leader autorevoli e illuminati, non tutti hanno la capacità di capire, decidere e dare le migliori soluzioni, e dispendersi per il bene comune e non per il proprio interesse.

C’è l’ambizione, che spinge ad andare oltre i propri limiti, con i risultati di trovarsi spesso a dover gestire situazioni senza averne le competenze.

Ci domandiamo, quando porto la macchina dal meccanico, mi aspetto che la macchina venga riparata e mi garantisca il suo uso in maniera sicura. Allora perché non posso pretendere questo difronte al lavoro di un politico, o un amministratore, di poter cioè fare affidamento su una persona che abbia qualcosa in più, che riesca a gestire meglio di un comune cittadino impegnato nella sua vita, le questioni pubbliche in genere?

Gli ambiziosi incapaci sono il nodo da sciogliere della società italiana, finchè ci troveremo davanti personaggi che vivono del potere che si sono conquistati, e causano danni invece che risolvere problemi, ogni sforzo del comune cittadino può avere un valore eroico, ma si dimostra spesso quasi inutile.

Fare bene le cose che non servono è uno degli sport preferito di molti italiani, e della classe dirigente. Che senso ha non affrontare i problemi strutturali e risolverli, per spendersi su questioni di secondo piano, che hanno una ricaduta pressoché inutile sul cambiamento sociale e sulla possibilità di sviluppo?

Ora c’è bisogno di passare dalle parole degli “esperti” e dei giornalisti, ai fatti concreti che solo la decisione politica può garantire. E non c’è più tempo per aspettare Godot, altrimenti si crea povertà unita alla già diffusa miseria. E non solo povertà economica, ma sconforto e mancanza di stimoli a provarci e dare il meglio di Sé. Se gli intellettuali o le elitè, hanno ancora un senso, questo dovrebbero fare, dare una prospettiva di valori e prevedere prima degli altri i rischi di un degrado sociale nella professionalità di chi è chiamato a governare i processi di cambiamento.

Una vicenda come le scarcerazioni dei boss mafiosi è lo specchio di un sistema, che non riesce nemmeno a proteggersi da se stesso. E sembra che il mondo della cultura non si renda conto di quanto stia accadendo, forse perche assorto a cercare di capire ancora dove sia l’origine del tracollo sociale ed economico. O forse perché limitato nella sua funzione meramente accademica, che deve rispondere a logiche ideologiche e non ad un pensiero libero. L’ancorarsi a valori fondanti una storia e un popolo sono la garanzia della sua valorizzazione. Il dimenticare il proprio passato è invece l’anticamera della perdita delle proprie radici. Questo per abbracciare valori imposti da un cosmopolitismo creato ad hoc da poteri soranazionali.

Quello che c’è in gioco è la storia di un popolo che rischia di venir sostituito, e nel suo futuro potrà solo ricordare un passato da protagonista non solo a livello culturale.

Forse la classe politica dirigente dovrebbe capire che non c’è rinascita se non valorizzando le eccellenze e non usando gli ambiziosi che vivono tentando di essere all’altezza e usando il loro potere per il proprio interesse.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]

Categorie

di tendenza