Connect with us
Pubblicità

Trento

Leonardo Divan scrive al ministro Azzolina: «Esame sia presenziale e valuti il percorso complessivo dello studente»

Pubblicato

-

Leonardo Divan, presidente della consulta provinciale degli studenti, scrive al Ministro Lucia Azzolina.

L’argomento riguarda le modalità dello svolgimento dell’esame di Stato.

La richiesta di Divan è quella di avere chiarimenti sul nuovo modello organizzativo della scuola investito dalla «tempesta» Covid 19.

PubblicitàPubblicità

Focus della lettera, a sole sei settimane dall’Esame di Stato, è l’incertezza su come sarà affrontato. Le modalità infatti per il momento rimangono molto fumose.

LA LETTERA DI LEONARDO DIVAN

Onorevole Ministro,

Pubblicità
Pubblicità

come Presidente della Consulta degli Studenti di Trento, mi sento obbligato a rivolgermi direttamente a Lei, nella speranza che le richieste di chiarimenti di tutti studenti, e nello specifico di quelli trentini, possano essere ascoltate.

Nella nostra Provincia, sin dal principio di questa crisi, i Dirigenti Scolastici hanno attivato forme di didattica a distanza ponendo al centro delle misure attuate, la figura dello studente.

Pubblicità
Pubblicità

Questa forma nuova di didattica ci ha colto del tutto impreparati e di soppiatto: abbiamo quindi, sempre coordinandoci con il corpo docente di ogni singolo Istituto, dato il meglio di noi per poter improntare il lavoro dedito al prosieguo del percorso accademico previsto per l’anno scolastico 2019-2020.

Sin dal primo DPCM che prevedeva la didattica a distanza, non era chiara la finalità di questo strumento, omettendo se dovessero esservi raccolte valutazioni di ogni forma. In seguito, con molta lentezza, sono pervenute informazioni utili che ci hanno consentito di lavorare in un panorama maggiormente circoscritto e normato, anche se, permangono tutt’ora dubbi rispetto a diversi temi tra cui la privacy e il numero massimo di ore di frequenza giornaliera.

Su questo punto mi sento di dovere fare una precisazione, la maggior parte delle iniziative attuate durante il periodo di picco della pandemia sono state frutto del lavoro di studenti, docenti, dirigenti e assessorato provinciale, poiché in nessun momento il ministero ha espresso una linea chiara sulla gestione delle attività scolastiche.

Tutto ciò constatato abbiamo proseguito con dedizione ed impegno al fine di terminare il programma scolastico come possibile, senza polemiche nonostante l’assenza di un chiaro percorso delineato dal Ministero.

La più rilevante delle problematiche che vorrei affrontare è l’incertezza rispetto all’Esame di Stato. Ci troviamo a sei settimane da quell’occasione, sapendo poco delle modalità con cui affronteremo questa importante tappa del nostro percorso di vita.

Ho apprezzato molto la decisione di proporre una Commissione interna con escluso il Presidente, esterno, a garanzia della correttezza dello svolgimento dell’esame. Il suo ultimo comunicato ha chiarito anche altri aspetti come il peso dei crediti formativi rispetto all’esame orale.

Sarebbe però, ad ora, necessario comprendere come si svolgeranno questi esami di Stato, perché purtroppo i dubbi sono più delle certezze. Ricevo costantemente contatti di miei colleghi studenti che da un lato, apprendono dalle testate giornalistiche l’intenzione di svolgere esami presenziali, e dall’altro non vedono confermato tale intento da una circolare o da una delibera. Questo tipo di anomalia normativa genera una fibrillazione sociale, che non può essere prodotta da chi dovrebbe garantire agli studenti serenità, certezze e vicinanza durante un rito di passaggio importante come la maturità.

Il secondo punto che tengo a sottolineare è la situazione degli studenti che dovranno frequentare, nelle scuole medie superiori, l’anno accademico 2020-2021. Recentemente Lei ha parlato di percorsi a metà telematici e a metà presenziali, sollevando una forte critica da parte dei docenti e dei sindacati che rappresentano questa categoria, basata sull’incertezza, data da questa affermazione, sulla carica oraria. A questa leva di perplessità mi accodo anche io, chiedendo chiarezza su come si decideranno le cariche orarie per gli studenti e su come si potrà definire chi andrà a scuola e chi no.

Recentemente il Presidente della Repubblica ha sottolineato il parallelismo cogente fra il diritto allo studio e il concetto di libertà, risaltando quanto sia importante tornare il prima possibile alla regolare frequenza scolastica; io vorrei aggiungere, Signor Ministro, che quando lo si farà bisognerà farlo in maniera chiara, sicura e totale, sia per il personale, sia per i docenti, che per noi studenti. Rientrare in maniera dilazionata nelle aule non risulta una pratica democratica ma una vittoria di Pirro, che in molte regioni, fortunatamente non per la mia, colliderebbe con strutture fatiscenti e pericolanti, che ne risulterebbero sovraccaricate ulteriormente.

Mi permetto di presentare qualche proposta, pensata sulla realtà degli studenti trentini e italiani: Per quanto riguarda l’esame di maturità, proponiamo che sia presenziale, che valuti il percorso complessivo dello studente e non solo per il quinto anno. Così da tutelare il senso del percorso formativo. Evitare assembramenti tramite l’uso delle aule magne e delle palestre, facendo accedere gli studenti solo dieci minuti prima dell’esame. Tenendo anche conto di non sovraccaricare i docenti.

Per la ripartenza, penso sia chiaro che non si possa ripartire a singhiozzo e quindi mi metto a disposizione, così come auspico tutto il sistema scuola, per individuare un percorso comune e viabile che includa tutti, garantendo la funzione civica, sociale e democratica della scuola.

Onorevole Ministro, gli esempi che ho sottoposto alla Sua attenzione, sono atti a dimostrarLe la situazione degli utenti del sistema scolastico, auspicando che questa missiva possa essere utile al Suo Ministero. Con il fine di dare risposte rasserenanti e specifiche con particolare riguardo ai maturandi che si trovano in grave apprensione circa il loro futuro accademico, da cui passa la loro vita, e da cui, Onorevole Ministro, passa il futuro di questo paese.

Confidando in una Sua pronta risposta porgo alla Signoria Vostra un deferente saluto

Leonardo Divan

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]
  • “Regalati il Molise”:case vacanze gratis per rilanciare turismo e piccoli borghi
    Nell’anno in cui l’emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi del classico turismo legato alle grandi mete e alle vacanze tradizionali, una delle regioni più piccole d’Italia ha deciso di riaprire i confini del turismo con una particolare iniziativa aperta al mondo: “ Regalati il Molise perché il Molise è un regalo speciale”. L’annuncio arriva […]
  • Cortina d’Ampezzo plastic- free: da luglio stop a plastica in ristoranti, bar ed eventi
    Preservare la salute del pianeta e del nostro futuro è diventato una delle urgenze più importanti del momento, tanto da impegnare associazioni governative internazionali e Governi di tutto il mondo per trovare una soluzione efficacie alle problematiche ambientali. Dallo sfruttamento delle energie rinnovabili, alla raccolta differenziata, molte sono le soluzioni fino ad ora utilizzate per […]

Categorie

di tendenza