Connect with us
Pubblicità

economia e finanza

Emergenza coronavirus: il popolo della notte dimenticato da tutti

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Nel girone infernale delle partite Iva senza certezze per il futuro ci sono anche gli innominati, ovvero tutti coloro che lavorano nel divertimento notturno.

Sono stati primi a chiudere e saranno gli ultimi ad aprire: di loro non ne parla nessuno.

In Trentino, per avere un minimo di visibilità, hanno aperto una pagina Facebook “ Operatori dello Spettacolo Trentino” sono musicisti, dj, tecnici dello spettacolo, fonici, ballerini, cabarettisti, maghi e giocolieri, ed infine gli organizzatori di eventi.

Pubblicità
Pubblicità

Molti sono titolari di contratti a termine, stagionali o anche per brevi periodi ed al loro fianco si sono i gestori delle discoteche, balere, locali notturni, ma anche cinema e teatro perché in un colpo solo, è stato cancellato un settore che dà lavoro a 90 mila persone più quelli occupati “a chiamata”: sono il popolo della notte e le loro famiglie.

Tutti senza lavoro, aiuti e futuro. Jerry Calà ha fatto un appello per rompere il silenzio abissale nel quale è caduto tutto il settore.

Non si sa come, ma nemmeno quando potranno riaprire perché è impossibile pensare al rispetto della distanza sociale all’interno di una discoteca o in un locale di Lap Dance.

Pubblicità
Pubblicità

Cinema e teatri lo potranno fare, ma solo dimezzando i posti occupati: già non navigavano nell’oro e questa prospettiva rischia di metterli definitivamente in ginocchio.

A Trento, ad esempio, i cinema sono tutti multisala allo scopo di poter proiettare più film e quindi arrivare ad incassi maggiori.

Dimezzando i posti a sedere, saltano tutte le prospettive e forse si dovrà tornare alla vecchia sala unica.

Un altro ostacolo per le discoteche e locali notturni, è dato dall’essere tutti in affitto: ampi spazi con spese elevate giustificate dagli incassi: oggi è tutto bloccato.

Siamo di fronte ad un altro settore che va aiutato ad approdare ad una riva tranquilla anche perché non sarà un settore economico vitale, anzi se vogliamo lo si potrebbe considerare al limite del necessario, ma nessuno di noi può dimenticarsi le emozioni, le sensazioni, i sogni e le speranze che ci ha regalato il popolo della notte.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

A Cavareno si impara l’inglese

Rovereto e Vallagarina7 ore fa

A Folgaria «La lingua batte dove il dente duole»

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

Bartolomeo Carneri: un trentino illustre valorizzato a Vienna

Rovereto e Vallagarina8 ore fa

Avio: in corso i lavori di sistemazione della strada forestale

Trento8 ore fa

Riconoscimenti OMS-UNICEF: anche i Consultori e i servizi della Comunità di Apss sono Baby Friendly

Trento8 ore fa

Rincari e effetti per i servizi di assistenza, Segnana ha incontrato U.P.I.P.A e Spes

Trento8 ore fa

Fugatti: “Assestamento di bilancio pienamente operativo”

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

“Aperitorno al futuro”: in Val di Sole un workshop per permettere ai giovani di far sentire la propria voce

Cani Gatti & C9 ore fa

ENPA chiede la riduzione dell’IVA al 10% per pet food e spese veterinarie

Italia ed estero9 ore fa

Nuova inquietante gaffe di Biden. «Jackie, dove sei?», ma la deputata è morta in agosto

Trento10 ore fa

L’Ospedale Santa Chiara di Trento per la terza volta «Amico delle Bambine e dei Bambini»

Vita & Famiglia10 ore fa

Giornata aborto sicuro. Pro Vita: «Di sicuro solo la morte di un bambino»

Trento10 ore fa

Coronavirus, nelle ultime 24 ore in Trentino 658 nuovi positivi

Rovereto e Vallagarina10 ore fa

Ala: serata in ricordo del poeta Giuseppe Caprara

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza