Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Libero anche il carceriere del piccolo Di Matteo poi sciolto nell’acido

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Cataldo Franco, 85 anni, stava scontando l’ergastolo: fu per due mesi custode del piccolo Giuseppe Di Matteo (foto) che poi fu barbaramente sciolto nell’acido.

E’ andato ai domiciliari perché malato e per pericolo che contraesse il covid-19.

Cataldo Franco, oggi 85 anni, custodì per alcuni mesi l’ostaggio nella sua masseria di Gangi tra l’estate e l’ottobre del 1994; in seguito il ragazzino subì diversi spostamenti prima di essere ucciso.

Pubblicità
Pubblicità

Cataldo Franco aveva restituito il prigioniero con una laconica motivazione: siccome si avvicinava la stagione della raccolta delle olive, gli serviva il capanno che faceva da cella del ragazzino.

L’ergastolano è fuori dal carcere dal 28 aprile scorso ed era detenuto nel penitenziario di Opera (Milano): il suo nome fa parte dell’elenco di oltre 370 detenuti che in seguito al decreto sul coronavirus hanno beneficiato della scarcerazione per motivi di salute.

L’istanza di domiciliari era stata presentata dalla direzione carceraria. Cambia il capo del DAP ma non la linea del ministro di giustizia cinque stelle Bonafede. 

Pubblicità
Pubblicità

“Apprendiamo dai media che l’ergastolano Cataldo Franco, originario di Gangi (Palermo) e condannato per il sequestro e l’omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo, ha ottenuto la detenzione domiciliare. L’inammissibile notizia si aggiunge a quelle di altre scarcerazioni di personaggi di alta caratura criminale anche di camorra e ‘ndrangheta avvenute in questi giorni, e accresce il senso di profonda vergogna che proviamo al cospetto delle vittime della barbarie della mafia, di fronte a cui lo Stato dimostra così di cedere”.

E’ il duro commento di Valter Mazzetti, Segretario Generale dell’Fsp Polizia di Stato, alla notizia dell’ultima scarcerazione “eccellente”, questa volta dell’ergastolano Cataldo Franco, che si aggiunge alle altre venute alla ribalta delle cronache in queste settimane, fra cui l’altra altrettanto eclatante del boss di camorra Pasquale Zagaria.

“Proprio da servitori di uno Stato per il quale tanti di noi hanno perso la vita – aggiunge Mazzetti – non possiamo nascondere l’orrore per il messaggio devastante che sta passando, delle Istituzioni che abdicano al proprio ruolo di garanti della giustizia, dell’equità sociale, della sicurezza, del rispetto dovuto ai cittadini onesti. Condannati per reati talmente gravi non possono e non devono andare a casa. La mafia, oltre tutto, vive anche di simbolismi, e un assassino condannato all’ergastolo che esce è un assassino che si fa beffe della legge. La pena deve essere una certezza di fronte al massimo della riprovazione che lo Stato possa contestare. E’ indispensabile che il sistema metta in pratica ogni mezzo previsto per evitare uno scempio come la scarcerazione di un criminale, perché non c’è modo di far comprendere ai cittadini che chi ha preso parte al sequestro e al feroce omicidio di un bambino sciolto nell’acido può uscire di galera. E sinceramente non c’è modo per farlo digerire anche a noi che crediamo nella divisa perché crediamo nella missione di difendere i più deboli dalla violenza altrui”.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella42 minuti fa

L’Asuc di Tuenno sistema la strada forestale, il consigliere Santini si complimenta col direttivo

fashion46 minuti fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Italia ed estero56 minuti fa

Lancia pietre sulle macchine in autrostrada e minaccia di tagliarsi la gola: bloccato col taser 22 enne egiziano

Alto Garda e Ledro1 ora fa

A Ferragosto la solenne celebrazione votiva di Santa Maria Assunta

Rovereto e Vallagarina1 ora fa

Violento scontro tra un furgone e una corriera a Santa Lucia di Ala, ferito un 48 enne

Alto Garda e Ledro2 ore fa

Arco, sospetti bocconi avvelenati in via San Sisto

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Orso, diversi avvistamenti a Spormaggiore: le raccomandazioni del sindaco Pomarolli

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Brucia una legnaia nella notte in Paganella: i danni sono ingenti

Rovereto e Vallagarina5 ore fa

Chiuso l’Hotel Des Alpes di Serrada di Folgaria: l’impianto antincendio non funzionava correttamente

Spettacolo6 ore fa

Per Olivia Newton John funerali di Stato in Australia

Rovereto e Vallagarina6 ore fa

Si terranno sabato 13 agosto a Lonigo i funerali di Willy, il 17 enne annegato nel lago di Lavarone

Io la penso così…6 ore fa

«Body shaming»: una discriminazione quotidiana che passa sotto silenzio

Trento7 ore fa

Circonvallazione ferroviaria, non si ferma il cantiere pilota

Rovereto e Vallagarina7 ore fa

La festa dell’Assunta in mano ai giovani della Proloco di Villa Lagarina

Trento7 ore fa

Maltempo: Coldiretti, 1140 eventi estremi nell’estate bollente

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza