Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

In quarantena gli studenti dell’Istituto Pilati di Cles non si fermano: venerdì 8 maggio in web la prima puntata di “Noi siamo il Pilati”

Pubblicato

-

La quarantena causata dall’epidemia da Coronavirus non ha fermato gli studenti dell’Istituto Tecnico ‘Carlo Antonio Pilati’ di Cles, che, vista l’impossibilità di presentare il progetto “Noi siamo il Pilati” dal vivo, hanno deciso di mandarlo in onda attraverso internet, creandone una serie web.

Il progetto “Noi siamo il Pilati”, è nato dalla voglia di raccontare i giovani che frequentano l’Istituto Pilati di Cles; è strutturato in cinque puntate, che usciranno una volta a settimana.

La prima puntata è prevista venerdì 8 maggio alle ore 18,00 online sui canali Facebook, Youtube ed Instagram.

Pubblicità
Pubblicità

Il gruppo di ragazzi protagonisti parteciparono al gruppo teatrale dell’Istituto Pilati di due anni fa.

L’estrosità e l’eterogeneità di questo gruppo ispirò la docente Nadia Sandri nel voler raccontare la loro diversità. Infatti, quattro dei sei protagonisti della serie fanno parte del gruppo teatrale; a questi se ne sono aggiunti altri due scelti attraverso un ‘casting’ con i ragazzi, tenuto dalla docente Sandri e da Nicola Bortolamedi, regista e montatore della serie web.

La scelta del web è legata al desiderio di usare un canale che sia vicino ai giovani e a tutta la comunità, vuole essere una testimonianza del mondo della scuola nel momento storico molto delicato che stiamo attraversando.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non e Val di Sole saranno quindi la splendida cornice della quotidianità di storie positive, di persone che credono in ciò che fanno, e che affrontano le sfide del presente e del futuro. L’obiettivo educativo è inoltre avvicinare le nuove generazioni al saper e al sapersi raccontare.

Sono state esplorate le loro esperienze, collegate al genere, alla religione, alle convinzioni personali, all’etnia, all’età. I sei protagonisti sono: Giada Borghesi di Rallo, Nives Piazzi di Castelfondo, Chiara Stanchina di Livo, Cristian Bachmatchi di Tozzaga, Claudia Negri di Tres e Iman Inani di Coredo.

Si tratteranno quindi storie di sport e amicizie forti, per arrivare a storie di integrazione positiva e impegno sociale, passando per la passione per la radio e il motocross.

Spiega Nadia Sandri, docente di lingua inglese dell’Istituto Pilati, ideatrice del progetto: “Il progetto valorizza il vissuto dei ragazzi che frequentano l’Istituto Pilati di Cles e il loro rapporto con il territorio e la scuola. Si intende sensibilizzare la comunità sullo stato attuale del mondo giovanile locale. Qui abbiamo un nuovo luogo di confronto multimediale che parte dalla Val di Non e dalla Val di Sole. Il valore di questi racconti ha come base le varie culture, famiglie e inserimenti sociali differenti. I nostri ragazzi costituiscono una risorsa incredibile e sono convinta che dal racconto delle loro storie nasca una ricchezza umana che non si somma, ma si moltiplica!”. Su Youtube il video della professoressa Nadia Sandri che dà alcune anticipazioni sulla serie.

Carmen Noldin, Assessore alle Pari Opportunità e al Distretto Famiglia della Comunità di Valle della Val di Non, commenta: “La Comunità di Valle collabora da sempre con le scuole e vede la scuola come l’agenzia principale per il nostro futuro. Conoscerci e riconoscerci nel mondo della scuola rappresenta il motivo fondamentale di questo progetto. L’aspetto innovativo è legato alla tematica dell’inclusione che parte dalla conoscenza diretta dei nostri giovani. I nodi del lavoro sono due: il primo è il rapporto tra il giovane e la scuola, quale istituzione e luogo di crescita, mentre il secondo è il rapporto tra il giovane e il territorio vissuto, percepito spesso come limite e soltanto talvolta come opportunità. Grazie a questo investimento culturale si avvia una produzione nuova e a misura dell’utenza dei social network. Questo modo dinamico di fare informazione, capace di lavorare con i giovani, credo sia una fonte di comunicazione consapevole e autentica.”

Nicola Bortolamedi, regista e montatore della serie web, parla di questa esperienza: “Con i ragazzi si è creato da subito un rapporto confidenziale che è stato la carta vincente del progetto. Sono stato accolto in modo amorevole dalle famiglie dei ragazzi. Genitori e fratelli dei protagonisti si sono aperti e si sono raccontati a loro volta, perché hanno capito l’importanza di quello che i ragazzi stavano creando. Le cinque puntate della serie “Noi siamo il Pilati” raccontano storie che vogliono essere uno stimolo a vivere in modo più genuino le opportunità che abbiamo. Se tutto andrà bene, probabilmente presenteremo il progetto dal vivo in settembre o ottobre prossimi”.

Il registra Bortolamedi, allo scopo di promuovere il progetto, mercoledì 5 maggio alle ore 17,00 sarà intervistato in diretta su Radio Anaunia, durante il programma ‘Tempo reale’ di Alessandra Demagri e Giulia Stringari.

Per vedere le puntate della serie web ‘Noi siamo il Pilati’ basta accedere attraverso i seguenti link: Instagram, Youtube,

Su Facebook: Noi siamo il Pilati

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza