Connect with us
Pubblicità

Politica

Bella Ciao e flashmob: l’ideologia entra nella scuola trentina. Gerosa: “Inammissibile”

Pubblicato

-

Bella Ciao nella scuola pubblica trentina? Gravissimo. Siamo consapevoli che in questo momento le priorità per il Paese sono molteplici: la nostra salute e la crisi economica in primis. Ciò non toglie che su alcune questioni non si possa rimanere indifferenti. 

Trovo davvero grave leggere tra i compiti di mia figlia, che frequenta la seconda media in una scuola pubblica, l’invito del professore di musica a imparare Bella Ciao e a partecipare al flashmob indetto dall’Anpi. Questo è fare entrare le ideologie tra i banchi dei nostri figli”.

E’ quanto ha reso pubblico attraverso il suo profilo social e poi alla nostra redazione, dalla coordinatrice provinciale e commissario di Fratelli d’Italia, Francesca Gerosa. 

Pubblicità
Pubblicità

Succede anche in tempi di quarantena, dove le relazioni tra alunni e insegnanti sono a distanza, lezioni e compiti per casa vengono ordinati online, di imbattersi in qualche tentativo di introdurre le ideologie politiche travestite da ‘cultura’ all’interno del contesto scolastico. 

E’ il caso (neanche a dirlo) del 25 aprile, Festa della Liberazione e di ‘Bella Ciao’, inno acquisito dai partigiani nell’era post bellica e successivamente attribuito, con tanto di cambio del testo, al periodo della Resistenza.

E anche nella giornata tradizionalmente dedicata al ricordo della Resistenza e della fine della seconda guerra mondiale, la giustificazione è pronta. La storia della Liberazione è stata sdoganata e legittimata dai piani ministeriali del dopoguerra. Nessuna imposizione, solo ‘istruzione’.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo il post pubblicato su Facebook sono stata contattata da genitori che in molte altre parti d’Italia hanno assistito ad episodi analoghi – continua Gerosa – . E’ già di per sé inaccettabile la strumentalizzazione di una data storica di cui una parte politica si è impossessata, circoscrivendone il quadro storico in maniera faziosa e dipingendolo di un solo colore. Insinuare nelle coscienze dei ragazzi questa visione e per di più a livello scolastico è inammissibile”.

Un episodio, a ben vedere non l’unico, che ora verrà segnalato dalla coordinatrice di FdI anche a livello istituzionale. 

Conferma Gerosa: “Ho mandato una mail al professore e alla responsabile di classe per esprimere le mie perplessità, ma ho anche invitato l’assessorato all’istruzione della Provincia di Trento a pubblicare una nota dove esorta tutte le scuole a non portare l’ideologia tra i banchi, di nessun colore politico. 

In tutto ciò, non si tratta di un attacco a un singolo professore, ma dell’esortazione a un intero sistema perché abbia cura di prevenire episodi di questo tipo”.

La stessa comunicazione, ci dice la coordinatrice, è stata poi inviata ai responsabili istituzionali di Fratelli d’Italia a Roma, perché ‘ci si possa attivare a livello parlamentare con un’interrogazione e un’azione più estesa da parte del ministero, che sensibilizzi il sistema scolastico a non divulgare ideologie personali e di parte”.

Proprio per ieri, in occasione delle celebrazioni virtuali, con qualche exploit pratico in barba all’esasperazione di moltissimi italiani tenuti in ‘cattività’ dall’emergenza Covid, la Presidenza e la Segreteria nazionale ANPI avevano lanciato l’iniziativa del flash mob #bellaciaoinognicasa. 

Qualche insegnante, anche in Trentino, ha quindi pensato di invitare gli alunni a partecipare alle manifestazioni virtuali e a imparare a suonare e cantare ‘l’inno’.

Nonostante sia diventata nei fatti la canzone ufficiale della Resistenza, Bella ciao non sarebbe mai appartenuta davvero alle formazioni partigiane, ma diventata di uso comune solo dopo 20 anni dalla fine della seconda guerra.

E’ stata tuttavia acquisita come strumento ideologizzante per generazioni di giovani che anche oggi vengono invitati ad interiorizzarne musica e versi come ‘canto di libertà’.

La scuola è di tutti e dovrebbe guardare ad ampio raggio a tutti gli accadimenti e gli snodi di fondamentale importanza per la storia d’Italia, senza distinzioni – conclude Gerosa – . L’ideologia deve restare fuori dalla scuola soprattutto in un’età in cui ragazzini poco meno che adolescenti non hanno ancora autonomia di pensiero e una coscienza civica formata. E’ una questione, in primis, di responsabilità civile e sociale nei confronti delle nuove generazioni”.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza