Connect with us
Pubblicità

economia e finanza

Il burro batte l’olio d’oliva: ecco gli alimenti più venduti in tempo di coronavirus

Pubblicato

-

Quali sono gli alimenti più venduti e quelli meno, durante questa emergenza Covid 19?

Quando tutto ebbe inizio, era stato il pane l’alimento più venduto: acquistato e surgelato nel timore che non lo si potesse più trovare, poi il tempo da trascorrere in casa ha fatto cambiare del tutto la situazione: vendite del pane in netto calo, in aumento invece lievito e farine.

La gente ha capito che pane, pizze ed anche torte si potevano fare in casa.

Pubblicità
Pubblicità

Così la farina ha incrementato le vendite del 139%.

Per le uova un +66% in costante aumento ed oltre alla pasta fatta in casa, hanno fatto riscoprire vecchie ricette delle nostre nonne.

Tra i formaggi a sorpresa, il record spetta al mascarpone: + 187% in quanto prodotto base per il tiramisù, gelati e creme.

Pubblicità
Pubblicità

E per chi vuole sperimentare è perfetto anche per piatti salati, sughi bianchi o salse.

E che dire del burro? Fino a gennaio bistrattato ed evitato come uno degli alimenti peggiori per la nostra salute.

Bene da fine febbraio ha incrementato le vendite del 72% e temporaneamente ha vinto l’eterno confronto con l’olio d’oliva.

In Trentino è aumentata la vendita di prodotti del territorio. L’invito del presidente Fugatti ad acquistare solo prodotti del Trentino quindi ha portato ad un primo importante obiettivo.

Ma queste settimane hanno registrato anche il record delle vendite online genericamente cresciute del 178,1% col cibo d’asporto a +64%.

E le vendite della grande distribuzione?

Nel soli giorni compresi tra il 6 ed il 12 aprile, l’incremento rispetto allo stresso periodo dello scorso anno è stato dell’11,8%.

Basandosi sui dati di vendita dei detergenti, si potrebbe perfino pensare che gli italiani si siano dati all’igiene grazie al Covid 19: detergenti per superfici: + 37,3%; guanti +97%; sapone per le mani liquido e solido + 51,1%; candeggina + 46,6%; panni spugna + 44,9%; alcool denaturato + 130%.

Al contrario crollo delle uova pasquali (- 26,6%) e delle colombe (- 37,5%) rispetto allo stesso periodo del 2019.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza