Connect with us
Pubblicità

economia e finanza

fase 2, si tornerà a lavorare la domenica in fabbriche e aziende?

Pubblicato

-

Per la cosiddetta “Fase 2” che tutti aspettano con ansia, ci sono ancora tante domande senza risposta.

L’unico dato certo è quello che per il futuro serviranno 300 milioni di mascherine al mese il cui costo, al momento, non è detraibile e l’aliquota Iva è ferma al 22% perché il Governo ha bocciato la richiesta della Lega di abbassarla al 4%.

A tutt’oggi il governo giallorosso ci obbligherà ad una dotazione, sulla quale lo Stato avrà un cospicuo margine di guadagno.

Pubblicità
Pubblicità

Ma vediamo quali sono le situazioni da chiarire.

Si rientra al lavoro e dovranno essere potenziati i mezzi pubblici che torneranno ad essere affollati di pendolari.

L’ipotesi è quella che la capienza massima debba corrispondere alla metà dei posti a sedere, ma non è stata ancora indicata la distanza minima da rispettare.

Pubblicità
Pubblicità

A seguire gli orari in fabbrica, si tornerà a lavorare alla domenica?

Nulla è stato deciso a pochi giorni dalla fine del lockdown, ma se le presenze dovranno essere scaglionate, è possibile che i turni finiscano per essere su 7 giorni e non più su 5.

Per le realtà più grandi si pensa alo smart working obbligatorio.

Emergenza mascherine. Se col lockdown ne servono 90 milioni al mese, per la ripartenza la Protezione Civile stima che la necessità potrà essere di 300 milioni.

Se solo torneranno al lavoro i 6 milioni di italiani che oggi sono a casa, ne utilizzeranno da soli 180 milioni. La domanda è: saranno disponibili?

Con le scuole e gli asili che riapriranno a settembre ( a questo proposito il Governo non ha la minima idea di quali potranno essere le modalità) i genitori che tornano al lavoro a chi potranno lasciare i figli, dal momento che i nonni e i parenti anziani sono considerati out?

Ma anche in questo caso Conte e la sua task force, che da ieri è salita a 450 persone, non hanno idee.

Quali saranno gli orari dei negozi alla riapertura? Buio totale con l’unica certezza che si dovrà garantire il distanziamento sociale.

Tante le ipotesi, ma nessuna decisione col limbo di quelle attività, come parrucchieri, estetiste e barbieri, che la distanza di un metro non possono rispettarla.

Infine la spesa? Si pensa, prove in corso a Milano, alla prenotazione online dell’orario d’ingresso al supermercato per evitare le code esterne.

Insomma tante idee, ma ben confuse da parte di un governo che per ora pare non avere la minima idea di come gestire gli aspetti pratici dei suoi proclami. Intanto il PIL è in profondo rosso, -15%

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Chalet Pinocchio, dove sentirsi sempre a casa
    Chalet Pinocchio si trova a Brentonico, nel sud del Trentino, a 16 km dal centro di Rovereto e a 10 km dall’uscita autostradale di Rovereto sud. Situato in una piccola località montana che d’inverno diventa il centro ideale per accedere alla Ski Area Polsa San Valentino, con piste facili ideali anche per chi vuole imparare; d’estate, […]
  • Bear with Benefits: gli integratori a forma di orsetti gommosi
    Bears with Benefits sono degli orsetti gommosi ricchi di vitamine e minerali. Si tratta infatti di integratori alimentari con un complesso vitaminico e minerale altamente concentrato. Le formulazioni sono sviluppate in Germania e rispettano i più elevati standard di qualità. Durante la produzione, non vengono utilizzati antiagglomeranti, agenti di carica e allergeni: i prodotti sono […]
  • MasonBees: la casa delle api
    MasonBees Ltd. è nata come parte della Oxford Bee Company, ovvero un’organizzazione che ricerca il ciclo di vita delle Red Mason Bee. CJ Wildbird Foods Ltd. ha acquistato la Oxford Bee Company nel 2006 ed ha proseguito la ricerca, conducendo varie prove sul campo con le Red Mason Bees. Queste prove avevano lo scopo di […]
  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]

Categorie

di tendenza