Connect with us
Pubblicità

Trento

Trento: gli spacciatori si trasferiscono sotto i portici per non essere ripresi e il prezzo della droga sale alle stelle

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

All’emergenza coronavirus ci siamo adattati in tanti ed a farlo sono stati anche gli spacciatori di morte che operano nel quadrilatero della Portela.

Quello della droga è un vero e proprio mercato e business, per questo in tempo di coronavirus il costo della dose è aumentato di più di due volte e mezzo.

L’aumento è dovuto alla difficoltà nella consegna e all’obbligo da parte degli spacciatori di consegnarla a domicilio oppure attraverso altri difficili e maggiormente rischiosi canali.

Pubblicità
Pubblicità

Alcuni pusher per la consegna chiedono addirittura un minimo di acquisto. C’è chi, come lo spacciatore nella foto, va al supermercato 10 volte al giorno acquistando solo una lattina di birra alla volta per così essere il regola in caso di controlli delle forze dell’ordine.

In città gli spacciatori hanno capito che i filmati ripresi dai residenti e poi consegnati alle forze dell’ordine, potevano essere efficaci come pure hanno intuito che essendoci molta più gente a casa con molto tempo a disposizione, il rischio di essere ripresi era maggiore.

La soluzione? Cercare e individuare luoghi non raggiungibili e muoversi il meno possibile.

Pubblicità
Pubblicità

Complici gli esercizi commerciali chiusi, la scelta è caduta sul portico di Via Prepositura ( per capirci quello di fronte al ristorante cinese) e su quello di Piazza Leonardo Da Vinci.

In Via Prepositura gli spacciatori possono contare sui negozi etnici dai quali non parte di certo nessuna denuncia, mentre in Piazza Da Vinci il portico è del tutto zona neutra: da una parte l’asilo Zanella che è chiuso e dall’altra Torre Vanga con un passaggio quasi nullo.

Due luoghi dove per i residenti è impossibile filmare, ma solo intuire le attività.

Il pusher arriva in bicicletta ed entra nel portico, dove si ferma il tempo necessario per ritirare la droga e riparte e senza fare troppa strada, raggiunge il luogo della consegna.

Se questa attività in condizioni normali era più a rischio, oggi l’importante è non farsi notare anche perché non c’è un’effettiva volontà di bloccare queste azioni di spaccio.

I residenti? Qualcuno ha segnalato la situazione a “YouPol”, altri hanno chiamato il 112, ma lamentano il fatto di aver dovuto rispondere ad una serie di domande come se fossero loro a compiere un reato.

Alla fine? Non è successo nulla. Gli spacciatori e i loro galoppini sono liberi di muoversi come meglio credono; liberi di eleggere a base due portici che diventano terreni sicuri, il tutto mentre i residenti ed i trentini in generale sono costretti ad rispettare regole da domicilio coatto.

Sul  fenomeno della droga a Trento, dopo la fine dell’emergenza coronavirus, bisognerà porre grande attenzione e studiare con determinazione le contromisure per stroncare definitivamente questa piaga che sta invadendo le nostre città colpendo ragazzi minorenni.

Fotografie scattate in questi giorni

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero2 ore fa

Clamoroso ai mondiali del Qatar: fermati per corruzione quattro italiani a Bruxelles

Valsugana e Primiero3 ore fa

Viabilità, revocato ad Ospedaletto il divieto di transito dei mezzi superiori a 7,5 tonnellate diretti verso Trento

Trento3 ore fa

Morto Eugenio Tani, l’imprenditore diventato leggenda

Musica3 ore fa

Terzo appuntamento jazzistico al Museo Diocesano Tridentino dedicato a Chick Corea

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

La Fondazione Cassa Rurale Val di Non premia gli studenti meritevoli: in palio 9 borse di studio per le tesi di laurea magistrale sulla valle

Italia ed estero3 ore fa

Prevenzione, la Francia annuncia: “Preservativi gratuiti per i ragazzi”

Spettacolo5 ore fa

È in arrivo “Avatar, la via dell’Acqua”, uno dei titoli più attesi dell’anno

Rovereto e Vallagarina5 ore fa

A Rovereto la povertà preoccupa: numerose le famiglie in difficoltà

Le ultime dal Web5 ore fa

Celine Dion: “sono affetta da un raro problema neurologico”

SALUTE5 ore fa

Allarme influenza stagionale: quanto dura e i sintomi

Vita & Famiglia6 ore fa

Cappato si autodenuncia per morte di un 44enne. Pro Vita & Famiglia: «Giustizia faccia suo dovere, punisca chi promuove morte a fragili»

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

Andalo, cambia il sistema di conferimento dei rifiuti da parte delle aziende

Italia ed estero17 ore fa

Addio al bonus 18enni, i fondi a spettacoli ed editoria

Val di Non – Sole – Paganella19 ore fa

L’intera Val di Non imbiancata: Vigili del Fuoco al lavoro

Trento19 ore fa

Ordine Infermieri: «Restituire ai pazienti la vicinanza dei familiari significa restituire un diritto umano»

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…1 settimana fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Io la penso così…5 giorni fa

Sono fan dei Maneskin…ma quando si esagera non va bene

Trento3 giorni fa

Circonvallazione ferroviaria Trento: pian piano la verità viene a galla

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento3 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento1 settimana fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web4 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Meteo3 giorni fa

Da giovedì sera sul Trentino torna la neve anche a quote basse

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza