Connect with us
Pubblicità

Trento

TreCovid19: nuove funzionalità nella App per i trentini (il VIDEO)

Pubblicato

-

Disponibile per cellulari e tablet sugli store di Apple e Google e integrata con nuove funzioni e servizi. È la App “TreCovid19”, lo strumento che raccoglie in un unico contenitore le informazioni ufficiali sull’emergenza Covid-19 in Trentino e che ora si affianca agli operatori sanitari e ai cittadini per monitorare i sintomi della malattia.

Dall’informazione al controllo della salute

Un’evoluzione dell’applicazione TreCovid19 che offre ai trentini che si trovano a casa in isolamento uno strumento in più per interagire con i sanitari incaricati del monitoraggio quotidiano.

Pubblicità
Pubblicità

Da un paio di settimane il controllo dei sintomi può infatti avvenire anche attraverso una applicazione per cellulari e tablet sviluppata da TrentinoSalute4.0, il gruppo di lavoro composto dal personale dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari, della Provincia e della Fondazione Bruno Kessler.

La App TreCovid19 è uno strumento di supporto di autovalutazione semplice da utilizzare per i pazienti più autonomi. Laddove le persone siano in grado di auto misurarsi febbre, tosse, pressione, dolore e altri sintomi, lo strumento permette a medici e personale sanitario di verificare da remoto i parametri inseriti dagli utenti.

Sono più di ottanta gli operatori sanitari che in tutta la provincia ogni giorno, due volte al giorno, si distribuiscono, dalle 8 di mattina alle 8 di sera, le telefonate alle circa 2700 persone che si trovano in isolamento al proprio domicilio, per verificare il loro stato di salute” – spiega Renata Brolis, infermiera dirigente dell’area Cure primarie di APSS.

In totale 5400 telefonate al giorno, circa 60 per ogni sanitario. “Ogni chiamata ha una durata variabile, ma a volte ci impegna anche oltre 20 minuti perché c’è bisogno di dare più attenzione alle persone in difficoltà e di essere rassicuranti, specie con gli anziani” – racconta un’infermiera in forza al servizio Assistenza Covid19 dell’Area cure primarie di Trento.

Come funziona il monitoraggio attraverso TreCovid19?

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Quando la App viene “prescritta”, gli operatori non devono più chiamare la persona al telefono per verificare l’andamento della malattia. Due volte al giorno l’utente, preventivamente autorizzato, o la persona che se ne prende cura, deve accedere all’area riservata (“Il mio assistente”) e rispondere alle domande del chatbot che lo guida (anche con l’ausilio di video tutorial) nel rilevamento dei parametri.

La App è collegata alla piattaforma “@Home” già in uso dall’Area cure primarie di APSS e da cui medici e assistenti possono controllare l’andamento della malattia. Un aiuto per i cittadini, ma anche per i sanitari che da remoto monitorano i sintomi ed intervengono solo qualora il sistema rilevi misure non corrette, potendosi così dedicare alle persone il cui stato di salute richiede un’attenzione maggiore.

Non tutte le persone che monitoriamo giornalmente necessitano di un controllo stretto. Quando i sintomi della malattia sono in miglioramento o non hanno una sintomatologia preoccupante, il nostro personale contatta i pazienti e propone loro di adottare l’applicazione TreCovid19 per l’auto monitoraggio” – spiega la dottoressa Simona Sforzin, direttrice dell’Area cure primarie di APSS.

Se accettano, li aiutiamo nell’installazione e illustriamo come si utilizza, come si misurano i parametri da inserire e quante volte. Le persone vengono così responsabilizzate ed è un vantaggio per tutti, perché TreCovid19 si affianca ai sanitari, che in questi tempi sono oberati, e funge da filtro evitando loro un po’ lavoro”.

Finché i casi erano limitati, la rilevazione telefonica era efficace, ma con l’aumentare di quelli a domicilio questa tecnologia dà un valido contributo alla raccolta dei dati e fornisce una risposta efficace e duratura all’emergenza.

La persona che accetta di utilizzare TreCovid19 dovrà verificare con attenzione e inserire nella App tutti i giorni alcuni dati sulla sua salute, come il numero di atti respiratori al minuto, la presenza o meno di febbre, il grado di eventuale dolore, il senso di spossatezza, la presenza di tosse, il valore minimo e massimo della pressione.

Se il sistema rileva dei valori non corretti o che superano determinati criteri, scatta, in automatico attraverso la piattaforma @Home, un avviso che avverte l’operatore.

In totale sono stati una quarantina i pazienti che l’hanno sperimentata in queste settimane, ma presto verrà estesa anche agli altri casi.

I pazienti si sono trovati a loro agio” – racconta Ettore Turra, direttore del Dipartimento tecnologie di APSS. “Si tratta di una App che collega direttamente le informazioni da loro inserite alla piattaforma informatica usata dagli operatori sanitari. È un notevole punto di forza per il monitoraggio della malattia”.

TreCovid19 è a disposizione di tutti i trentini già dai primi giorni dell’emergenza con l’obiettivo di fornire informazioni attendibili e certificate sul contagio e sulla malattia, e avere in un unico luogo tutti i servizi attivati in provincia per gestire la situazione dovuta al coronavirus.

Con l’aggravarsi dell’epidemia e quindi con l’aumento del numero di pazienti sottoposti a sorveglianza attiva al proprio domicilio, le sue funzionalità sono state allargate. Proprio in un momento in cui medici e personale sanitario sono impegnati nell’emergenza, il gruppo di lavoro interdisciplinare di TrentinoSalute4.0 ha puntato sull’App per venire incontro a questa esigenza.

Note
La App TreCovid19 è disponibile sull’App store e sul Google Play e sul SITO
L’applicazione riporta anche le informazioni contenute nella pagina del sito istituzionale della Provincia dedicata al Coronavirus, creata dall’Ufficio stampa della PAT.

TreCovid19 è un progetto di TrentinoSalute4.0 nato dalla stretta collaborazione tra Provincia autonoma di Trento, Azienda provinciale per i Servizi Sanitari e Fondazione Bruno Kessler.

 Link utili:

  • [VIDEO] TreCovid19, una storia di innovazione ai tempi del Covid19 (3 minuti):
  • [VIDEO] promozionale App TreCovid19:

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]

Categorie

di tendenza