Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

I Servizi Sociali della Comunità della Val di Non in prima linea per fronteggiare solitudine, fragilità, bisogni

Pubblicato

-

Carmen Noldin, assessore alle politiche sociali e vicepresidente della Comunità della Val di Non

Sono numeri importanti quelli che riguardano i Servizi Sociali della Comunità della Val di Non in questo periodo: oltre 1.200 situazioni prese in carico tra persone anziane, minori, famiglie, persone disabili, fragili o in condizione di emarginazione e solitudine. Ognuna con esigenze diverse e tipologie di intervento sempre più personalizzate e mirate.

La pandemia in atto comporta il rischio di compromettere relazioni tra le persone e legami socio-assistenziali – commenta Carmen Noldin, assessore alle politiche sociali nonché vicepresidente della Comunità della Val di Non –. Ma dobbiamo dire grazie a una fitta rete di collaborazioni, intessuta con i Comuni, il volontariato spontaneo, le associazioni di volontariato strutturate e grazie a un numero dedicato per l’emergenza che risponde ai bisogni delle persone e a un attento monitoraggio delle situazioni in carico al Servizio: tutto questo ha permesso di mantenere in vita una macchina organizzativa che sta dimostrando di funzionare ottimamente”.

Nell’emergenza attuale, il Servizio Sociale della Comunità sta infatti svolgendo un importante lavoro di monitoraggio a distanza a partire dagli anziani, quale categoria più fragile, rivisitando il servizio di assistenza domiciliare e garantendolo, in particolare, a quelle situazioni in cui la rete familiare non riesce a reggere o perché persone da sole non erano più in grado di gestirsi in autonomia.

Pubblicità
Pubblicità

Ad oggi abbiamo oltre 100 casi attivi e seguiti a domicilio sul nostro territorio, a cui vanno aggiunti i 350 pasti che vengono quotidianamente distribuiti – prosegue Noldin –. Per quanto riguarda il servizio di assistenza domiciliare, fiore all’occhiello del nostro territorio che permette di prendersi cura dell’anziano a casa propria, c’è da dire che, dopo un periodo iniziale in cui eravamo in grande difficoltà a reperire le mascherine chirurgiche per il personale preposto, ora la Protezione civile ci fornisce il fabbisogno settimanalmente, che si attesta intorno ai 300 pezzi a settimana” .

Per quanto riguarda il servizio “Resta a casa, passo io”, la Comunità di Valle ha ricevuto oltre 100 richieste ai numeri dedicati 0463.601639 e 345.3762686. La maggior parte di queste riguardano la consegna di farmaci e della spesa alimentare a domicilio.

Abbiamo risposto attivando la rete dei volontari locali organizzati dai singoli Comuni e dalle associazioni in loco – aggiunge l’assessore –. Le persone chiamano, vedono il Servizio come un sicuro punto di riferimento e trovano una risposta concreta ai loro bisogni, ma anche un supporto relazionale”.

Pubblicità
Pubblicità

In questo momento difficile per tutti, ma ancora di più per chi vive situazioni complicate, vengono inoltre supportate telefonicamente dalle assistenti sociali anche alcune famiglie con minori. “Nelle situazioni più delicate e fragili – spiega Carmen Noldin – sono stati definiti dei progetti individualizzati di presa in carico a distanza, grazie alla collaborazione delle Cooperative sociali del nostro territorio, che attraverso le nuove tecnologie offrono un significativo supporto educativo e un importante sostegno sia ai genitori che ai ragazzi”.

Pubblicità
Pubblicità

Le famiglie che hanno al loro interno persone disabili, poi, sono state valutate più volte in questo mese, in modo da bilanciare il loro bisogno e la loro capacità di tenuta in rapporto al contenimento del rischio di contagio – prosegue la vicepresidente della Comunità –. Anche su questo tipo di utenza sono stati costruiti e condivisi con il terzo settore degli specifici progetti individualizzati, continuamente rivisitati in funzione dell’evoluzione dei bisogni”.

A partire da ieri si è aggiunto infine il servizio “Bonus alimentare” che supporta i nuclei o le persone che non sono in grado di inviare la relativa domanda online in Provincia, oltre alla validazione della domanda stessa da parte del Servizio sociale.

Il numero telefonico a cui rivolgersi per questo tipo di bisogno è il seguente lo 0463.601638 cui risponderà un operatore del Servizio sociale della Comunità della Val di Non oppure lo 0463.424348, al quale risponderà invece un operatore dello Sportello periferico della Provincia.

Per informazioni relative al “Bonus alimentare” è possibile anche contattare il numero verde 800 903 606.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]

Categorie

di tendenza