Connect with us
Pubblicità

La Voce della FAI CISL

Fai Cisl Trentino, Bastiani: «Dopo l’emergenza il lavoro agricolo diventa opportunità per i tanti disoccupati»

Pubblicato

-

L’emergenza coronavirus pone fin da subito il problema di pianificare la ripartenza e in tutti i settori.

Quello dell‘agricoltura è senza dubbio uno dei più sensibili perché impiega soprattutto lavoratori stranieri per lo più dell’Europa dell’est che subiranno delle limitazione negli ingressi e lobbligo di quarantena.

Il grande rischio è quindi quello che non ci sia mano d’opera nei lavori agricoli, soprattutto nelle grandi campagne di raccolta, nel momento decisivo della ripartenza del mercato.

In questi giorni il problema è balzato all’attenzione della Fai Cisl Trentino che è in prima linea da sempre nella tutela dei lavoratori ma, che in questo caso condivide le preoccupazioni della aziende agricole.

Ne abbiamo parlato con il segretario del sindacato Fulvio Bastiani (foto)

Si parla di un piano straordinario?

«Si, sperando chiaramente che lemergenza sanitaria possa terminare il prima possibile, si deve ragionevolmente programmare un piano straordinario per reclutare lavoratori trentini,  garantendo loro un reddito dignitoso e una copertura previdenziale adeguata, che soprattutto per periodi di lavoro più lunghi non si può certamente garantire attraverso i voucher».

Il tavolo verde in tal senso potrebbe aiutare?

«Certamente. Siamo pronti a dare il nostro contributo come organizzazioni sindacali di categoria abbiamo scritto allassessore Giulia Zanotelli per chiedere di essere coinvolti nel tavolo verde istituito nel 2019 poiché comprendiamo e condividiamo la preoccupazione dell’aziende agricole.»

Avete pensato alla stima di quanti lavoratori serviranno qui in Trentino?

«Con la speranza che non si verifichino gelate primaverili che purtroppo in passato hanno compromesso il raccolto, si stima che vi sia la necessità di almeno 10.000 lavoratori che si occupino delle varie mansioni in agricoltura, che vanno dalla preparazione degli impianti per i piccoli frutti a tutta una serie di lavorazioni, tipiche del settore. Esiste quindi la necessità di far incontrare domanda e offerta anche attraverso il sostegno dellagenzia del lavoro e la collaborazione dellente bilaterale agricolo Trentino».

Avete già pensato come fare per raggiungere questo obiettivo a breve?

«Come sindacato è noto siamo contrari allutilizzo dei voucher poiché il lavoro in agricoltura e già per se stesso molto flessibile basti ricordare che si pagano i lavoratori stagionali ad ora e e gli stessi di conseguenza possono essere sospesi in qualsiasi momento.  Riteniamo inoltre che questa sia una fase diversa proprio per leccezionalità della situazione. Ai tanti lavoratori disoccupati o che lo saranno in seguito allemergenza coronavirus (penso in particolare al settore del turismo stagionale ) si può dare unopportunità per risolvere una parte importante del problema».

L’allungamento della stagione lavorativa in questo caso potrebbe aiutare?

«Senza ombra di dubbio. A queste persone giova ricordare che ormai la stagione agricola in Trentino si è di molto allungata se consideriamo che già maggio si può partire con la raccolta delle fragole dei piccoli frutti, può proseguire con la vendemmia e la raccolta autunnale delle mele sempre più anticipata visti i cambiamenti climatici. Da ciò ne consegue una reale possibilità per molti lavoratori disoccupati di occuparsi nel settore complessivamente per non meno di quattro mesi garantendosi così il diritto alla copertura previdenziale e la possibilità di presentare la richiesta di disoccupazione agricola cosa che con i voucher non è assolutamente possibile fare. Quindi oltre alle tutele contrattuali, alla certezza di lavorare in sicurezza, ai lavoratori si darebbe anche la possibilità prestando la loro opera per almeno 102 giornate contributive complessive, di vedersi riconoscere un anno di contribuzione ai fini pensionistici. Un bellincentivo in un periodo tanto delicato.

E per i periodi più corti?

«In questo caso si potrebbero coinvolgere anche chi attualmente può sospendere la naspi o la cassa integrazione, garantendosi così un maggior reddito».

Si va quindi verso una grande sinergia sindacato – aziende agricole?

«La Fai Cisl del Trentino, comprendendo le difficoltà oggettive delle aziende agricole, si mette a disposizione per lavorare insieme e trovare le giuste soluzioni, proprio perché ci sta a cuore il settore. E se da una parte con poche spiegazioni anche i lavoratori inesperti potranno affrontare la raccolta dei piccoli frutti delle miele o la vendemmia ci sono altre figure professionali che necessitano di un minimo di formazione per lavorare in agricoltura».

E per la questione della Malghe e dei lavori nella stalle?

«La questione va affrontata in modo diverso, in questo caso sono occupazioni che tradizionalmente negli ultimi anni sono state garantite da lavoratori stranieri».

Secondo il segretario della Fai Cisl Trentino sarà strategica l’eventuale convocazione al tavolo verde orchestrato dall’assessora Giulia Zanotelli: «Passata l’emergenza sanitaria il lavoro agricolo può effettivamente rappresentare una nuova opportunità per i tanti disoccupati» – conclude Fulvio Bastiani

 

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza