Connect with us
Pubblicità

La Voce della FAI CISL

Fai Cisl Trentino, Bastiani: «Dopo l’emergenza il lavoro agricolo diventa opportunità per i tanti disoccupati»

Pubblicato

-

L’emergenza coronavirus pone fin da subito il problema di pianificare la ripartenza e in tutti i settori.

Quello dell‘agricoltura è senza dubbio uno dei più sensibili perché impiega soprattutto lavoratori stranieri per lo più dell’Europa dell’est che subiranno delle limitazione negli ingressi e lobbligo di quarantena.

Il grande rischio è quindi quello che non ci sia mano d’opera nei lavori agricoli, soprattutto nelle grandi campagne di raccolta, nel momento decisivo della ripartenza del mercato.

In questi giorni il problema è balzato all’attenzione della Fai Cisl Trentino che è in prima linea da sempre nella tutela dei lavoratori ma, che in questo caso condivide le preoccupazioni della aziende agricole.

Ne abbiamo parlato con il segretario del sindacato Fulvio Bastiani (foto)

Si parla di un piano straordinario?

«Si, sperando chiaramente che lemergenza sanitaria possa terminare il prima possibile, si deve ragionevolmente programmare un piano straordinario per reclutare lavoratori trentini,  garantendo loro un reddito dignitoso e una copertura previdenziale adeguata, che soprattutto per periodi di lavoro più lunghi non si può certamente garantire attraverso i voucher».

Il tavolo verde in tal senso potrebbe aiutare?

«Certamente. Siamo pronti a dare il nostro contributo come organizzazioni sindacali di categoria abbiamo scritto allassessore Giulia Zanotelli per chiedere di essere coinvolti nel tavolo verde istituito nel 2019 poiché comprendiamo e condividiamo la preoccupazione dell’aziende agricole.»

Avete pensato alla stima di quanti lavoratori serviranno qui in Trentino?

«Con la speranza che non si verifichino gelate primaverili che purtroppo in passato hanno compromesso il raccolto, si stima che vi sia la necessità di almeno 10.000 lavoratori che si occupino delle varie mansioni in agricoltura, che vanno dalla preparazione degli impianti per i piccoli frutti a tutta una serie di lavorazioni, tipiche del settore. Esiste quindi la necessità di far incontrare domanda e offerta anche attraverso il sostegno dellagenzia del lavoro e la collaborazione dellente bilaterale agricolo Trentino».

Avete già pensato come fare per raggiungere questo obiettivo a breve?

«Come sindacato è noto siamo contrari allutilizzo dei voucher poiché il lavoro in agricoltura e già per se stesso molto flessibile basti ricordare che si pagano i lavoratori stagionali ad ora e e gli stessi di conseguenza possono essere sospesi in qualsiasi momento.  Riteniamo inoltre che questa sia una fase diversa proprio per leccezionalità della situazione. Ai tanti lavoratori disoccupati o che lo saranno in seguito allemergenza coronavirus (penso in particolare al settore del turismo stagionale ) si può dare unopportunità per risolvere una parte importante del problema».

L’allungamento della stagione lavorativa in questo caso potrebbe aiutare?

«Senza ombra di dubbio. A queste persone giova ricordare che ormai la stagione agricola in Trentino si è di molto allungata se consideriamo che già maggio si può partire con la raccolta delle fragole dei piccoli frutti, può proseguire con la vendemmia e la raccolta autunnale delle mele sempre più anticipata visti i cambiamenti climatici. Da ciò ne consegue una reale possibilità per molti lavoratori disoccupati di occuparsi nel settore complessivamente per non meno di quattro mesi garantendosi così il diritto alla copertura previdenziale e la possibilità di presentare la richiesta di disoccupazione agricola cosa che con i voucher non è assolutamente possibile fare. Quindi oltre alle tutele contrattuali, alla certezza di lavorare in sicurezza, ai lavoratori si darebbe anche la possibilità prestando la loro opera per almeno 102 giornate contributive complessive, di vedersi riconoscere un anno di contribuzione ai fini pensionistici. Un bellincentivo in un periodo tanto delicato.

E per i periodi più corti?

«In questo caso si potrebbero coinvolgere anche chi attualmente può sospendere la naspi o la cassa integrazione, garantendosi così un maggior reddito».

Si va quindi verso una grande sinergia sindacato – aziende agricole?

«La Fai Cisl del Trentino, comprendendo le difficoltà oggettive delle aziende agricole, si mette a disposizione per lavorare insieme e trovare le giuste soluzioni, proprio perché ci sta a cuore il settore. E se da una parte con poche spiegazioni anche i lavoratori inesperti potranno affrontare la raccolta dei piccoli frutti delle miele o la vendemmia ci sono altre figure professionali che necessitano di un minimo di formazione per lavorare in agricoltura».

E per la questione della Malghe e dei lavori nella stalle?

«La questione va affrontata in modo diverso, in questo caso sono occupazioni che tradizionalmente negli ultimi anni sono state garantite da lavoratori stranieri».

Secondo il segretario della Fai Cisl Trentino sarà strategica l’eventuale convocazione al tavolo verde orchestrato dall’assessora Giulia Zanotelli: «Passata l’emergenza sanitaria il lavoro agricolo può effettivamente rappresentare una nuova opportunità per i tanti disoccupati» – conclude Fulvio Bastiani

 

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza