Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Da eroi collettivi a capri espiatori. Fioccano le denunce nei confronti dei medici

Pubblicato

-

4000 infermieri contagiati, 50 medici morti, orari da sfinimento, il rischio contagio per le famiglie, sempre in prima linea senza protezione. Ma questo pare non bastare.

Infatti da eroi collettivi a capri espiatori il passo è breve. E doloroso.

I medici cominciano a subire la minaccia delle cause legali.

Pubblicità
Pubblicità

La cupidigia e l’avidità non ha fine ed ecco che esce la parte più brutta dell’Italiano, l’opportunismo di chi approfitta dell’occasione per chiedere improbabili risarcimenti in un momento di drammatico caos.  Ed ora la paura è quella di trovare anche dei giudici che accolgano le denunce per poi partire con i rinvii a giudizio. Oltre al danno quindi si rischia anche la clamorosa beffa.

E da Milano parte un appello al Quirinale e alla politica, perché si introduca uno strumento di tutela generale in questo caos.

Fino a ieri i camici bianchi erano indicati come artefici di una pagina esemplare di abnegazione.

Pubblicità
Pubblicità

Arruolati a volte in via straordinaria, sono stati contagiati in gran numero e spesso uccisi dal virus, infine stremati da turni e pressioni disumane.

Ora vengono additati invece, e cominciano a intravedere l’ombra di rivalse temerarie e di paradossali ripercussioni giudiziarie.

Il tam-tam è partito, corre sui gruppi facebook sospinto da gruppi, pseudo-associazioni e figure con pochi scrupoli.

Un cardiochirurgo milanese ha scritto all’ordine professionale. Ha preso l’iniziativa «nel ricordo dei colleghi caduti durante questa tragedia, perché il loro esempio ci guidi in questa difficile missione».

Ha sollevato il tema della responsabilità, e di polizze che prevedono un rischio commisurato all’attività specialistica dichiarata. «Pur in una situazione di emergenza, e nonostante le continue dichiarazioni sui media del ruolo eroico del personale sanitario – ha avvertito – sono crescenti le denunce di parenti».

L’ipocrisia poi lascia il posto alla paura quando si scopre che per i medici pensionati rientrati eccezionalmente in servizio per contrastare il coronavirus non è prevista alcuna copertura assicurativa.

Ed arriviamo al massimo del paradosso quando si scopre che infermieri e dottori che magari sono spostati in altri reparti non sono coperti da nessuna assicurazione.

Facciamo un esempio: le persone intubate dovrebbero essere seguiti da pneumologi esperti, ma vista l’emergenza in quei reparti vengono mandate persone con competenze diverse.

Ebbene, queste persone lavorando in un reparto che non è di loro competenza non sono tutelate ne dal punto di vista assicurativo ne da quello della tutela giudiziaria. È come un dipendente facesse un lavoro per il quale non è pagato.

Il Giornale.it riporta lo sfogo di un rianimatore: «I turni sono massacranti, ed è difficile resistere, anche perché molta gente comincia a pensare alle denunce. I parenti chiedono le cartelle se il familiare è morto, domandano perché non è stato intubato prima e quali farmaci sono stati somministrati. Da eroi siamo diventati responsabili, questo fa perdere la voglia di rischiare la pelle. È assurdo».

Stefano Carugo, noto cardiologo, solleva la questione senza giri di parole: «Tutti lavorano a testa bassa, si fanno miracoli e vorremmo continuare a occuparci esclusivamente dei pazienti da salvare, senza passare il tempo a fare le fotocopie delle cartelle cliniche». «Vediamo il pericolo di conseguenze isteriche e di una guerra legale, fioccheranno denunce, temo. La mia idea, oltre ai balconi che vanno bene, è che si preveda per gli operatori sanitari in situazione di guerra una sorta di amnistia».

Carugo è stato consigliere regionale, è professore universitario e presidente lombardo della società di cardiologia. Ma è anche in prima linea, come direttore del dipartimento cardio respiratorio dell’Asst «Santi Paolo e Carlo».

Racconta, una situazione di emergenza che da fuori non si coglie fino in fondo. «La situazione è devastante, la Lombardia sta facendo miracoli, ogni giorno è un dramma e a tanti colleghi viene chiesto di fare cose mai fatte, a stipendi invariati ovvio. Siamo tutti in un frullatore e purtroppo si devono compiere anche scelte drammatiche, fra pazienti con diversa speranze e possibilità di sopravvivenza». «Già fioccano le denunce – prosegue – e magari le inchieste, se ne parla ogni giorno. Vale per i medici e per le direzioni sanitarie. E allora dico: agiamo ora, in questa fase dei medici eroi, perché fra due mesi inizierà la bagarre politica e i medici rischiano di restare in mezzo, saranno i capri espiatori perfetti.  Il presidente Mattarella ha usato le parole giuste, di unità e concordia. Con questo spirito, allora, agiamo subito, è importante per poter continuare con la necessaria serenità».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza