Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

L’appello di una mamma di Trento separata dalla figlia per colpa del coronaVirus

Pubblicato

-

Spett.Le direttore,

mi rivolgo direttamente a lei perché penso che il caso che le sto per descrivere sia molto importante.

Da quattro anni vivo con mia figlia in Trentino

Pubblicità
Pubblicità

Ho accettato un posto come maestra nella Scuola Rudolf Steiner, zona Madonna Bianca e ci siamo trasferite da Treviso, dove però manteniamo la residenza.

Mia figlia frequenta la sesta classe, corrispondente alla prima media, nella stessa scuola.

Da quando siamo arrivate qui la nostra vita è stata davvero bella, è cambiata in positivo e abbiamo trovato tante persone che sono diventate la nostra famiglia.

Pubblicità
Pubblicità

Almeno una volta al mese però, mia madre che è sola, senza marito, senza fratelli e senza altri figli, viene regolarmente a trovarci perché sente molto la nostra mancanza.

L’ultima volta è stata qui il 5 marzo prima che scattasse l’emergenza. Ha portato poi con sè mia figlia Stella a Treviso prevedendo che le scuole avrebbero chiuso per un bel po’.

Io sono rimasta in Trentino per organizzare il lavoro a distanza e per studiare un po’, dato che ho ripreso gli studi universitari per completare i titoli di studio necessari agli insegnanti.

Avevo previsto di stare qui una decina di giorni, dare l’esame online e poi raggiungerla a Treviso.

Purtroppo però, a causa degli spostamenti in massa da Milano verso il Sud, il decreto è stato aggiornato e le restrizioni sono aumentate. Per il mio caso non è previsto il ricongiungimento al minore. Ma io dico: siamo matti?

Non è possibile che venga tolta questa possibilità. Io chiedo solo di raggiungere mia figlia e passare la quarantena con lei. Ho chiamato questura, prefettura e polizia stradale, ma tutti continuano a dirmi che per il bene di tutti è necessario non fare spostamenti e non considerano il mio caso urgente. Loro no ma io sì.

Non ci si può rivolgere a nessuno che ti consideri una persona e non un caso come tanti, da ricondurre al decreto e stop, alle fredde leggi che non considerano il caso particolare. E se ne fregano se dopo che una figlia, abituata a stare sempre con me, dopo 20 giorni abbia bisogno di vedermi. E mi strazia il cuore sentirla piangere chiedendomi quando torni…

Io non so se lei ritiene sia il caso di pubblicare questo mio sfogo, ma non penso di essere l’unica madre in queste condizioni è soprattutto mi sembra un’ingiustizia. Dovrebbe sempre essere consentito ad una madre di riabbracciare il proprio figlio e di stare con lui.

Non chiedo di ritornare alla vita di prima, ma di fare due ore di strada e rientrare a casa mia!

Grazie e saluti,

Silvia Zanatta

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]

Categorie

di tendenza