Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Dopo i 50 milioni per la Tunisia pronti 21 milioni anche per la Bolivia?

Pubblicato

-

Dopo i 50 milioni di euro elargiti dal governo giallorosso alla Tunisia a supporto delle aziende tunisine alle prese con l’emergenza coronavirus – di dimensioni del tutto diverse rispetto a quella italiana – esiste anche un caso Bolivia?

Questa volta saremmo a livello di promessa di un finanziamento di 21 milioni e mezzo alla cooperazione italiana in Bolivia e quale sarebbe il sostegno che si andrebbe a dare?

Un aiuto al sistema sanitario boliviano per combattere il coronavirus ! Decisamente dalla parte degli italiani questo governo targato PD – 5 stelle che in piena emergenza sanitaria nazionale, prima regala 50 milioni alla Tunisia tramite la Cassa Depositi e Prestiti, poi va a sostenere la Bolivia per un totale di quasi 72 milioni di euro ?

Pubblicità
Pubblicità

L’assurda regalia alla Bolivia- notizia che oltre alla stampa boliviana è stata confermata anche dal direttore della sede estera dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo in Bolivia – è stata sollevata dal deputato di Fratelli d’Italia Andrea Demastro Dalle Vedove con un interrogazione al Ministro Di Maio.

In attesa della risposta, contiamo i casi di contagio in Bolivia: 39. Donazioni che in questo periodo di emergenza gravissima non trovano giustificazione alcuna, anzi andrebbero proprio bloccati tutti i finanziamenti per attività all’estero, dirottando i fondi se non all’emergenza in atto, almeno a garanzia del pagamento delle pensioni.

Ma del resto cosa ci vogliamo aspettare da questo governo che ha fatto del coronavirus un caso politico e razziale, prima ancora che sanitario?

Pubblicità
Pubblicità

Ormai è ufficiale che governo e Iss erano a conoscenza dei rischi del Covid-19 dal 5 gennaio. Da quella data il governo non ha fatto nulla per mettere in sicurezza il popolo italiano.

Anzi, ha stimolato e consigliato tutti a organizzare aperitivi solidali e abbracci collettivi contro «la paura»

E dire che era stato il Ministero della Sanità – non quello tunisino o boliviano – ma quello italiano ad emettere un documento di 3 pagine dopo un’informativa dell’Oms, rendendo noto che i primi contagi in Cina risalivano al 23 ottobre 2019.

Pechino rendeva nota la notizia il 31 dicembre e la comunicazione oltre che al governo è arrivata all’Ospedale Sacco di Milano e allo Spallanzani di Roma.

Si parlava di “ polmonite da eziologia sconosciuta”. Sarebbe interessante sapere perché in Italia se ne inizi a parlare solo il 21 febbraio e si inizi ad affrontare la situazione solo a marzo. Qualcuno dovrebbe spiegarci, magari il governo giallorosso, come mai non sono state fatte scorte di mascherine, di respiratori e materiali sanitari da difesa.

Il governo si è mosso solo un mese più tardi quando ormai l’epidemia era inarrestabile. Oltre 6.000 morti che gridano vendetta e che dovranno essere spiegati da chi non è intervenuto prontamente per tutelare e salvaguardare la vita dei propri cittadini.

Lo stesso errore che sta facendo nel sostenere la nostra economia e il tessuto fatto di milioni di piccolo imprese che stanno finendo sul lastrico. Un ritardo di un mese anche in questo settore vorrebbe dire il fallimento Italia e la fame per i prossimi 10 anni.

Ma di questo il governo non ne parla, troppo imbarazzante?

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza