Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Commerciante scrive una lettera al premier Conte che diventa virale: «Quando la vediamo in Tv ci riempiamo di rabbia, non abbiamo paura del Covid perché siamo già morti»

Pubblicato

-

Pubblicata su «Oggi24ore» la lettera ha raggiunto 700 mila lettori in nemmeno 24 ore dalla pubblicazione. Migliaia i commenti che sono seguiti sui social da parte di cittadini che hanno condiviso i contenuti della lettera.

Abbiamo deciso di pubblicare la sua lettera dopo averla contattata. Quello che scrive è il crudo sfogo che forse ognuno di noi vorrebbe gridare al mondo intero. Tiziana ha avuto il coraggio di farlo svelando anche comportamenti quanto meno inquietanti da parte di chi dovrebbe aiutare le aziende ed invece le affossa senza via dei scampo.

Tiziana Nigro ha 43 anni ed è mamma di una bimba di 10 anni e vive in provincia di Salerno, «Partita iva per scelta ed anche un po’ costretta» – ci spiega.

Pubblicità
Pubblicità

«Figlia di commercianti ho sempre amato lavorare a contatto con il pubblico. Mi sono diplomata in tecnico della gestione aziendale col massimo dei voti ed ho rifiutato il cosiddetto “posto fisso” perché il mio sogno era aprire un negozio».

E ancora: «Dopo aver lavorato tanti anni come commessa sottopagata ma super apprezzata perché nel lavoro non mi sono mai risparmiata, nel 2006 ho aperto con il mio compagno un impresa edile, mai avuto problemi fino al 2015 quando un accertamento dell’agenzia delle entrate e una truffa di un cliente mi hanno messa in ginocchio. Non ho mollato, io e il mio compagno ci siamo rimboccati le maniche e dopo aver chiuso la ditta individuale abbiamo deciso di aprire una srls per coniugare due attività insieme: un centro specializzato di materassi Gran Relax – e ristrutturazioni come seconda attività. Le cose sembravano andare bene nel senso che nonostante l’edilizia fosse completamente ferma almeno l’arredamento tirava bene».

«Poi è arrivato il virus, abbiamo visto quello che accadeva in Cina, volevamo correre ai ripari ma quando abbiamo sentito che “era poco più di un influenza” non ci siamo preoccupati più di tanto. Abbiamo fatto i nostri investimenti di inizio anno, abbiamo provveduto a riempire il negozio di merce e a questo riguardo una cosa è importante ed è giusto che tutti la sappiano: la prassi dei pagamenti sono gli assegni post datati. Non sono i fornitori a pretenderli ma le banche! Esatto proprio le banche! Quando presentiamo le fatture in banca per avere lo sconto su fattura, la banca chiede un assegno post datato a firma del titolare della fattura nonostante questa pratica non sia legale. Adesso siamo in migliaia in tutta Italia le partite Iva che al primo aprile verranno protestati. Quindi non solo adesso dobbiamo vedere come mettere il piatto a tavola ma dopo non potremo ripartire».

Pubblicità
Pubblicità

Ma Tiziana – contattata al telefono ha deciso di non  mollare. Sta cucendo le mascherine per aiutare chi ne ha bisogno. Chiede un piccolo compenso di 1 euro per recuperare i materiali.

«Possono attaccarci come vogliono ma non vi toglieranno mai il nostro essere, la nostra dignità.»

Pubblicità
Pubblicità

Il suo è il grido disperato di una «partita iva» della Campania, ma che potrebbe essere del Piemonte, del Trentino, della Toscana o della Puglia. Quello insomma di un popolo di migliaia di aziende che rischiano di non aprire mai più lasciando a casa migliaia di dipendenti. È il tessuto del nostro paese che crea reddito, lavoro e benessere che ricade sul territorio. Vanno aiutate, subito e senza altri decreti o chiacchiere inutili, non c’è più tempo ora, siamo ormai al punto di non ritorno. 

Egregio Presidente Conte,

sono Tiziana, una donna, una mamma, una moglie e purtroppo una Partita Iva.

Sono incazzata nera! E non per il Virus che pur spaventandomi mi da la tranquillità di sapere che ci sono uomini e donne con grande senso di responsabilità che si prodigano per far si che ogni ammalato venga curato e riesca a sopravvivere.

Quello che mi fa incazzare è la vostra superficialità ed inerzia.

Nulla! Non avete fatto nulla per fermare questo virus. Nè lei né i Paesi membri dell’unione europea. Avete fatto in modo con le vostre finte misure che il virus si propagasse.

Nel contempo non solo avete messo in ginocchio ed avete ucciso migliaia di persone ma avete anche messo in ginocchio un intero popolo fatto di persone, uomini e donne, che ogni giorno contribuiscono a mandare avanti lo Stato!

Vede Signor Presidente quando la vedo in Tv, tutto impomatato, nel suo completo di sartoria mi si rivolta lo stomaco dalla rabbia!

Quando la sento dire “comprendo le vostre difficoltà” mi si ingrossa il fegato!

Come può comprendere la nostra angoscia?! Come può capire la situazione che stiamo vivendo?! Lei e tutti quelli come lei siete dei privilegiati!

Ha mai ricevuto una raccomandata di avviso di distaccamento della corrente?!

Ha mai avuto l’angoscia di non poter coprire un assegno a copertura di una fattura di acquisto?!

Sa cosa significa entrare in supermercato e dover fare la spesa facendo mentalmente il conto di quello che acquista per non superare i soldi disponibili?!

No! Lei e tutti quelli come lei non sapete cosa significa.

Certo, è arrivato il Covid 19, un mostro silente e nascosto che sta mietendo vittime come in un bollettino di guerra. E cosa avete fatto per fermarlo? Ci avete detto prima che non dovevamo preoccuparci, poi che dovevamo stare in casa; poi ci avete detto che potevamo lavorare, poi che sarebbe meglio chiudere; Poi avete fatto i decreti, ogni giorno un decreto diverso e ad ogni decreto la sua faccia in televisione a spiegare quello che stavate mettendo in atto.

Eppure avreste dovuto fare una semplice cosa che non avete fatto. Chiedere scusa! Scusa perché non siete stati in grado di tutelare tutti gli Italiani.

Scusa perché a fronte di chi non sa come fare per fare la spesa c’è gente come il suo Casalino che prende 14.000 euro al mese. Soldi che o partita Iva vedo in un anno!

Ma stiamo scherzando???

Mi dica adesso cosa debbono fare le piccole Partite iva come la mia: bollette, affitti, assegni come li dovremo pagare? E’ dal mese di febbraio che li piccoli negozi non incassano un euro! E Voi privilegiati cosa fate? Niente!

Mi aspettavo da buon Capo di Governo che la prima misura davanti ad un emergenza sanitaria di questa portata fosse stata la chiusura di tutto con relativa sospensione dei pagamenti. E invece cosa pensate di fare?

Date il contributo per chi assume le baby sitter! Nessuno di voi che abbia detto: fermiamo gli stipendi di parlamentari e senatori (con tutto quello che percepite potreste campare di rendita per i prossimi vent’anni).

Noi piccole partite iva non abbiamo paura del covid 19 e sa perché? Perchè siamo già morti!

Siamo morti che camminano! Non abbiamo diritto a tutelarci la salute. Mai.

Non possiamo fare le analisi durante l’anno perché a pagamento e spesso i soldi se ne vanno per coprire questo o quel pagamento; non possiamo andare dal dentista perché magari necessitano prima i figli; davanti al mal di testa o ad altri disturbi prendiamo una pillola e via si va comunque al lavoro perché dobbiamo rispettare gli impegni presi.

Perché sa, noi partite iva siamo gente d’onore! Gente che vuole rispettare gli impegni presi con altre persone che come noi il pane se lo sudano ogni giorno!

Io mi aspetto adesso misure forti a nostro sostegno! Me le aspetto subito, stasera faccia una altro decreto che ci indichi come dobbiamo fare noi per comprare il pane. Come dobbiamo fare per evitare il protesto di assegni emessi. Come dobbiamo fare per on vederci tagliata la luce!

Faccia un decreto subito, ora!

Non ci vuole tanto: dica alle banche di concedere fidi sui conti correnti e garantisca lo Stato la copertura: Le do una dritta a tante piccole partite iva come me sarebbe sufficiente donare 1/3 dello stipendio mensile di Casalino per sostenerle in questo difficile momento.

Che dice? Se noi possiamo licenziare i nostri dipendenti, bhe lei potrebbe fare a meno di tanti inutili collaboratori che altro non fanno che mangiare sulle nostre spalle. La saluto, ricordandole che il Virus verrà sconfitto, la fame del popolo no!

E quando il popolo si riprenderà dallo sconforto e dalla paura è con il POPOLO che dovrete fare i conti!

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]
  • “Regalati il Molise”:case vacanze gratis per rilanciare turismo e piccoli borghi
    Nell’anno in cui l’emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi del classico turismo legato alle grandi mete e alle vacanze tradizionali, una delle regioni più piccole d’Italia ha deciso di riaprire i confini del turismo con una particolare iniziativa aperta al mondo: “ Regalati il Molise perché il Molise è un regalo speciale”. L’annuncio arriva […]
  • Cortina d’Ampezzo plastic- free: da luglio stop a plastica in ristoranti, bar ed eventi
    Preservare la salute del pianeta e del nostro futuro è diventato una delle urgenze più importanti del momento, tanto da impegnare associazioni governative internazionali e Governi di tutto il mondo per trovare una soluzione efficacie alle problematiche ambientali. Dallo sfruttamento delle energie rinnovabili, alla raccolta differenziata, molte sono le soluzioni fino ad ora utilizzate per […]

Categorie

di tendenza