Connect with us
Pubblicità

Trento

Coronavirus, i nuovi numeri: oggi in Trentino 214 nuovi contagi e 15 morti

Pubblicato

-

Ad oggi 24 marzo 2020 in Trentino il numero di persone contagiate da Coronavirus è arrivato a quota 1824.

Oggi sono stati registrati 214 casi in più rispetto a ieri. 

Ma anche nei numeri di oggi, nonostante i 15 decessi, c’è un nuovo calo di contagi relativi ai positivi da tampone (75) rispetto agli ultimi 3 giorni.

Pubblicità
Pubblicità

“Le notizie di oggi sono molto tristi – ha esordito il presidente Fugatti -, il numero dei decessi è infatti elevato, 15 persone sono morte per coronavirus. Per questo vorrei richiamarvi ancora una volta al rispetto delle regole, dobbiamo fare tutto il possibile per arginare il contagio. Vi è però un dato su cui riflettere: il numero di contagiati con tampone è costantemente in calo, oggi sono infatti 78: bisogna precisare – ha proseguito Fugatti – che questo è il dato epidemiologico che tutte le altre regioni prendono come riferimento. Nei giorni scorsi era molto più alto, oggi si è quasi dimezzato rispetto ai positivi non tamponati, che sono 136, per un totale appunto di 214 nuovi contagiati”.

L’assessore Segnana ha voluto unirsi ai ringraziamenti del presidente in particolare per “gli educatori e oss delle strutture residenziali per minori che svolgono un ruolo fondamentale di sostegno alle famiglie fragili” e per i tanti dipendenti delle cooperative che si sono messi a disposizione dell’emergenza, come pure per i volontari che supportano il servizio a domicilio.

Quindi ha ripercorso i dati evidenziando come vi siano “214 positivi per un totale complessivo di 1824 contagiati; di questi 980 sono a domicilio, 352 presso le Rsa e 49 in terapia intensiva, 308 i ricoverati, 79 le persone guarite e 56 decessi complessivi”.

79 soggetti sono i guariti. Oggi si contano altri 15 morti, il bilancio sale così a 56  decessi. 

L’assessore Segnana ha poi dato maggiori dettagli sulle 15 persone decedute di cui si è avuta notizia oggi, anche se la morte è avvenuta nei giorni scorsi, ma bisognava attendere i risultati delle analisi.

Si tratta di persone di: Ledro (1928) Ledro (1940) Trento (1940) Arco (1934) Arco (1971 con gravi problematiche pregresse) Dro (1930) Arco (1932) Arco (1930) Trento (1944) Borgo (1934) Avio (1942), Pinzolo (1923), Canazei ( 1934) Cavalese (1942) Castello molina di Fiemme (1933)

I decessi sono avvenuti nelle case di riposo di Bezzecca, Arco e Dro. Oltre che nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Rovereto e di Trento. Due all’ospedale di Cavalese e uno presso la struttura di Tione.

Il presidente Fugatti ha voluto innanzi tutto rivolgere un forte ringraziamento a tutte le persone che stanno lavorando per consentire il proseguo della vita, “autisti, commessi dei negozi, forze di polizia, personale delle fabbriche, dipendenti delle poste, personale di pulizia, tecnici dei laboratori e poi soprattutto il personale medico e i tanti volontari in prima linea”.

Il presidente durante la conferenza di aggiornamento ha voluto rinnovare l’appello ai medici pensionati, “il Trentino ha bisogno di voi” sono state le sue parole, e ricordare che le mascherine sono in arrivo, pur nella difficoltà internazionale degli approvvigionamenti, evidenziando come ci sarà anche una auto produzione interna. “Oggi ho incontrato il mondo della cooperazione – ha poi proseguito – il nostro obiettivo è fare un intervento ad hoc per calmierare i prezzi e valorizzare il made in Trentino. L’appello che vi rivolgo è quello di andare nel negozio più vicino, nei multi servizi dei piccoli centri e di comprare prodotti trentini“.

Forte poi l’accento al rispetto delle regole, soprattutto per le persone in quarantena: “E’ pronta la modalità tecnica con cui trasmetteremo l’elenco dei quarantenati, ai quali chiediamo uno sforzo di responsabilità, il controllo per loro sarà ancora maggiore”.

Infine anche un incontro con i direttori generali della Provincia, per valorizzare le loro competenze in questa crisi, e quello avvenuto ieri con i centri di ricerca, da Università con il Cibio a Fbk e Fondazione Mach, per arrivare all’obiettivo di “1500 tamponi al giorno”.

Il direttore Bordon ha fatto il punto sulla sperimentazione di nuovi farmaci, ricordando come il Trentino ha chiesto di essere inserito nel circuito dei soggetti che possono attuare la sperimentazione: “Attualmente stiamo utilizzando il Tocilizumab secondo il protocollo Aifa, abbiamo chiesto ad Aifa di iniziare anche con Avigam, e dovremmo partire a breve, come pure per Remdesivir”.

Sui numeri invece di contagio del personale di Azienda sanitaria vi sono “80 dipendenti su un totale di 8500 complessivi, di cui 7 medici, 59 infermieri e Oss, 14 altri profili amministrativi e tecnici, di questi solo 5 sono ricoverati“.

Quanto ai posti letto per l’emergenza ha ricordato: “Siamo partiti con 200-250 posti, oggi ne sono attivi circa 480. Per l’alta intensità siamo riusciti oggi ad implementare di ulteriori 5 posti il Santa Chiara, per complessivi 46 posti di rianimazione di cui 27 su Rovereto, con gli ospedali di valle in appoggio“, precisando infine che la maggior parte dei trentini positivi al coronavirus sono a casa: “Ci sono circa 1000 persone a domicilio, alle quali dobbiamo aggiungere poi quelli nelle Rsa”.

Il dottor Ferro ha evidenziato come il picco dell’epidemia dovrebbe essere stato raggiunto, anche se “il numero di casi scenderà lentamente“, ricordando come sia necessario “alzare il livello di guardia sulle sindrome influenzali“.

E’ proprio in questi termini che va letto il dato odierno: “Abbiamo iniziato un’altra fase, che è quella del controllo delle sindromi influenzali anche con il medico di famiglia. Il dato dei tamponi non è più correlabile, per i prossimi giorni vanno quindi considerati solo il numero dei tamponi positivi. La nostra strategia è quella di tenere in osservazione tutte le persone che hanno una sindrome influenzale che, 9 volte su 10 oggi va ricondotta la coronavirus, proprio perché la fase dell’influenza stagionale è conclusa“.

In questo senso Ferro ha ricordato che la il Covid-19 per “l’80% della popolazione ha sintomi influenzali poco apparenti, solo una minima parte finisce in ospedale e una parte ancora minore in rianimazione. In Trentino – ha concluso Ferro – rispetto ad altre regioni vi è un controllo più stretto sulla diffusione del virus, proprio per questo abbiamo dati più elevati ma che ci consentono di avere il polso effettivo della diffusione”.

Al dottor Nava il compito di spostare l’attenzione sui casi nelle Rsa che “nonostante siano in aumento, si assiste ad una curva sempre meno verticale“.

In totale vi sono 376 casi, l’aumento odierno è di 31, i decessi sono stati 3. E a questo proposito una precisazione: “Se prendiamo la mortalità dello scorso anno nello stesso periodo di quello attuale vediamo che non si discosta molto e lo scartamento è solo di pochi numeri”.

Infine da Rovereto il collegamento con il dottor Pedrotti che proprio ieri ha presentato la nuova piattaforma che permette di far dialogare i parenti dei pazienti in terapia intensiva con lo staff medico: “Abbiamo 20 pazienti in terapia intensiva, la bella notizia di oggi è che siamo riusciti a dimettere per la prima volta due pazienti in un giorno”.

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]

Categorie

di tendenza