Connect with us
Pubblicità

Società

La gestione dell’economia al femminile da ieri alla quarantena di oggi

Pubblicato

-

Con questo terzo e penultimo articolo del mese di Marzo dedicato alla donna si intende esplorare il suo ruolo di fronte ai cambiamenti economici e lavorativi di questo ultimo secolo.

Con la quarantena si è obbligati a stare insieme nella stessa casa e mentre prima gli impegni lavorativi e sociali attutivano eventuali crepe emotive nella coppia, tra le mura di casa si è ora obbligati a parlare a misurarci nei nostri ruoli rispetto alla gestione familiare e al contributo economico che riusciamo a dare.

Si ha la possibilità di confrontarci nel rispetto che abbiamo l’uno per l’altro e approfondire problematiche non ancora affrontate.

Pubblicità
Pubblicità

A tal riguardo sarebbe interessante chiederci come è mutato nel tempo il ruolo economico maschile e femminile in ambito privato e pubblico. Forse così gli uomini potranno capire come sia ancora forte il bisogno di indipendenza della donna e quest’ultima come fatichi il proprio marito o compagno a collaborare alla pari al menage familiare.

Un tempo la donna gestiva la casa e contribuiva all’economia familiare di carattere agricolo o di allevamento. Forse i lettori non troppo giovani ricorderanno ancora famiglie che vivevano in grandi case di campagna posizionate ai confini di appezzamenti di terreno e mentre l’uomo si occupava dei lavori cosiddetti pesanti, la donna era dedita alla casa, alla famiglia, alla raccolta e alla vendita dei prodotti derivati dal loro lavoro.

Marito e moglie erano complementari e avevano ruoli ben definiti

Pubblicità
Pubblicità

Ma in Italia alla fine degli anni ‘50 il settore agricolo registrò un calo di 1,5 milioni di occupati e anche se le donne continuavano a lavorare in questo ambito coltivando piccoli appezzamenti di terreno di proprietà o lavorando come braccianti per contribuire al sostentamento della famiglia, i mariti emigravano sempre più per cercare un’occupazione nelle fabbriche che stavano nascendo. 

Con il tempo la crescita dell’occupazione industriale vedeva l’aumento di dipendenti maschi pari a quello delle donne giovani, ma un contemporaneo calo dell’occupazione femminile adulta. Alla fine degli anni ‘60 le lavoratrici del terziario si dedicavano al lavoro in negozi, bar, alberghi o venivano assunte come segretarie. Il mondo dell’istruzione rimase ancora di carattere maschile fino alla fine degli anni ‘70.

In ogni caso in questi anni le donne rivestivano ancora un ruolo secondario nel mondo del lavoro.

La donna infatti, quando si sposava, diventava una casalinga: era moglie e madre  e a volte lavorava saltuariamente, mentre l’uomo si occupava delle entrate economiche per il sostentamento della famiglia. La donna quindi aveva decisamente un ruolo di subordine rispetto all’uomo.

Nella seconda metà degli anni ‘70 veniva individuato il fenomeno della “doppia presenza”, vale a dire che la donna era presente contemporaneamente sia nell’ambito privato che pubblico, infatti le attività di cura venivano prese in considerazione come attività lavorative da cui nacque  la richiesta del salario al lavoro domestico. La figura della lavoratrice venne identificata poi come un vero e proprio problema: le donne infatti, dopo il matrimonio, come abbiamo visto, si ritiravano dal mondo del lavoro cedendo quindi il potere economico al capofamiglia.

Il lavoro femminile quindi era caratterizzato da ruoli subordinati e sottopagati, perché prima o poi il matrimonio e/o la gravidanza avrebbero interrotto l’attività lavorativa. A questo punto la donna avvertiva il bisogno di indipendenza economica vista come indipendenza interiore capace di definire un confine e rispetto tra l’uno e l’altra liberandosi così da una dipendenza affettiva vista come patogena.

Con il tempo, attraverso lotte all’interno del contesto familiare, ma anche e soprattutto sociali, gli spazi della famiglia e quelli del lavoro si sono accorciati per entrambi i sessi: mentre l’uomo collabora sempre più in casa e con i figli, la donna entra sempre più nella produttività. Negli ultimi anni infatti si è rivelato un aumento delle imprese a gestione femminile raggiungendo, alla fine del 2017, il 21,86% delle imprese iscritte al Registro delle Camere di Commercio con una concentrazione  nel settore turistico e dei servizi in particolare ai servizi alla persona. 

Di strada la donna ne ha fatta tanta e sicuramente ne deve fare ancora, infatti, anche se le donne hanno raggiunto il 41,74 degli occupati, il loro ruolo non ha raggiunto ancora la parità qualitativa dell’’uomo. 

Ma alla fine dei conti non importa chi lavora all’interno della famiglia, l’importante è che se uno solo porta a casa i soldi, l’altro non venga considerato come dipendente o subordinato al primo e che entrambi contribuiscano, senza delegare, al menage familiare e alla crescita dei figli.

Il prossimo e ultimo articolo dedicato alla donna sarà incentrato sulla posizione femminile nella politica.

Ricordo l’indirizzo mail della Voce del Trentino per un servizio psicologico del tutto gratuito in questo periodo di quarantena

emergenza_covid@lavocedeltrentino.it

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il futuro abbraccia l’ecologia e la natura: anche in Italia spopola la moda delle Tiny House
    Sono conosciute come le” Students Tiny house talk”, ovvero 10 metri quadrati di vivere ecosostenibile. Si tratta di tipiche casette svedesi completamente costruite in legno dal design moderno e pensate inizialmente per ospitare universitari. L’efficienza energetica e l’impronta ecologia sono l’aspetto fondamentale di queste abitazioni che puntano a minimizzare al massimo le emissioni di carbonio […]
  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]

Categorie

di tendenza