Connect with us
Pubblicità

Società

La gestione dell’economia al femminile da ieri alla quarantena di oggi

Pubblicato

-

Con questo terzo e penultimo articolo del mese di Marzo dedicato alla donna si intende esplorare il suo ruolo di fronte ai cambiamenti economici e lavorativi di questo ultimo secolo.

Con la quarantena si è obbligati a stare insieme nella stessa casa e mentre prima gli impegni lavorativi e sociali attutivano eventuali crepe emotive nella coppia, tra le mura di casa si è ora obbligati a parlare a misurarci nei nostri ruoli rispetto alla gestione familiare e al contributo economico che riusciamo a dare.

Si ha la possibilità di confrontarci nel rispetto che abbiamo l’uno per l’altro e approfondire problematiche non ancora affrontate.

Pubblicità
Pubblicità

A tal riguardo sarebbe interessante chiederci come è mutato nel tempo il ruolo economico maschile e femminile in ambito privato e pubblico. Forse così gli uomini potranno capire come sia ancora forte il bisogno di indipendenza della donna e quest’ultima come fatichi il proprio marito o compagno a collaborare alla pari al menage familiare.

Un tempo la donna gestiva la casa e contribuiva all’economia familiare di carattere agricolo o di allevamento. Forse i lettori non troppo giovani ricorderanno ancora famiglie che vivevano in grandi case di campagna posizionate ai confini di appezzamenti di terreno e mentre l’uomo si occupava dei lavori cosiddetti pesanti, la donna era dedita alla casa, alla famiglia, alla raccolta e alla vendita dei prodotti derivati dal loro lavoro.

Marito e moglie erano complementari e avevano ruoli ben definiti

Pubblicità
Pubblicità

Ma in Italia alla fine degli anni ‘50 il settore agricolo registrò un calo di 1,5 milioni di occupati e anche se le donne continuavano a lavorare in questo ambito coltivando piccoli appezzamenti di terreno di proprietà o lavorando come braccianti per contribuire al sostentamento della famiglia, i mariti emigravano sempre più per cercare un’occupazione nelle fabbriche che stavano nascendo. 

Con il tempo la crescita dell’occupazione industriale vedeva l’aumento di dipendenti maschi pari a quello delle donne giovani, ma un contemporaneo calo dell’occupazione femminile adulta. Alla fine degli anni ‘60 le lavoratrici del terziario si dedicavano al lavoro in negozi, bar, alberghi o venivano assunte come segretarie. Il mondo dell’istruzione rimase ancora di carattere maschile fino alla fine degli anni ‘70.

Pubblicità
Pubblicità

In ogni caso in questi anni le donne rivestivano ancora un ruolo secondario nel mondo del lavoro.

La donna infatti, quando si sposava, diventava una casalinga: era moglie e madre  e a volte lavorava saltuariamente, mentre l’uomo si occupava delle entrate economiche per il sostentamento della famiglia. La donna quindi aveva decisamente un ruolo di subordine rispetto all’uomo.

Nella seconda metà degli anni ‘70 veniva individuato il fenomeno della “doppia presenza”, vale a dire che la donna era presente contemporaneamente sia nell’ambito privato che pubblico, infatti le attività di cura venivano prese in considerazione come attività lavorative da cui nacque  la richiesta del salario al lavoro domestico. La figura della lavoratrice venne identificata poi come un vero e proprio problema: le donne infatti, dopo il matrimonio, come abbiamo visto, si ritiravano dal mondo del lavoro cedendo quindi il potere economico al capofamiglia.

Il lavoro femminile quindi era caratterizzato da ruoli subordinati e sottopagati, perché prima o poi il matrimonio e/o la gravidanza avrebbero interrotto l’attività lavorativa. A questo punto la donna avvertiva il bisogno di indipendenza economica vista come indipendenza interiore capace di definire un confine e rispetto tra l’uno e l’altra liberandosi così da una dipendenza affettiva vista come patogena.

Con il tempo, attraverso lotte all’interno del contesto familiare, ma anche e soprattutto sociali, gli spazi della famiglia e quelli del lavoro si sono accorciati per entrambi i sessi: mentre l’uomo collabora sempre più in casa e con i figli, la donna entra sempre più nella produttività. Negli ultimi anni infatti si è rivelato un aumento delle imprese a gestione femminile raggiungendo, alla fine del 2017, il 21,86% delle imprese iscritte al Registro delle Camere di Commercio con una concentrazione  nel settore turistico e dei servizi in particolare ai servizi alla persona. 

Di strada la donna ne ha fatta tanta e sicuramente ne deve fare ancora, infatti, anche se le donne hanno raggiunto il 41,74 degli occupati, il loro ruolo non ha raggiunto ancora la parità qualitativa dell’’uomo. 

Ma alla fine dei conti non importa chi lavora all’interno della famiglia, l’importante è che se uno solo porta a casa i soldi, l’altro non venga considerato come dipendente o subordinato al primo e che entrambi contribuiscano, senza delegare, al menage familiare e alla crescita dei figli.

Il prossimo e ultimo articolo dedicato alla donna sarà incentrato sulla posizione femminile nella politica.

Ricordo l’indirizzo mail della Voce del Trentino per un servizio psicologico del tutto gratuito in questo periodo di quarantena

emergenza_covid@lavocedeltrentino.it

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Ferrarelle punta sulla sostenibilità ambientale: bottiglie in plastica riciclata ad impatto zero
    Dai sacchetti per gli alimenti, alle bottiglie fino ai più comuni oggetti per la casa: l‘utilizzo incontrollato della plastica a livello globale, ha portato verso lo studio di specifiche procedure per il riciclo, utili a recuperare un materiale praticamente indistruttibile ma altamente inquinante. Questo, è uno dei motivi che ha spinto Ferrarelle, unica azienda di acqua […]
  • Dai semi di mela un olio “green” per uso alimentare e cosmetico
    Da assaggiare cruda nell’insalata o cotta nella torta, fino alle bevande con succhi, centrifugati e la versione alcolica, il sidro: le mele sono in assoluto uno dei frutti più versatili nonché sani da utilizzare in cucina. Nonostante la mela sia un frutto quasi completamente commestibile, il residuo di una lavorazione ad uso industriale è il […]
  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]

Categorie

di tendenza