Connect with us
Pubblicità

Società

La necessità di parlare ancora il Dialetto

Pubblicato

-

La necessità di mantenere le tradizioni e non far ghiacciare le radici deriva da un unico sentimento intenso, quasi prorompente: l’amore per la nostra terra d’origine.

Noi trentini non proveniamo dalle collinette toscane, soleggiate e facili da coltivare.

Apparteniamo ai monti trentini che per dare dei frutti necessitano di fatica, stenti e sudore ; la vita una volta era molto più dura e come meglio capire come veniva vissuta se non attraverso la parlata di tutti i giorni?

Pubblicità
Pubblicità

Quale modo migliore per mantenere salde le radici se non quello di parlare dialetto? Ogni singola comunità possiede una parlata, un vocabolario diverso che durante gli anni si sta via via perdendo.

Ma se nelle valli si stanno perdendo le particolarità della parlata, nelle città si è persa quasi completamente la facoltà di parlare dialetto, sopratutto nei giovani.

Siamo di fronte ad un epidemia delle lingue.

Pubblicità
Pubblicità

Per esempio, il terminetembel” nella parlata di città è scomparso da più di un secolo, mentre sull’Altopiano di Pinè è ancora in uso.  

Se si passasse più tempo con i nostri anziani ci si accorgerebbe di quanto la lingua sia cambiata e di quanto siano cambiati i modi di pensare e di vivere.

Analizzando alcune poesie e detti di una volta si può per esempio vedere come sia cambiato il modo di vivere e festeggiare il natale.

“El NADAL DE STIANI E DE ADES”

““El Nadal de stiani  l’era porèt,

ma eren contenti e felici lostess;

nèven en cesa a far la novèna,

a sentir i salmi che l’Bepi Galèt 

el saveva cantar .

Gavèven le dalmedre con söla de legn ,

gavèven le calze con le solète tacade

per poderle cambiar quando le era stracciare;

gavèven i vestidi ereditati 

che sol el fil novo tegniva tacadi.

Nèven po’ a casa engremìdi dal frèt

con le sgionfade de neo che ne feva colet;

arivaven a casa mizzi pàtochi,

ma èren contenti de aver giugà 

coi matelòti.

Adèss no l’è pù el Bambinèl de stiani,

ma el <<Babbo Natale>>tirà su la slita,

el ghe porta giugatoi, caramèle

e fruta candìta,

e la nòssa pension la è bele e finita.

Che bel… se diría che no ne manca gnènt,

i par contenti sti màtelòti, ma dopo en pezàt

i mòla lì tut e gh’è la television 

che rovina su tut.

Matelòti, disèghe el Gloria Patri 

al Bambinèl, ringrazialo de quel che gavèo,

parchè  se torna i nessi tempi,

no sò come la metèo.””

In questa poesia di Giannina Anesi viene sostenuto che il Natale di una volta fosse povero ma felice, mentre quello dei tempi d’oggi ricco ma con il cuore arido. Anche la prospettiva cristiana come stile di vita è palese all’interno della poesia.

Si paragonano il “bambinel de stiani”, ovvero il bambino Gesù, con il “Babbo Natale” attuale che porta doni ma non felicità. Alla fine de “El Bambinel de Stiani e de adès” si esortano inoltre i bambini a pregare e ringraziare per ciò che hanno.

Non solo i proverbi latini sono inesorabile fonte di saggezza, ma anche quelli dialettali lo sono.

“Par en fior no se resta de fàr primavera,

Par en asèn no se rèsta de fàr fèra.” 

Se manca un fiore, la primavera viene ugualmente 

come se manca un asino si fa ugualmente la fiera.

Un proverbio con il significato simile è:

“Per viver e star ben,

Beson tör el mondo come el vèn”

Per vivere e stare bene,

Bisogna prendere il mondo come viene.

Probabilmente attraverso questi detti i nostri antenati volevano rimarcare l’importanza della semplicità nella vita.

Questo si può anche notare dal detto comune:

“Prà grant,

Stropàia granda” 

Prato grande e 

grande recinzione.

Questo detto è sostanzialmente un appello alla responsabilità, infatti se si vuole avere molto (un grande prato) bisogna faticare molto e prendersi grandi responsabilità(grande recinzione).

I nostri antenati attraverso il dialetto potrebbero veramente tramandarci moltissimo.

Alcuni sostengono che l’importanza attuale del dialetto consista nel fatto che questo sia una seconda lingua da utilizzare con una stretta cerchia di persone, con la famiglia o con gli amici.

Altri pensano a quest’enorme patrimonio culturale e linguistico come la ricchezza del passato e la speranza del futuro.

Il dialetto dev’essere preservato e tutelato!! Importanti parole sono state spese al riguardo da Renzo Francescotti:

“Le parlate dovrebbero essere protette come gli animali e le piante in estinzione .

Hanno da sempre anticipato il bisogno di autonomia, di federalismo, di legittimo municipalismo, di ricchezza della diversità.

Sono come i vini rari, quasi introvabili, ma unici. Chi crede nella cultura come comunicazione di ricchezza dei valori, dovrebbe essere il primo a sostenerli e rivitalizzarli: rappresentano la ribellione all’omologazione, la ricchezza del passato, la speranza nel futuro.”

In questi tempi sta avvenendo un grande impatto fra due generazioni completamente diverse.

Una generazione di persone che andavano a zappare i campi tutto il giorno senza sosta e senza lamenti e quella nostra, costantemente depressa e dipendente dalle tecnologie e che parla più facilmente inglese rispetto alle parlate locali.  Il dialetto potrebbe essere ciò che unisce due modi di vivere e pensare; il collante che le farà andare avanti insieme imparando una dall’altra.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza