Connect with us
Pubblicità

Società

La necessità di parlare ancora il Dialetto

Pubblicato

-

La necessità di mantenere le tradizioni e non far ghiacciare le radici deriva da un unico sentimento intenso, quasi prorompente: l’amore per la nostra terra d’origine.

Noi trentini non proveniamo dalle collinette toscane, soleggiate e facili da coltivare.

Apparteniamo ai monti trentini che per dare dei frutti necessitano di fatica, stenti e sudore ; la vita una volta era molto più dura e come meglio capire come veniva vissuta se non attraverso la parlata di tutti i giorni?

PubblicitàPubblicità

Quale modo migliore per mantenere salde le radici se non quello di parlare dialetto? Ogni singola comunità possiede una parlata, un vocabolario diverso che durante gli anni si sta via via perdendo.

Ma se nelle valli si stanno perdendo le particolarità della parlata, nelle città si è persa quasi completamente la facoltà di parlare dialetto, sopratutto nei giovani.

Siamo di fronte ad un epidemia delle lingue.

Pubblicità
Pubblicità

Per esempio, il terminetembel” nella parlata di città è scomparso da più di un secolo, mentre sull’Altopiano di Pinè è ancora in uso.  

Se si passasse più tempo con i nostri anziani ci si accorgerebbe di quanto la lingua sia cambiata e di quanto siano cambiati i modi di pensare e di vivere.

Analizzando alcune poesie e detti di una volta si può per esempio vedere come sia cambiato il modo di vivere e festeggiare il natale.

“El NADAL DE STIANI E DE ADES”

““El Nadal de stiani  l’era porèt,

ma eren contenti e felici lostess;

nèven en cesa a far la novèna,

a sentir i salmi che l’Bepi Galèt 

el saveva cantar .

Gavèven le dalmedre con söla de legn ,

gavèven le calze con le solète tacade

per poderle cambiar quando le era stracciare;

gavèven i vestidi ereditati 

che sol el fil novo tegniva tacadi.

Nèven po’ a casa engremìdi dal frèt

con le sgionfade de neo che ne feva colet;

arivaven a casa mizzi pàtochi,

ma èren contenti de aver giugà 

coi matelòti.

Adèss no l’è pù el Bambinèl de stiani,

ma el <<Babbo Natale>>tirà su la slita,

el ghe porta giugatoi, caramèle

e fruta candìta,

e la nòssa pension la è bele e finita.

Che bel… se diría che no ne manca gnènt,

i par contenti sti màtelòti, ma dopo en pezàt

i mòla lì tut e gh’è la television 

che rovina su tut.

Matelòti, disèghe el Gloria Patri 

al Bambinèl, ringrazialo de quel che gavèo,

parchè  se torna i nessi tempi,

no sò come la metèo.””

In questa poesia di Giannina Anesi viene sostenuto che il Natale di una volta fosse povero ma felice, mentre quello dei tempi d’oggi ricco ma con il cuore arido. Anche la prospettiva cristiana come stile di vita è palese all’interno della poesia.

Si paragonano il “bambinel de stiani”, ovvero il bambino Gesù, con il “Babbo Natale” attuale che porta doni ma non felicità. Alla fine de “El Bambinel de Stiani e de adès” si esortano inoltre i bambini a pregare e ringraziare per ciò che hanno.

Non solo i proverbi latini sono inesorabile fonte di saggezza, ma anche quelli dialettali lo sono.

“Par en fior no se resta de fàr primavera,

Par en asèn no se rèsta de fàr fèra.” 

Se manca un fiore, la primavera viene ugualmente 

come se manca un asino si fa ugualmente la fiera.

Un proverbio con il significato simile è:

“Per viver e star ben,

Beson tör el mondo come el vèn”

Per vivere e stare bene,

Bisogna prendere il mondo come viene.

Probabilmente attraverso questi detti i nostri antenati volevano rimarcare l’importanza della semplicità nella vita.

Questo si può anche notare dal detto comune:

“Prà grant,

Stropàia granda” 

Prato grande e 

grande recinzione.

Questo detto è sostanzialmente un appello alla responsabilità, infatti se si vuole avere molto (un grande prato) bisogna faticare molto e prendersi grandi responsabilità(grande recinzione).

I nostri antenati attraverso il dialetto potrebbero veramente tramandarci moltissimo.

Alcuni sostengono che l’importanza attuale del dialetto consista nel fatto che questo sia una seconda lingua da utilizzare con una stretta cerchia di persone, con la famiglia o con gli amici.

Altri pensano a quest’enorme patrimonio culturale e linguistico come la ricchezza del passato e la speranza del futuro.

Il dialetto dev’essere preservato e tutelato!! Importanti parole sono state spese al riguardo da Renzo Francescotti:

“Le parlate dovrebbero essere protette come gli animali e le piante in estinzione .

Hanno da sempre anticipato il bisogno di autonomia, di federalismo, di legittimo municipalismo, di ricchezza della diversità.

Sono come i vini rari, quasi introvabili, ma unici. Chi crede nella cultura come comunicazione di ricchezza dei valori, dovrebbe essere il primo a sostenerli e rivitalizzarli: rappresentano la ribellione all’omologazione, la ricchezza del passato, la speranza nel futuro.”

In questi tempi sta avvenendo un grande impatto fra due generazioni completamente diverse.

Una generazione di persone che andavano a zappare i campi tutto il giorno senza sosta e senza lamenti e quella nostra, costantemente depressa e dipendente dalle tecnologie e che parla più facilmente inglese rispetto alle parlate locali.  Il dialetto potrebbe essere ciò che unisce due modi di vivere e pensare; il collante che le farà andare avanti insieme imparando una dall’altra.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]

Categorie

di tendenza