Connect with us
Pubblicità

Società

La necessità di parlare ancora il Dialetto

Pubblicato

-

La necessità di mantenere le tradizioni e non far ghiacciare le radici deriva da un unico sentimento intenso, quasi prorompente: l’amore per la nostra terra d’origine.

Noi trentini non proveniamo dalle collinette toscane, soleggiate e facili da coltivare.

Apparteniamo ai monti trentini che per dare dei frutti necessitano di fatica, stenti e sudore ; la vita una volta era molto più dura e come meglio capire come veniva vissuta se non attraverso la parlata di tutti i giorni?

Pubblicità
Pubblicità

Quale modo migliore per mantenere salde le radici se non quello di parlare dialetto? Ogni singola comunità possiede una parlata, un vocabolario diverso che durante gli anni si sta via via perdendo.

Ma se nelle valli si stanno perdendo le particolarità della parlata, nelle città si è persa quasi completamente la facoltà di parlare dialetto, sopratutto nei giovani.

Siamo di fronte ad un epidemia delle lingue.

Pubblicità
Pubblicità

Per esempio, il terminetembel” nella parlata di città è scomparso da più di un secolo, mentre sull’Altopiano di Pinè è ancora in uso.  

Se si passasse più tempo con i nostri anziani ci si accorgerebbe di quanto la lingua sia cambiata e di quanto siano cambiati i modi di pensare e di vivere.

Analizzando alcune poesie e detti di una volta si può per esempio vedere come sia cambiato il modo di vivere e festeggiare il natale.

“El NADAL DE STIANI E DE ADES”

““El Nadal de stiani  l’era porèt,

ma eren contenti e felici lostess;

nèven en cesa a far la novèna,

a sentir i salmi che l’Bepi Galèt 

el saveva cantar .

Gavèven le dalmedre con söla de legn ,

gavèven le calze con le solète tacade

per poderle cambiar quando le era stracciare;

gavèven i vestidi ereditati 

che sol el fil novo tegniva tacadi.

Nèven po’ a casa engremìdi dal frèt

con le sgionfade de neo che ne feva colet;

arivaven a casa mizzi pàtochi,

ma èren contenti de aver giugà 

coi matelòti.

Adèss no l’è pù el Bambinèl de stiani,

ma el <<Babbo Natale>>tirà su la slita,

el ghe porta giugatoi, caramèle

e fruta candìta,

e la nòssa pension la è bele e finita.

Che bel… se diría che no ne manca gnènt,

i par contenti sti màtelòti, ma dopo en pezàt

i mòla lì tut e gh’è la television 

che rovina su tut.

Matelòti, disèghe el Gloria Patri 

al Bambinèl, ringrazialo de quel che gavèo,

parchè  se torna i nessi tempi,

no sò come la metèo.””

In questa poesia di Giannina Anesi viene sostenuto che il Natale di una volta fosse povero ma felice, mentre quello dei tempi d’oggi ricco ma con il cuore arido. Anche la prospettiva cristiana come stile di vita è palese all’interno della poesia.

Si paragonano il “bambinel de stiani”, ovvero il bambino Gesù, con il “Babbo Natale” attuale che porta doni ma non felicità. Alla fine de “El Bambinel de Stiani e de adès” si esortano inoltre i bambini a pregare e ringraziare per ciò che hanno.

Non solo i proverbi latini sono inesorabile fonte di saggezza, ma anche quelli dialettali lo sono.

“Par en fior no se resta de fàr primavera,

Par en asèn no se rèsta de fàr fèra.” 

Se manca un fiore, la primavera viene ugualmente 

come se manca un asino si fa ugualmente la fiera.

Un proverbio con il significato simile è:

“Per viver e star ben,

Beson tör el mondo come el vèn”

Per vivere e stare bene,

Bisogna prendere il mondo come viene.

Probabilmente attraverso questi detti i nostri antenati volevano rimarcare l’importanza della semplicità nella vita.

Questo si può anche notare dal detto comune:

“Prà grant,

Stropàia granda” 

Prato grande e 

grande recinzione.

Questo detto è sostanzialmente un appello alla responsabilità, infatti se si vuole avere molto (un grande prato) bisogna faticare molto e prendersi grandi responsabilità(grande recinzione).

I nostri antenati attraverso il dialetto potrebbero veramente tramandarci moltissimo.

Alcuni sostengono che l’importanza attuale del dialetto consista nel fatto che questo sia una seconda lingua da utilizzare con una stretta cerchia di persone, con la famiglia o con gli amici.

Altri pensano a quest’enorme patrimonio culturale e linguistico come la ricchezza del passato e la speranza del futuro.

Il dialetto dev’essere preservato e tutelato!! Importanti parole sono state spese al riguardo da Renzo Francescotti:

“Le parlate dovrebbero essere protette come gli animali e le piante in estinzione .

Hanno da sempre anticipato il bisogno di autonomia, di federalismo, di legittimo municipalismo, di ricchezza della diversità.

Sono come i vini rari, quasi introvabili, ma unici. Chi crede nella cultura come comunicazione di ricchezza dei valori, dovrebbe essere il primo a sostenerli e rivitalizzarli: rappresentano la ribellione all’omologazione, la ricchezza del passato, la speranza nel futuro.”

In questi tempi sta avvenendo un grande impatto fra due generazioni completamente diverse.

Una generazione di persone che andavano a zappare i campi tutto il giorno senza sosta e senza lamenti e quella nostra, costantemente depressa e dipendente dalle tecnologie e che parla più facilmente inglese rispetto alle parlate locali.  Il dialetto potrebbe essere ciò che unisce due modi di vivere e pensare; il collante che le farà andare avanti insieme imparando una dall’altra.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]
  • “Regalati il Molise”:case vacanze gratis per rilanciare turismo e piccoli borghi
    Nell’anno in cui l’emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi del classico turismo legato alle grandi mete e alle vacanze tradizionali, una delle regioni più piccole d’Italia ha deciso di riaprire i confini del turismo con una particolare iniziativa aperta al mondo: “ Regalati il Molise perché il Molise è un regalo speciale”. L’annuncio arriva […]
  • Cortina d’Ampezzo plastic- free: da luglio stop a plastica in ristoranti, bar ed eventi
    Preservare la salute del pianeta e del nostro futuro è diventato una delle urgenze più importanti del momento, tanto da impegnare associazioni governative internazionali e Governi di tutto il mondo per trovare una soluzione efficacie alle problematiche ambientali. Dallo sfruttamento delle energie rinnovabili, alla raccolta differenziata, molte sono le soluzioni fino ad ora utilizzate per […]

Categorie

di tendenza