Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Coronavirus, tre casi a Malé. Il sindaco Paganini: «Insieme vinceremo anche questa sfida»

Pubblicato

-

Ad oggi a Malé ci sono 3 casi di Coronavirus

Dopo i primi casi di Coronavirus che hanno riguardato la sua comunità, il sindaco di Malé Bruno Paganini ha voluto scrivere una lettera ai cittadini per tranquillizzarli e per invitarli, con decisione, al rispetto delle disposizioni impartite a livello provinciale e nazionale.

Ad oggi sono 3 i contagi nel capoluogo della Val di Sole.

Ogni giorno seguo con ansia il bollettino che viene comunicato dalla Provincia per sapere la nostra situazione e naturalmente anche quella della nostra valle – scrive Paganini –. Il numero dei contagiati purtroppo è ancora destinato a salire. Facciamo la nostra parte perché questo non avvenga! Siamo chiamati come comunità a resistere fisicamente a questo nemico invisibile e subdolo, che ha cambiato le nostre vite e abitudini, con le relative relazioni sociali”.

Pubblicità
Pubblicità

Per il sindaco di Malé non bisogna lasciarsi prendere dalla paura. “Guardate con fiducia e speranza a quel futuro in cui dobbiamo credere, perché sicuramente “ce la faremo”! L’importante è seguire con massima rigorosità ciò che ogni giorno i media ci suggeriscono: stare in casa. Lo so che non è facile, ma dobbiamo assolutamente attenerci alle regole, le uniche che possono salvarci”.

Bruno Paganini suggerisce quindi – in particolare a chi ancora gira per i paesi inutilmente – alcune possibili attività da svolgere nel rispetto delle direttive. “Sosteniamoci gli uni con gli altri attraverso telefonate e messaggi, svolgiamo attività in casa e in giardino non pericolose, sentiamo buona musica e coltiviamo i nostri hobby – aggiunge il primo cittadino –. Insieme vinceremo anche questa sfida imprevista, per la quale non eravamo certo preparati”.

Gli agenti di Polizia Locale e i custodi forestali stanno comunque controllando ogni giorno il rispetto delle regole sul territorio.

Pubblicità
Pubblicità

Il pensiero di Paganini va poi a chi in questo momento sta lottando e a chi si sta spendendo per il bene altrui. “Sono naturalmente vicino a quelli che sono stati colpiti dal virus o sono in quarantena – scrive il sindaco –. Ringrazio poi tutte le persone che lavorano per la nostra salute e coloro che assicurano i servizi essenziali alla nostra vita quotidiana”.

Senza dimenticare gli ospiti della Casa di Riposo di Malé. “Un caro saluto e un abbraccio a tutti – conclude Paganini –. Vi prometto che, appena possibile, verrò a trovarvi e suonerò per voi”.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza