Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Cure per Coronavirus: Torniamo a Sperare?

Pubblicato

-

Dall’America alla Cina i paesi e le aziende sanitarie di tutto il mondo si stanno mobilitando per trovare una medicina, un vaccino per contrastare il Covid-19 che sta mettendo in ginocchio gran parte del pianeta.

Per ora, in Italia si stanno mettendo a punto due tipi di possibili cure.

Sono stati provati contro il virus, senza molto successo, noti farmaci solitamente usati per contrastare l’hiv che fermano l’enzima che permette all’aids di penetrare nelle cellule .

Pubblicità
Pubblicità

E’ andata molto meglio con quello che viene chiamato da alcuni “il farmaco della speranza”, il Tacilinzumab che in questo momento è stato somministrato a 30 pazienti contagiati dal coronavirus. 

La multinazionale svizzera Roche avrebbe anche annunciato di voler distribuire quantità di questo farmaco gratis per i casi più gravi.

Il “Tacilinzumab”, normalmente utilizzato come cura per l’artrite reumatoide, è stato somministrato dal dottor Paolo Ascierto a sei pazienti affetti da Coronavirus nell’ospedale Giovanni Pascale di Napoli.

Pubblicità
Pubblicità

I malati dopo pochi giorni hanno avuto degli importanti miglioramenti. Il farmaco è stato somministrato poi a 21 pazienti cinesi e anche in questo caso i miglioramenti sono stati notevoli. L’istituto sanitario della Campania, in collaborazione con l’ospedale di Cotogno sta studiando a fondo gli sviluppi di questa cura.

Sarà veramente il farmaco della speranza?

Come già detto, per ora sono stati utilizzati “vecchi” farmaci per contrastare il virus anche se il ministro della salute francese Olivier Vèron ha espresso il suo dissenso tramite Twitter per quanto riguarda l’utilizzo di antibiotici come ibuprofene o cortisone che secondo lui potrebbero aggravare l’infezione da Covid-19 o causare insufficienza renale nel caso del cortisone.

Giuseppe Remuzzi dell’Istituto farmacologico Mario Negri di Bergamo è però fiducioso e pensa che presto verrà trovata una cura al Covid; intanto però prevede saranno necessari 4000 posti letto per contrastare il peggior periodo dell’infezione che sarà nelle prossime settimane.

Anche in Lombardia si sta mettendo a punto una strategia, già provata in Cina, per combattere questa pandemia che prevede l’infusione del plasma di guariti con alti livelli di anticorpi negli ammalati.

Il professore di microbiologia all’università di Pavia e responsabile del laboratorio di virologia molecolare dell’ospedale San Matteo, Fausto Baldanti spiega però di non voler lasciar trapelare ulteriori dettagli poiché si è ancora in fase di sperimentazione.

Varie istituzioni e università legate alla medicina, come quella di Cambridge stanno lavorando per la progettazione di un vaccino che sviluppi degli anticorpi contro la proteina Spike.
Questa proteina è la parte più aggressiva del virus (non a caso Spike in inglese significa artiglio) ed è quella che va a colpire i polmoni, quindi l’apparato respiratorio.

Il gruppo dell’università olandese di Utrecht con a capo Thunyan Wong ha descritto il primo farmaco contenente anticorpi monoclonali che andrebbero a riconoscere la proteina Spike, neutralizzandola.

Per utilizzare il farmaco ci sarà bisogno però di tempo poiché dev’essere ancora testato, prima sugli animali e poi sugli uomini; infine verrà messo in commercio.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza