Connect with us
Pubblicità

Trento

In calo dell’80% i reati in Trentino. L’appello dei Carabinieri: «Andrà tutto bene solo se rimanete tutti in casa»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

«Andrà tutto bene», è oramai divenuto l’augurio che ognuno di noi esprime e non solo sui social.

Sicuramente andrà tutto bene, ma sicuramente meglio se vincerà la formula #iorestoacasa.

L’hastag oramai famoso e preso come titolo dal Presidente del Consiglio per il suo decreto dell’8 marzo, è un imperativo per tutti i Carabinieri che, insieme alle altre forze dell’ordine, sotto la direzione del Commissario del Governo per la P.A.T., partecipano al contenimento della diffusione del Coronavirus.

Il Comando Provinciale Carabinieri di Trento, con i suoi 79 Reparti tra Stazioni e Compagnie, nel rispetto nel piano straordinario di controllo del territorio, condiviso con il Comitato Provinciale dell’Ordine e Sicurezza Pubblica, ha la competenza su oltre 2400 km di strade tra provinciali e Statali, che coprono i 166 comuni dell’intero Trentino.

Dall’applicazione del DPCM, del 9 mar. scorso, i Comandi proiettano, ogni giorno, più servizi esterni possibili, che hanno già permesso di controllare alcune migliaia di persone e veicoli, facendo soprattutto informazione e dovendo purtroppo denunciare troppi cittadini che non hanno rispettato i limiti imposti, ma assolutamente necessari per contenere la diffusione del virus.

Per incrementare ulteriormente la presenza in Trentino, il Comando Generale ha appena inviato ulteriori Carabinieri di rinforzo, destinati espressamente per la specifica emergenza, che opereranno in ragione della delicatissima situazione sociale.

Pubblicità
Pubblicità

I controlli, se da un lato ci dicono che una parte consistente dei residenti e domiciliati in trentino è pienamente rispettosa di quanto disposto dal Governo, dall’altra troppi sono ancora coloro che -visto il momento- continuano a rimanere sordi al problema.

La maggioranza di coloro, che si muovono senza valida e impellente motivazione, è spesso espressione di una ricerca di svago che non può più essere attuale, soprattutto in un momento in cui operatori di diversi settori espongono se stessi e i propri affetti a rischi concreti, per salvare le vite di chi è incorso – proprio malgrado – nel contagio.

Motivazioni quali la ricerca di lavoro, di una nuova casa in affitto, un weekend in una località turistica, la visita ad un amico o alla fidanzata, non valgono certo il rischio di esporre un operatore o un anziano alla probabilità indiretta di contagio, viste le importanti cifre di decessi, ormai raggiunte in alcune zone del paese.

Non è più tollerabile la superficialità, delle decine di ragazzi che sono stati trovati nei parchi o nelle piazze dei paesi, delle persone che si recano dal commerciante, al distributore di fiducia o addirittura a fare bisboccia. Anche coloro, che si sono trattenuti in Trentino, debbono restarsene a casa senza andare a passeggio.

L’attività preventiva ha registrato un calo di oltre l’80% dei reati negli ultimi 15 giorni rispetto all’anno scorso, in forte discesa anche i furti in abitazione. Ma ciò non deve indurre certezze, perché proprio il primo giorno di attuazione del DPCM, a Trento c’è stata una rapina in abitazione ai danni di una anziana, che è stata indotta ad aprire la porta ad un uomo che le ha lasciato credere di essere l’emissario del nipote in difficoltà.

I cittadini, pertanto, devono continuare a segnalare ogni fatto anomalo e sospetto, per consentire il repentino intervento delle Forze dell’Ordine.

In questo periodo le procedure devono essere attuate da tutti e la distanza interpersonale rigorosamente mantenuta, evitando i contatti: È il primo presidio, per cui stare a casa e uscire solo se è strettamente necessario, mantenendo sempre almeno di un metro di distanza e lavarsi spesso le mani è di vitale importanza. Queste sono le prime fondamentali accortezze.

Nel contempo, cerchiamo di stare vicini ai nostri cari, le persone anziane e i nostri figli, ricorrendo anche alla tanto discussa tecnologia, che in questi momenti ci aiuta a diradare i contatti e continuare nel nostro lavoro o a seguire le lezioni scolastiche e universitarie.

Restare distanti, ma sempre uniti, così, come diceva Seneca “non possiamo dirigere il vento, ma possiamo orientare le vele” ci consentirà di mantenere la rotta stabilita e insieme sarà certamente più facile raggiungere l’approdo pianificato.

L’Arma in questi 200 anni è già stata chiamata a operare in situazioni simili e anche in questa occasione, si sta impegnando con i suoi Carabinieri per mettersi concretamente al servizio degli italiani. Aiutateci a farlo e tra qualche tempo potremo ricominciare a vivere serenamente come prima.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero19 minuti fa

“Se togli il reddito di cittadinanza ammazzo te e tua figlia”: le scioccanti minacce di morte contro Meloni

Piana Rotaliana21 minuti fa

Tenta di rubare un auto lasciata aperta, 60 enne italiano arrestato a Lavis

Trento27 minuti fa

Spaccio: denunciate 3 persone e segnalate altre 10 (tra cui 3 minorenni)

Italia ed estero34 minuti fa

Scontro tra due treni alla periferia di Barcellona, oltre 150 i feriti

Italia ed estero55 minuti fa

Droni ucraini colpiscono ancora il territorio russo, Mosca: “Reagiremo agli attacchi”

Val di Non – Sole – Paganella55 minuti fa

Winter Akademie e Premio Internazionale di Composizione: importanti iniziative culturali a Borgo d’Anaunia

Bolzano2 ore fa

Terribile schianto, muore un 42enne di Vandoies

Trento2 ore fa

Veronica Fietta alla guida del corpo dei Vigili del Fuoco Volontari di Pieve Tesino

Fiemme, Fassa e Cembra2 ore fa

Marmolada: slavine e valanghe ci sono da sempre, ma serve prudenza

Io la penso così…2 ore fa

Attenzione alle persone «tossiche» e ai vampiri energetici

Politica2 ore fa

Manovra di Bilancio: le minoranze depositano circa 5.500 emendamenti

Trento3 ore fa

Sergio Mattarella apre all’autonomia, Fugatti: “Ora risolvere i conflitti sull’interpretazione delle norme”

Trento3 ore fa

Slot machine: il consiglio di Stato sospende l’ordine di rimozione

Trento3 ore fa

Circonvallazione ferroviaria Trento: pian piano la verità viene a galla

Ambiente Abitare3 ore fa

COP27, la Conferenza ONU sui cambiamenti climatici: Tonina a confronto con la delegazione dei giovani trentini

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…5 giorni fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento2 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento1 settimana fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento4 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web3 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

Trento3 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento3 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza