Connect with us
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

Tempi da Coronavirus: gli italiani a Londra

Pubblicato

-

Il governo inglese ha inizialmente minimizzato l’impatto del Coronavirus sulla popolazione di Sua Maestà.

Boris Johnson, smarcandosi dai suoi colleghi europei, ha sposato, nella fase iniziale, la teoria della cosiddetta “immunità di gregge”, sostenuta da alcuni scienziati di là della Manica, suscitando numerose critiche nell’opinione pubblica.

L’inquilino di Downing Street, dopo alcune ore, è stato costretto al dietro front, chiedendo ai propri cittadini di adottare “misure draconiane”. I provvedimenti più stringenti sono caldeggiati nella “City”, dove si sono addensati i primi casi di contagio.

Pubblicità
Pubblicità

Il Primo Ministro ha ribadito, durante la sua conferenza, la necessità di limitare i contatti sociali e annullare i viaggi non necessari, lavorando da casa (se possibile), non frequentando pub, bar, ristoranti, teatri e musei.

Le scuole private e pubbliche e le università che non hanno attivato le lezioni online continuano  a svolgere il servizio.

Gli anziani (sopra i 70 anni), le persone con patologie di salute croniche e le donne incinte, sono invitati a rimanere nelle proprie abitazioni. Si fa obbligo altresì alle persone con sintomi, febbre alta o tosse persistente, di osservare il periodo di quarantena (14 giorni).

Lo spirito culturale anglosassone emerge anche in questa situazione: non è nelle corde di questa gente manifestare le proprie emozioni o esplicitare l’acceso dissenso. Si evitano le scaramucce di carattere politico in campo aperto.

Prendiamo contatto telefonico con Chiara, una ragazza italiana di 35 anni che vive da 5 anni a Londra, impiegata nel settore finanziario.

Pubblicità
Pubblicità

Com’è la situazione a Londra, un Paese che inizialmente ha scelto di non fare prevenzione, appellandosi alla discutibile strategia di “herd immunity”, ovvero “immunità di gregge”?

“Sembra tutto, al momento, un po’ incoerente e contradditorio. Siamo passati dallo slogan “business as usual” al consiglio di misure più stingenti. La popolazione, in apparenza, è tranquilla, anche se serpeggia un velo di paura. I negozi di alimentari sono stati presi d’assalto e i trasporti pubblici sono meno congestionati, si può notare un calo dell’utenza del 20% circa”.

Cosa pensi, a riguardo, del discorso del PM inglese Boris Johnson?

“E’ difficile giudicare in modo oggettivo la situazione. Io sono italiana, mentre qui i parametri sociali e culturali sono divergenti. L’approccio ai problemi è differente, distaccato, si riferisce come se l’emergenza Coronavirus non coinvolga i sudditi. Questo, ovviamente, è un paradosso e in modo celato ne sono coscienti.”

Nelle ultime ore il governo britannico sembra tornare sui suoi passi, cambiando la comunicazione e invitando la popolazione a limitare gli assembramenti. E’ stata sospesa anche la Premier League. Dopo la repentina retromarcia come ha reagito l’opinione pubblica britannica?

“A livello politico, la Gran Bretagna è divisa a metà; un Paese in qualche modo lacerato e in discussione. La questione ancora aperta della Brexit ne è la rappresentazione plastica. Negli ultimi giorni si sono susseguiti appelli dei cittadini affinché l’approccio all’emergenza del Virus Covid-19 fosse affrontato con una metodologia simile a quello intrapresa dagli altri partner europei. Il National Health Service (NHS) è campo di battaglia politico. Si accusano i Conservatori di aver demolito il già fragile Sistema Sanitario Nazionale.”

Hai pensato di rientrare in Italia?

“Sinceramente ho pensato anche a questa eventualità. Mi sono trasferita in UK, ho un lavoro dopo tanti sacrifici e mi sono costruita una vita. Il viaggio metterebbe a rischio la mia salute o eventualmente quella della mia famiglia nel caso di un eventuale contagio, quindi preferisco rimanere a Londra.”

Cosa ti manca del BelPaese?

“L’Italia è il mio Paese, nel quale sono nata e formata; vive la mia famiglia, risiedono i miei affetti e tanti amici. Io amo Londra e la sua multiculturalità, anche se messa in ginocchio da Brexit, ma nel mio cuore vi è l’orgoglio di essere italiana.”

Tempi da Coronavirus: gli italiani a Londra.

Emanuele Perego  www.emanueleperego.it  www.perego1963.it

 

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]

Categorie

di tendenza