Connect with us
Pubblicità

Società

Donna: dalla società di ieri all’immobilismo imposto dal Coronavirus

Pubblicato

-

Continuando le riflessioni sulla trasformazione della donna iniziate con l’articoloNon solo una mimosa per ricordare l’inesauribile forza delle donne” pubblicato l’8 Marzo scorso, si cercano ora di analizzare i cambiamenti sociali che hanno caratterizzato la posizione della donna all’interno del suo ambiente.

E’ indiscutibile che l’uomo e la donna abbiano avuto cambiamenti sociali, lavorativi e politici molto diversi nel tempo: si pensi ad esempio che la presenza delle donne, fino a meno di un secolo fa, era legata quasi esclusivamente al suo corpo e alla sua funzione rispetto al contesto familiare di appartenenza.

La donna era vista infatti come figlia, sorella, madre, moglie e non nella propria individualità con le sue caratteristiche personali e le sue inclinazioni.

Pubblicità
Pubblicità

Al massimo si parlava di una madre buona, di una bella moglie, di una nonna che sapeva cucinare o di una zia più o meno generosa.

Vigeva un sistema basato sull’onore che considerava la donna come  appartenente ad una famiglia, pertanto il suo disonore minava non tanto la sua persona, bensì l’integrità dell’intero gruppo familiare. Si pensi inoltre che le disposizioni del delitto d’onore sono state abrogate con la legge 442 del 1981, quindi solamente 39 anni fa.

Ma in che cosa consisteva il delitto d’onore?  – Si trattava di un delitto atto a salvaguardare una particolare forma di onore o reputazione rispetto ai rapporti sessuali, matrimoniali ed in genere familiari. L’onore costituiva un valore tale da tenerne conto in ambito penale, per cui venivano prese in considerazioni attenuanti all’omicidio di una donna e di chi avesse perpetrato insieme a lei condotte disonorevoli. La donna quindi aveva un valore decisamente inferiore a quello dell’onore di un uomo, il quale poteva essere giustificato nei suoi atti violenti e persino letali.

Pubblicità
Pubblicità

Negli ultimi quarant’anni ci sono stati molti cambiamenti che hanno portato le donne ad essere riconosciute come individui, portatori di diritti e di un ruolo diverso all’interno del contesto relazionale.

Negli anni ‘80 infatti nascono centri di studio, documentazione e ricerca sulla condizione femminile; si era arrivati al punto che la cultura del femminismo riusciva a condizionare molte discipline come la sociologia, la linguistica, la storia, l’antropologia, l’economia e la filosofia. 

La trasformazione del ruolo della donna si ha anche e soprattutto a livello familiare. Dagli anni ‘70 in poi si è registrato un vero crollo di nascite, scomparse quasi completamente la famiglia numerosa e i dati ISTAT relativi al 1981 rilevavano  che il 40% delle ragazze erano in possesso di diploma a differenza dei maschi che raggiugevano solo il 37%. Altro dato interessante è che il 5% delle donne (contro al 7% degli uomini) era in possesso di un diploma di laurea. Negli ottanta forse l’obiettivo delle persone in generale era studiare per un lavoro che desse una sicurezza economica e l’idea della carriera era ancora prerogativa di pochi. La donna dopo il lavoro si occupava ancora della famiglia e l’uomo iniziava a contribuire al menage familiare. 

Ma oggi che cosa accade? Che posizione ha ora la donna?  – Forse non lo sappiamo ancora: l’uomo e la donna stanno ancora cercando di comprendere come collaborare alla pari senza che l’uno prevarichi sull’altro. Certo è che la precarietà lavorativa è lo sfondo in cui si muovono le relazioni affettive sempre più labili, dalle quali poi nascono figli che non hanno punti di riferimento.

I genitori arrivano a casa sempre più tardi da lavori che non danno una prospettiva del futuro. La stanchezza e lo stress non permette di seguire i figli come si dovrebbe, o meglio come si vorrebbe.

Siamo talmente abituati a stare fuori casa, a non avere una vita regolare che di fronte all’emergenza del Coronavirus non riusciamo a reggere i giorni a casa imposti per la salvaguardia della salute nostra e in generale di tutti.

Anche i nostri figli, dopo i primi giorni senza la scuola, hanno cominciato ad annoiarsi talmente tanto da non riuscire a stare fermi e godere della propria famiglia.

L’immobilità che ci impone il COVID19, oltre a spaventare molte persone, disorienta, privandoci della nostra quotidianità ed invece in questo silenzio sociale e allo stesso tempo in questa chiusura all’interno della famiglia occorrerebbe utilizzare il tempo per vivere le nostre relazioni più intime, leggere di più, dedicarci a noi stessi e fare cose che la frenesia dei mesi passati e nella quale poi ritorneremo ci ha impedito e purtroppo, se non facciamo attenzione, ci impedirà ancora di goderne.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]
  • Botticelli va all’asta: raro dipinto, valore stimato 80 milioni di dollari
    La straordinaria stagione del Rinascimento italiano ammirato da tutto il mondo grazie al domino culturale, economico e sopratutto artistico di quegli anni, attira nuovamente l’attenzione a causa del recente annuncio d’asta di un capolavoro del Botticelli. La nota casa d’Aste Sotheby’s ha infatti comunicato che nel gennaio 2021 verrà messo all’asta un magnifico dipinto del […]

Categorie

di tendenza