Connect with us
Pubblicità

Trento

Coronavirus: malumori e preoccupazioni dei dipendenti del Sait per la mancanza di tutela

Pubblicato

-

Sono numerose le lamentele che arrivano da parte dei dipendenti, in particolari quelli del Sait che in questo momento sono i soggetti più a rischio per l’emergenza CoronaVirus.

In special modo i rischi interessano gli operatori delle casse che maggiormente sono a contatto con i clienti.

Dopo la categoria dei medici ed infermieri la loro è la categoria più a rischio. 

Pubblicità
Pubblicità

Nei punti vendita Sait viene segnalata una grande confusione. Non sono per ora state fornite mascherine in grado di proteggere i lavoratori e per questo è scattato il «fai da te», con dipendenti che si sono costruiti delle protezioni artigianali.  In alcuni casi lavorano anche delle donne incinte che dovrebbero essere tutelate ancora di più.

La tutela della salute e della sicurezze all’interno dei punti vendita anche in questo momento di particolare difficoltà causato dal corona virus non esonera la responsabilità dei direttori dei punti vendita  che devono  garantire le condizioni applicando le normative vigenti.

Ad oggi ci troviamo un problema, chi lavora nei punti vendita alimentari e non, farmacia ecc e deve svolgere il lavoro presso il reparto cassa è considerata ad alto rischio contagio per la vicinanza e per le operazioni che non possono esonerare il lavoratore/cliente da una comunicazione verbale inevitabile. (richiesta di borsa per la spesa, resto, resi, info prodotto ecc ecc).

Pubblicità
Pubblicità

In questi giorni le aziende almeno quelle più rilevanti per il nostro territorio si sono prodigate nella tutela dei lavoratori attenendosi alle indicazioni del DPCM 4/3/2020 con qualche inevitabile difficoltà.

Sull’argomento è intervenuto anche Sandro Bordignon (foto) di Agire per il Trentino che incalza subito tutti i supermercati a «mettere dei pannelli in plexiglass (foto) alle casse per creare una barriera di protezione, mettere a disposizione dei dipendenti  e clienti del gel alcolico da utilizzare quando si entra in negozio e per quando si esce. Delle aziende non fanno più utilizzare il cesto “Basket spesa” questo per evitare che le persone restino a contatto troppo ravvicinato e allora fanno usare solo i carrelli che permette una distanza obbligata da persona a persona. E tante altre iniziative…» – Spiega Bordignon che aggiunge: «L’unica situazione che preoccupa molti dipendenti è il fatto che le aziende restano un pò restie verso l’utilizzo della mascherina. E’ vero che qualche azienda le ha consegnate per utilizzarla ma sono mascherine poco “rassicuranti”. Altre Aziende hanno risposto che non sono obbligati, ma se vogliono portarle da casa possono indossarle. E’ vero, non lo prevede il DPCM ma lo prevederebbe il buon senso. Quello stesso buon senso che era stato affidato alle persone prima di entrare tutti, per decreto in zona rossa. Non si pretende la mascherina con certificazione ffp3 (mascherina più sicura anche per il corano virus) ma almeno una soluzione che permetta di non inalare le microgocce di saliva. Magari non risolviamo il problema ma lo attenuiamo sia sotto il profilo emotivo e anche pratico. Insomma una soluzione in più vicina alle altre dettate dal DPCM».

Bordignon sottolinea anche che i cassieri/e non sono immuni al contagio e lancia un appello ai clienti perché le richieste che vengono fatte sono anche per il loro interesse.

La mascherina infatti protegge anche i clienti oltre che il personale dei supermercati. «Se vi assale un dubbio sulla richiesta qui fatta pensate solo che dietro alla cassa potrebbe esserci un vostro figlio, nipote, ecc ecc non diventeranno tutto primari o avvocati. Si chiede alle aziende di investire sui propri dipendenti tutelandoli con delle mascherine che possano essere definite tali. In questo momento di difficoltà a molte aziende hanno ringraziato pubblicamente i loro dipendenti per come si stanno comportando. Anche i dipendenti vorrebbero ringraziare e ricordare la propria azienda in un momento come questo che resterà indelebile nella mente di tutti noi per molti decenni. Si vorrebbe ricordarla per come si è comportate in momento difficile con i propri dipendente e non per decreto ma per una sana e sincera vicinanza» – conclude Bordignon

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]

Categorie

di tendenza