Connect with us
Pubblicità

Trento

CoronaVirus: furbetti, extracomunitari, anziani e cooperative. Quelli che a casa non ci rimangono nemmeno da morti

Pubblicato

-

«I Trentini stanno facendo la loro parte con responsabilità, intelligenza e senso civico» – queste le parola del governatore Maurizio Fugatti nella tradizionale conferenza stampa sull’aggiornamento del coronaVirus.

Noi diciamo «quasi tutti» invece. Anche oggi sono arrivate alcune segnalazioni con report fotografico a testimonianza di comportamenti irresponsabili da parte di cittadini trentini ed extracomunitari.

Sulla pista ciclabile della Valsugana sono stati segnalati dei gruppi di ciclisti in direzione Trento. Ricordiamo che è assolutamente vietato usare la bicicletta da corsa in qualsiasi situazione. Figuriamoci in gruppo.

Pubblicità
Pubblicità

7/empre sulla stessa ciclo pedonale sono state avvistate delle famiglie con bambini munite di cestini per il pic – nic

È tornata alla normalità la situazione al centro commerciale di Borgo Valsugana dove ieri la gente arrivata da tutti i paesi e si ammassava dentro i negozi. Da stamane è presente una pattuglia di Carabinieri che presidia l’entrata.

Sono stati visti 3 ragazzi al parco di via Anna Frank (foto) girare tranquillamente per quasi tutto il pomeriggio.

Pubblicità
Pubblicità

Si sono fermati sulle panchine mangiando e bevendo insieme, buttando poi tutto per terra. Ma questo, tenuto conto della situazione, è il minimo.

Arrivano delle segnalazioni che presso le pompe di benzina della Valsugana e su una in particolare ubicata sulla tangenziale nord a Trento nei bar si ammassano molte persone che rimangono anche delle ore a chiacchierare e bere.

In questi casi nei bar annessi alle pompe di benzina è permesso di tenere aperto. È chiaro che i frequentatori dei bar di tutto il Trentino non perdano occasione per continuare le proprie abitudine negli unici bar aperti nella provincia di Trento  

Negli orti comunali di via Gramsci (foto) molti anziani coltivavano tranquillamente il loro pezzo di terreno.

Ci chiediamo se i loro figli o nipoti hanno spiegato a questi signori che coltivare un orto non rientra fra le necessità urgenti tali da correre in strada.

Arriva un clamoroso caso dalle Giudicarie. La famiglia cooperativa ha affisso sulla vetrina e pubblicato sulla pagina social un proposta «in via sperimentale» per la consegna della spesa a casa. (foto)

Ricordiamo che nelle Giudicarie sono circa una trentina le persone positive al coronaVirus.

L’esperimento non deve aver avuto molto successo, infatti dopo 3 ore di insulti e critiche ricevuti sui social il messaggio è stato cambiato. La consegna risulta ora gratuita e non a 30 euro. Chiedere il 33% per la consegna era davvero una rapina e per fortuna che le cooperative fanno parte della cooperazione. In questo caso qualcosa non ha funzionato. Consigliamo l’immediata rimozione del direttore.

Ma siccome l’Italia in generale e il Trentino non si fanno mancare nulla ecco arrivare due testimonianze incredibili che riguardano cittadini extracomunitari.

Nel pomeriggio sono stati contati 35 extracomunitari, per lo più africani, bivaccare tranquillamente nel parco di Santa Chiara.

Le foto (a fondo articolo) rendono poco l’idea perché dopo i primi due scatti il cittadino ha dovuto darsela a gambe viste le minacce e le urla indirizzate alla sua persona.

I sacrifici dei Trentini continuano: dopo aver mantenuto grazie all’ex assessore Luca Zeni fino a 1800 migranti sul nostro territorio per anni, ora i Trentini si blindano in casa e fanno un ulteriore sacrificio per uscire da questo terribile momento mentre loro scorrazzano sorridendo nelle nostre strade spacciando, aggredendo ed insultando.

Forse ora la pazienza della comunità sta terminando. Parlare in questo caso di affronto è giusto e sensato.

Ed ecco la chicca finale. Un nostro lettore scorge poco prima delle 15.00 di oggi un furgoncino pieno di deplian pronti per la consegna (foto).

Sul mezzo vengono anche caricate 4 biciclette con relativi pachistani pronti per andare al lavoro.

Evviva la sicurezza coronavirus.

E finiamo con due testimonianze carine. Alcuni sgarrano, altri sono fin troppo ligi al dovere.

La foto arriva da Rovereto dove un nostro lettore per sicurezza ha deciso di far usare la mascherina anche al suo cane. La foto è ironica ma lancia il solito appello #restateacasa!

L’altra riguarda il titolare che dopo aver chiuso il suo locale dopo il decreto Conte la prende sul ridere. La scritta parla da sola.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza