Connect with us
Pubblicità

Socialmente

Coronavirus: lo strano caso dei servizi diurni di Anffas

Pubblicato

-

Con la circolare U20/412 di ieri (link al documento), relativa alle misure di prevenzione per evitare la diffusione del coronavirus sul territorio provinciale, l’Anffas Trentino Onlus ha deciso in via precauzionale di sospendere molti degli utilissimi servizi che da anni rende in maniera professionale alle famiglie ed alle persone con disabilità.

Ciò che, a nostro parere, stride con il nuovo DPCM del 09/03/20, conosciuto anche come decreto #Iorestoacasa è che, al momento, siano rimasti attivi i servizi diurni (CSE – centri socioeducativi, CSO – centri sociooccupazionali ed il progetto Per.la – per lavorare) mentre comprendiamo che i servizi residenziali (Comunità alloggio e Nuova Casa Serena), per la loro peculiarità, non possano essere sospesi.

L’Anffas Trentino Onlus è probabilmente la punta di diamante dell’Anffas nazionale e da oltre 50 anni si prende cura delle persone disabili, in particolar modo di quelle con ritardo mentale, e delle loro famiglie sul territorio provinciale offrendo sevizi di riconosciuto ed indiscusso valore.

Pubblicità
Pubblicità

Le nostre osservazioni, che crediamo possano essere ritenute costruttive, si fondano sul fatto che a causa dell’emergenza coronavirus sono state sospese tutte le attività scolastiche e quelle terapeutiche, a titolo precauzionale, su tutto il territorio nazionale.

Pertanto, in osservanza al “coprifuoco sanitario” chiesto dal Governo, dopo che un’intera famiglia è ormai chiusa nel proprio appartamento: i genitori telelavorano da casa, i figli studiano da casa e si esce (un solo genitore) solamente per fare la spesa o andare in farmacia, ci sembra inopportuno rompere questa catena anti-contagio, esponendo un membro della famiglia, quello più debole con disabilità, alla frequentazione di una comunità.

È noto che Anffas per le persone che frequentano i servizi diurni, in quest’emergenza, cerca di ridurre al minimo le occasioni di contagio, confinando, ad esempio, le attività degli ospiti all’interno dei propri centri, eliminando i contatti con le persone e/o gli ambienti esterni (attività, pranzo, ecc.), cambiando frequentemente l’aria nei locali, tenendo a distanza di sicurezza gli ospiti tra loro e facendogli lavare frequentemente le mani, però rimane sempre il rischio che il contagio possa avvenire tra gli stessi ospiti dei centri diurni, perché la sera queste persone rientrano nelle proprie famiglie e chi può garantire che le stesse famiglie non abbiano avuto rapporti con terzi e contratto il virus? Ciò vale anche per gli stessi operatori dei centri e per gli autisti del consorzio che, mattina e pomeriggio, accompagnano gli utenti dei servizi diurni nel tragitto casa-centro e viceversa.

Dal sito del Ministero della Salute nella sezione FAQ dedicate alle misure per le persone con disabilità previste dal decreto #Iorestoacasa leggiamo: In caso di chiusura dei centri diurni per disabili, sono garantite le prestazioni sanitarie fondamentali?

Sì. Le regioni e le province autonome hanno facoltà di istituire unità speciali atte a garantire l’erogazione di prestazioni sanitarie e sociosanitarie a domicilio in favore di persone con disabilità che presentino condizione di fragilità o comorbilità tali da renderle soggette a rischio nella frequentazione dei centri diurni per persone con disabilità.

Pubblicità
Pubblicità

Ci chiediamo, dunque, se non sia il caso di ridurre le occasioni di contagio con una sospensione temporanea delle attività dei centri diurni e magari con la sostituzione, sempre temporanea, di un eventuale servizio domiciliare, dove almeno il rapporto è di 1:1 (paziente, operatore).

Ci rendiamo conto che la sospensione di un servizio socioeducativo o sociooccupazionale possa costituire un trauma per una persona autistica o down, trauma indotto dall’interruzione di una routine rassicurante e che la noia di rimanere a casa, senza attività e contatti sociali, possa determinare apatia, regressione o anche nervosismo, però qui bisogna capire se vale la pena correre il rischio oppure fermarsi, un paio di settimane, e fermare il contagio nazionale evitando di sovraccaricare i reparti di rianimazione degli ospedali, già sottodimensionati per affrontare l’emergenza coronavirus e provati dai numerosi ricoveri già in atto.

Alle Comunità di Valle, sembra dalla circolare Anffas, spetti l’ultima parola. Speriamo decidano presto.

A cura di Mario Amendola

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]

Categorie

di tendenza