Connect with us
Pubblicità

Trento

CoronaVirus: l’altra paura e quelli che non rispettano le regole

Pubblicato

-

Ci sono due aspetti che sono subito saltati all’occhio dopo la tempesta che sta travolgendo alcune regione d’Italia e destando preoccupazione anche in Trentino.

Per il momento nella nostra provincia non è in atto nessuna epidemia, come spiegato anche dal Governatore Fugatti.

I casi infatti sono undici e tutti circoscritti e sono invece un centinaio le persone in isolamento preventivo.

Pubblicità
Pubblicità

Detto questo è necessario che tutti debbano essere responsabili e fare la propria parte perché il rischio di una epidemia e la trasformazione in Pandemia è alto e non bisogna sottovalutarlo.

Il primo aspetto è quello della paura di presentarsi in ospedale dopo i primi sintomi che potrebbero essere riconducibili al virus.

Ci vengono segnalati da molti luoghi del Trentino persone che non vogliono recarsi presso gli ospedali della zona per paura di essere messi in quarantena.

Pubblicità
Pubblicità

È esaustivo in tal senso il messaggio di un volontario della croce bianca: «Vi scrivo da Trento in merito alla situazione della corona virus. Sono un volontario della croce bianca e volevo dirvi che ho assistito ad alcuni eventi dove erano presenti persone che hanno i sintomi riconducibili al coronavirus ma non dicono niente a nessuno e vanno giro tranquillamente. Sabato scorso vicino a me c’era una persona che era visibilmente malata e continuava a tossire forte e faceva fatica a respirare. Poi con la stessa patologia ho incontrato altre persone e alla domanda come mai non andassero in ospedale per farsi visitare mi hanno riposto che avevano paura».

Chiariamo che chiunque abbia la tosse non è detto sia un malato di coronavirus. L’invito è comunque di fare la massima attenzione e di non avere paura a recarsi al pronto soccorso. Secondo le segnalazioni sono gli anziani ad avere paura di sottoporsi al test e tutti per paura di dover lasciare le proprie case ed entrare in quarantena.

Il secondo aspetto riguarda gli eventi. Oggi sono stati in molti a segnalare alla nostra redazione cose ritenute molto strane all’indomani del decreto che detta le regole per contrastare in modo incisivo il propagarsi del virus.

Per esempio in whatsApp sta girando un messaggio vocale che dice: «Sabato scorso c’erano 170 persone , questo sabato dobbiamo essere molti molto di più»

Ma c’è da sbizzarrirsi in tal senso. Un notissimo locale trentino circa 8 ore fa scrive sulla sua pagina social: «Si comunica che nelle serate verrà gestito l’afflusso dei clienti (in contemporanea) in modo da garantire agli stessi di poter stare a distanza di 1 m uno dall’altro nel rispetto del decreto. Invitiamo pertanto i partecipanti a rispettare le indicazioni date e ci scusiamo anticipatamente con coloro che non riusciremo a far entrare».

Dopo un paio d’ore, capito che forse la serata poteva andare deserta, la direzione cambia tutto e scrive: «La Direzione comunica che le serate del weekend si svolgeranno regolarmente avendo un occhio di riguardo all’affluenza. Sottolineo che non vi è obbligo di partecipazione e chiunque è responsabile di se stesso e delle proprie scelte».

Come dire: non potendo garantire la sicurezza della gente ci appelliamo al buon senso e ognuno faccia come crede, per noi l’importante è fare il pieno.

La parte imbarazzante è che in questa serata si balla solo latino e quindi come farà il gestore a garantire un metro di distanza fra i ballerini?

La distanza fra chi balla la salsa, la bachata o la  Kizomba è pochissima. Parliamo massimo di 30 cm. E le distanze allora?

Il noto locale è comunque in buona compagnia di altre discoteche che nel week end saranno aperte proponendo la musica latina.

Da Lavis invece arriva una segnalazione dove oggi il Dirigente dell’Istituto comprensivo di Lavis ha convocato un collegio docenti con più di 200 persone.(foto titolo) «Questo per limitare il contagio in un periodo così delicato» – aggiunge ironicamente il nostro lettore. Ma in questo caso arriva la precisazione del dirigente Stefano Chesini  che spiega che  «nella riunione erano presenti 111 persone in una sala di 263,25 mq; risulta quindi ampiamente rispettato quanto indicato nell’allegato 1 lettera d) del DPCM 04 marzo 2020 che prevede il mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro.Tale distanza è stata non solo rispettata ma ampiamente garantita».

Poi la «chicca» in un altro locale che lancia la serata con molta professionalità dicendo subito che: «in ottemperanza e rispetto per l’ ordinanza provinciale n.5/2020 del 05.03.2020 in tema di coronavirus si comunica il locale “omissis” stasera rimarrà aperto. bisogna però cercare il più possibile di stare ad una distanza di un metro tra le persone. Allo scopo il locale metterà a disposizione dispositivi medici come guanti e salviette monouso e disinfettante x mani. confidiamo nella vostra gentile collaborazione». (foto sotto)

Quello che il titolare non dice è che si balleranno per tutta la serata i balli latini che prevedono il contatto fra i ballerini. Voto 5 per la poca responsabilità soprattutto perché a Treviso ad una festa sono stati contagiati decine di ballerini.

Ma c’è chi si chiede anche come mai in piena emergenza coronavirus il 17 gennaio si sia tenuto a Trento il concerto del conservatorio di Wuhan primo focolaio mondiale della malattia. Imprudenza? Poca responsabilità? O troppa sicurezza?

Oppure come mai all’università di Trento continua l’attività didattica nonostante le direttive statali. La segnalazione arriva dalla moglie di un dipendente del centro linguistico CLA di via Verdi dove ieri mattina circa 100 studenti stranieri erano assembrati nella hall per iscriversi agli esami di lingua che si terranno per tutta la settimana.

Ci vorrebbe da parte di tutti un pochino più di responsabilità. Si tratta infatti di tenere duro fino all’inizio della primavera. Sopra i 26 gradi infatti gli scienziati dicono che il virus morirà. Poi in autunno ne riparleremo. Forse sarebbe meglio starsene in casa per una quindicina di giorni per poi essere sicuri di poter uscire per tutta la vita.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Alfio Ghezzi: al Mart il perfetto connubio tra territorio, tradizione e semplicità
    Gli anni dell’infanzia, si sa, sono quelli che più segnano la nostra personalità nell’età adulta, e così dopo le esperienze nei più blasonati alberghi italiani e gli anni trascorsi con i maestri Gualtiero Marchesi e Andrea Berton, Alfio Ghezzi mai avrebbe immaginato che il Mart, nel suo Trentino, sarebbe diventato così importante per lui. Si […]
  • Castello Bonaria: nell’Alta Maremma un Luxury SPA Resort di eccellenza
    Meta ideale per chi sogna una vacanza in cui i tempi vengono scanditi dal silenzio e dall’armonia della natura, il Castello Bonaria offre agli ospiti anche un Centro Benessere, una piscina e un Ristorante con terrazza sulle colline toscane: tutto quello che serve per un Luxury SPA Resort di eccellenza. Adagiato tra vigneti e uliveti, il […]
  • AVA&MAY: home decor e candele dai profumi esotici
    A chi non piacciono le candele? A chi non piace entrare in casa e sentire subito il profumo fresco di pulito e di casa? Quanto si parla di candele, profumi e prodotti per la casa, si va subito a pensare ad Ava&May, un brand relativamente giovane ma di altissima qualità e dai prodotti con profumi […]
  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]

Categorie

di tendenza