Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Coronavirus in Italia: 3.858 casi, 148 morti e 414 guariti. Paziente zero in Europa rintracciato a Monaco di Baviera

Pubblicato

-

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus, 3.858 persone hanno contratto il virus Sars-CoV-2: 769 casi in più rispetto a mercoledì 4 marzo.

Di queste, 148 sono decedute (41 in più rispetto a ieri) e 414 sono guarite (+138). L’età delle vittime – ha precisato Borrelli – va dai 66 anni fino ai 94

Attualmente i soggetti positivi sono 3.296: il conto sale a 3.858 — come detto sopra — se nel computo ci sono anche i morti e i guariti.

Pubblicità
Pubblicità

I pazienti ricoverati con sintomi sono 1.790 (+444); 351 sono in terapia intensiva (+56), mentre 1.155 sono in isolamento domiciliare fiduciario (+90).

Sono questi i dati diffusi ieri sera dal capo della protezione civile Borrelli.

In alcuni ospedali lombardi la situazione è molto difficili e i posti letto scarseggiano. Medici ed infermieri sono costretti a turni allucinanti. La regione Lombardia in tal senso ha chiesto al premier Conte l’invio di almeno 1000 infermieri per far fronte all’emergenza.

Pubblicità
Pubblicità

I tagli sul personale e i servizi degli ultimi anni di fronte a quanto successo non sono stati certo buona cosa.

Primo morto per coronavirus nel Regno Unito. Lo ha reso noto stasera il professor Chris Whitty, England’s chief medical officer e consigliere sanitario del governo di Londra. “Sono molto dispiaciuto di dover rendere noto che un paziente testato positivo al COVID-19 è purtroppo morto”, ha detto Whitty, confermando a 115 il totale dei contagi censiti finora nel Paese e precisando che la vittima, ricoverata al Royal Berkshire Hospital di Reading, aveva problemi di salute pregressi ed era stato contagiato all’interno del Regno.

Il regno unito intanto ha deciso di mettere in quarantena qualsiasi turista in arrivo dall’Italia.

Sono 423 i casi di Coronavirus confermati ieri sera in Francia, 138 in più rispetto a ieri. I morti salgono da 4 a 7. Lo ha detto il direttore generale della Sanità, Jerome Salomon, nel consueto punto stampa serale. Il bilancio fino a ieri era di 285 casi e di 4 morti.

casi di coronavirus salgono di ora in ora a New York: i pazienti risultati positivi sono adesso 22, praticamente triplicati in meno di una giornata. I dati sono stati forniti dal governatore dello stato Andrew Cuomo che ha avvertito: “I numeri continueranno a salire perché stiamo facendo i test su un numero maggiore di persone.

La California, Washington e la Florida hanno dichiarato lo stato di emergenza. La decisione è stata presa mentre il numero delle vittime in Usa è arrivato a 11.

Sono saliti a 400 i casi di Coronavirus accertati in Germania.  Lo scrive il ministero della Salute, nell’ultimo aggiornamento dei dati. Si tratta di ben 138 casi più di quelli registrati fino a ieri, quando il bilancio era di 262. Con 181 casi resta il Nordreno-Vestfalia il Land più colpito; seguono il Baden-Wuerttemberg con 73, la Baviera con 70. Berlino ha 13 casi registrati

È invece certo che il coronavirus Sars-Cov-2 è entrato in Europa più volte e il primo focolaio potrebbe essere quello isolato in gennaio in Germania, a Monaco.

Lo indica la mappa genetica pubblicata sul sito Netxstrain, fondato e diretto dal gruppo guidato da Trevor Bedford, del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle.

La mappa, che ricostruisce una sorta di albero genealogico del virus, indica che il focolaio tedesco potrebbe avere alimentato silenziosamente la catena di contagi al punto da essere collegato a molti casi in Europa e in Italia.

Analizzando il percorso e le mutazioni genetiche del coronavirus, gli studiosi hanno rilevato che è entrato in Europa più volte. “Dal primo febbraio circa un quarto delle nuove infezioni in Messico, Finlandia, Scozia e Italia, come i primi casi in Brasile, appaiono geneticamente simili al focolaio di Monaco“, rileva Bedford.

Il paziente 1 di Monaco aveva mostrato i primi sintomi il 24 gennaio, dopo aver incontrato una collega proveniente da Shangai, poi risultata positiva.

Nei quattro giorni seguenti sono risultati positivi anche molti dipendenti della stessa azienda tedesca. Il caso era diventato celebre a fine gennaio come esempio della capacità del coronavirus di trasmettersi anche in assenza di sintomi.

Sebbene la sede dell’azienda fosse stata chiusa dopo la comparsa dei primi casi, i ricercatori ritengono che il focolaio di Monaco possa essere collegato a una buona parte dell’epidemia in Europa, compresa l’Italia. “Il messaggio importante – rileva Bedford – è che il fatto che un focolaio sia stati identificato e contenuto non significa che questo caso non abbia continuato ad alimentare una catena di trasmissione che non è stata rilevata finché non è cresciuta al punto da avere dimensioni consistenti”.

L’Oms non è invece (e ci mancherebbe) contenta della mobilitazione contro il virus, che ha già ucciso 3300 persone: “Siamo preoccupati per il fatto che una lunga lista di Paesi non lo abbiano preso abbastanza sul serio, o abbiano deciso che non possono fare nulla, ha sottolineato il direttore generale, Tedros Adhanom Ghebreyesus. “In alcuni Paesi il livello di impegno politico e le azioni che lo dimostrano non corrispondono al livello della minaccia che tutti affrontiamo“.

Si sono registrati altri 31 decessi a causa del coronavirus in Cina, superando così la soglia delle tremila vittime in totale.

Lo ha riferito la Commissione sanitaria nazionale cinese, affermando che il numero dei morti nel Paese per il Covid-19 è 3.012. La maggior parte di questi, ovvero 2.305, è stata registrata nella città di Wuhan, epicentro dell’epidemia.

Sono invece 139 i nuovi contagiati ieri, come ha riferito sempre la Commissione sanitaria nazionale cinese, con un incremento rispetto ai 119 diagnosticati martedì. In totale, il numero delle persone contagiate è salito a 80.409. Solo cinque dei nuovi casi sono stati segnalati fuori dalla provincia di Hubei.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza