iperconnessione
Connect with us
Pubblicità

eventi

Evento “iperconnessione” da web e social venerdi 27 marzo

Pubblicato

-

Associazione Mafalda Donne Trento, Associazione Universal con il patrocinio di Croce Rossa italiana Trento propongono un tema sociale ed anche sanitario.

“L’iperconnessione“ è un problema emergente. Appuntamento promosso dall’ Associazione Mafalda Donne Trento, Associazione Universal e Croce Rossa Italiana Comitato di Trento, con l’avvocato Giuliano Valer e l’ispettore di Polizia Mauro Berti.

Un monito sui danni psicologici, le ripercussioni fisiche e sociali provocate dall’abuso di web smartphone ed iper-connessione.

Il giorno venerdì 27 marzo alle ore 19.30 si terrà presso il Grand Hotel Trento l’appuntamento per un confronto sulle problematiche derivanti dall’uso ed abuso dei social e degli smartphone.

Nella serata si evidenzieranno i danni legati all’uso scorretto delle nuove tecnologie, da considerarsi vere e proprie dipendenze patologiche al pari del gioco d’azzardo ormai riconosciuto come ludo-patia o le dipendenze derivate da sostanze.

Sarà presente Mauro Berti, poliziotto-scrittore ed autore di diversi libri su queste tematiche, responsabile dell’Ufficio Indagini Pedofilia della Polizia Postale di Trento. Con il suo ultimo lavoro “Cercami su Instagram: tra Big Data, solitudine e iper connessione” è coautore dell’opera, insieme alla Dott.ssa Serena Valorzi, psicoterapeuta.

Le associazioni promotrici dell’evento ritengono che sia molto importante valorizzare quest’opera ed evidenziare gli aspetti e criticità dovuti dall’eccesso di tecnologia.

Relatore per gli aspetti penali legati all’uso dei social l’Avv. Giuliano Valer, professionista del Foro di Trento, che ha conseguito il dottorato di Ricerca in “Diritto e Processo penale” presso l’Università degli Studi di Bologna -Alma Mater Studiorum, docente e noto membro da diversi anni della Camera penale di Trento.

L’associazione “Mafalda Donne Trento” assieme ad “Universal – diritto, salute, lavoro” e Croce Rossa Italiana-Comitato di Trento lanciano l’allarme su un problema che sta diventando sociale e sanitario.

L’editore del libro di Mauro Berti è la nota casa editrice trentina Reverdito che ha puntato su tematiche con forte valore sociale e culturale, temi davvero importanti che danno lustro ad un impegno editoriale legato al territorio, per una azienda di famiglia che celebra i 50 anni di attività.

Cercami su Instagram è un accorato invito a guardare oltre le immagini sorridenti, seducenti e apparentemente spensierate che i nostri ragazzi (e non solo) pubblicano e guardano di continuo sui social network. In quest’epoca di Big Data e narcisismo, controllo, selfie erotici, coppie online, profilazione e algoritmi complessi, Internet viene a cercarci e ci trova più soli, iperconnessi, influenzabili, a volte aggressivi e con emozioni e pensieri mutati, ma sempre tanto desiderosi di essere visti.”

L’associazione Mafalda Donne Trento è storicamente propositiva su queste tematiche tanto da aver coinvolto nell’evento anche Croce Rossa Italiana per significare la rilevanza del problema.

Su internet la comunicazione online rende più semplice in apparenza non assumersi la responsabilità delle proprie azioni, le persone si rappresentano anche in modi molto distanti dalla realtà. Il web è un luogo dove un disoccupato si può dipingere come persona in carriera, un non abbiente con qualche foto e locations particolare vuole sembrare benestante e di successo o una comune umile ragazza vuole proporsi come diva di Hollywood a degli ignari followers. Queste menzogne possono generare conflitti e scaturire in fenomeni narcisistici o generare forti delusioni.

La sicurezza legata alla iper connessione non è solo aleatoria, si parla anche di sicurezza fisica vera e propria con il rischio investimento dei pedoni.

Già alcuni sindaci pensano ad ordinanze per arginare il fenomeno e limitare i danni, ma l’allarme in questo globalismo generalizzato, è mondiale e i governi corrono ai ripari inaugurando una nuova battaglia anti smartphone. L’uso del cellulare in alcuni Paesi è stato vietato, oltre che agli automobilisti, anche ai pedoni intenti ad attraversare la strada.

Tra i gli ultimi Stati a decidere una sanzione per chi fissa il display del proprio smartphone o tablet sono le Hawaii. A Honolulu vengono multati, da un minimo di 15 a un massimo di 99 dollari gli zombie del telefonino. Uno studio aveva rivelato come negli Usa dal 2000 al 2011 erano stati 11mila i morti e i feriti a causa della distrazione di chi cammina al cellulare.

Per l’associazione “Universal – diritto, salute, lavoro “si tratta di un emergenza, è inquietante osservare come, soprattutto i giovani vivano estraniati dal mondo, anche quando camminano per le città sembrano zombie immersi con le loro cuffiette ad ascoltare musica, ipnotizzati da fotografie. Non si rendono conto nemmeno di rischiare la propria sicurezza, non guardano le macchine che possono travolgerli, già qualcuno è finito sotto un treno. La società civile ha l’obbligo di reagire per difendere i propri figli più deboli.

Il dottor Valerio Dè Belardini, medico legale e medico del lavoro, nonché socio fondatore dell’Associaizone Universal evidenzia l’importanza di portare anche queste tematiche al centro dell’attenzione per prevenire le conseguenze sulla salute. Molti studi scientifici e medici ci avvertono, ogni eccesso genere una problematica correlata; ogni notifica dalle app sugli smartphone, orologi interconnessi, una preoccupante iperconnessione con il mondo ci slega dalla realtà.

Il cervello umano è così costretto a trovare un nuovo assetto su una realtà differente da quella che l’evoluzione gli ha concesso fino a quando internet non ha preso il sopravvento su tutto, è iniziato il regresso delle facoltà mentali fondamentali. Una ricerca della Harvard University ha dimostrato che questa costante stimolazione da parte dei nostri dispositivi aumenta la dopamina nel cervello, il che significa sostanzialmente che le notifiche vanno considerate al pari delle droghe.

Anche Lamberto Maffei, scienziato medico e professore emerito di Neuroscienze alla Normale di Pisa, ci pone un quadro tragico di quello è da sempre considerato un organo “lento”: il nostro cervello. Secondo i suoi studi, la dipendenza dalla tecnologia sta modificando la struttura neuronale del cervello ora costretto a misurarsi con la super velocità del digitale e gli effetti non sono per nulla positivi.

Il messaggio delle associazioni e del libro è l’uso ragionevole della tecnologia, ad essere orientati a ridurre il rischio ed il pericolo in cui incorrono le generazione i più giovani. Il Web ed i social non sono da demonizzare, ma bisogna farne un uso consapevole, conoscere i pericoli nascosti prevenendoli favorendo l’educazione civica digitale.

info qui

universal mafalda cri

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Beer SPA, una tappa imperdibile nella splendida Praga
    Ti piacciono la birra e le belle città d’Europa? Allora una tappa alla Beer SPA delle capitale Ceca è d’obbligo. Aperta nel 2013, la Original Beer SPA, negli anni, ha riscosso un grande successo soprattutto tra coloro che amano il connubio tra belle città, relax e attrazioni peculiari o comunque diverse dal solito. Ma cos’è […]
  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]

Categorie

di tendenza