Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Prima Guerra Mondiale: cosa successe al paese di Mezzolombardo

Pubblicato

-

La Prima Guerra Mondiale si tradusse per il paese di Mezzolombardo in un interminabile periodo di fame e sofferenze. Nel paese erano presenti militari, profughi, feriti e civili, per un totale di oltre 6 mila persone. Il cibo non era presente per tutti.

Innanzitutto è giusto fare un piccolo ripasso su come è iniziata la Prima Guerra Mondiale. La causa scatenante è stato l’assassinio dell’erede al trono dell’Impero austro-ungarico Francesco Ferdinando e di sua moglie il 28 giugno del 1914.

L’attentatore era Gavrilo Princip, appartenente ad un gruppo irredentista bosniaco. Grandi responsabilità di questo attacco erano imputabili alla Serbia, che covava un forte nazionalismo anti-austriaco.

Pubblicità
Pubblicità

La Germania si alleò con l’Austria contro la Serbia, mentre in aiuto di quest’ultima arrivarono la Russia (con lo scopo di avere un ruolo guida nei Balcani), la Francia (per paura di essere  schiacciata dalla forza tedesco-austro-ungarica) e l’Inghilterra.

L’Italia, inizialmente neutrale, si schierò a fianco della Triplice Intesa (Russia, Francia e Inghilterra) con lo scopo di riprendersi le terre italiane in mano agli austriaci, tra cui appunto il Trentino.

L’entrata in guerra dell’Italia (1915) ebbe pesanti ripercussioni anche sul paese di Mezzolombardo. Gli austriaci entrarono in paese e arruolarono tutti coloro fra i 15 e i 60 anni che fossero almeno capaci di stare in piedi. Gli veniva promesso loro che sarebbero tornati a casa in breve tempo e con parecchi soldi al seguito. Quasi nessuno tornò più indietro.

Nei primi anni di guerra il fronte italiano (una linea che andava dal lago di Garda a Gorizia, passando per l’Altopiano di Asiago e i monti del Cadore e della Carnia) subì le conseguenze peggiori: c’era fame, povertà, morte e sofferenza.

Tanti trentini che erano in prossimità del fronte, decisero quindi di andare a rifugiarsi in Austria. Coloro che invece scelsero di rimanere erano malvisti dagli stessi austriaci perché accusati di appoggiare gli italiani o comunque di sperare nella loro vittoria.

A Mezzolombardo, ma come in tutti gli altri comuni del Trentino, i sospetti irredentisti venivano arrestati e internati nei campi di concentramento di Katzenau e Benesov. La percentuale di morti all’interno dei campi era del 20%.

I sospettati venivano arrestati sommariamente e senza processo. Bastava una denuncia anonima, fatta magari per vendetta personale, e il tribunale militare spediva la persona sospetta nel campo d’internamento.

I militari facevano improvvisamente irruzione nelle case e per qualsiasi sciocchezza si poteva essere portati via. Inoltre durante le vittorie riportate dall’esercito austriaco ognuno doveva esporre sul balcone o comunque fuori dalla propria casa la bandiera giallo-nera del regno austro-ungarico. Chi non lo faceva veniva internato.

I controlli capillari della polizia del Regno si estendevano anche ai fiumi. Era vietato passeggiare lungo le sponde del Noce e dell’Adige per evitare che qualcuno inviasse al nemico delle bottiglie con all’interno dei biglietti sospetti.

Durante gli scontri fra Austria e Italia Mezzolombardo era stracolma di persone. All’interno del paese era presente il comando di tappa (si organizzava lo spostamento delle truppe e gli attacchi in una determinata porzione di territorio), il centro per la cura delle malattie infettive, le polveriere, le baracche dei militari, i prigionieri di guerra, i morti e i feriti. Tutte queste persone erano intolleranti verso gli italiani.

Il fatto che arrivassero in paese soldati con malattie infettive creò un’emergenza sanitaria e il piccolo centro non aveva neanche il posto per seppellire tutti i morti. Tanti vennero seppelliti nelle campagne.

Il problema più grande rimaneva però il cibo. Non ce n’era per tutti. Le condizioni erano pesantissime. I militari piombavano nelle case degli abitanti e rubavano cibo e vestiti (soprattutto scarpe). Le stoffe costavano talmente tanto che i contadini non avevano più nulla di che mettersi addosso in pieno inverno.

I prigionieri di guerra vagavano come moribondi per il paese: raccattavano da terra pezzi marci di cibo e ringraziavano all’infinito chi offriva loro qualche cucchiaio di polenta.

Con l’inizio del 1918 l’Austria capì che stava per perdere la guerra e i militari cominciarono a dare segni di nervosismo. Venivano rotte le vetrine dei negozi di alimentari e si rubava quello che c’era all’interno.

Nell’autunno del ’18 i militari austriaci lasciarono Mezzolombardo e tornarono in Austria. In paese è festa grande. I contadini entravano nelle mense dei soldati austriaci e riempivano i carri di qualsiasi genere alimentare.

La festa culminò con l’entrata in paese dei primi soldati italiani. Era il 4 novembre. In paese ci si abbraccia, si grida, si piange di gioia. Il periodo delle atroci sofferenze è finalmente passato.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]
  • Arriva il caldo: è tempo di bevande e cibi detox in vista dell’estate
    Dopo due mesi di pizze, focacce e torte, è tempo di rimettersi in forma in vista dell’estate. Questo, non solo perché è “bello” essere in forma ed avere un bel fisico da sfoggiare, ma anche perché seguire un’alimentazione corretta ed uno stile di vita sano sono fondamentali per mantenere al meglio il nostro corpo e […]
  • Bonus vacanze 2020: i dettagli del bonus fino a 500 euro da spendere per le ferie italiane
    Mentre si iniziano a intravedere le prime aperture di stabilimenti balneari e spiagge, l’incognita vacanza è ancora viva su tutto il territorio italiano, insieme alle riaperture delle strutture ricettive, le limitazioni agli spostamenti tra Regioni e l’ormai noto bonus vacanze per le famiglie. Non è fatto nuovo che tra le ultimissime novità varate dal Governo […]
  • Ristrutturare casa a costo zero: Detrazioni fino al 110% grazie al nuovo Ecobonus
    In questo momento di grave crisi sociale ed economica causata dall’arrivo dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus, è stato più volte immaginato e sospettato un’eventuale e inevitabile shock per gli investimenti privati ma sopratutto per il settore dell’edilizia. Per questo motivo, il Governo italiano con il recente Decreto Rilancio varato 13 maggio 2020 ha messo sul […]
  • Cena in serra: da Amsterdam la soluzione originale, romantica e perfetta per cenare in sicurezza
    L’attuale emergenza sanitaria che sta coinvolgendo il mondo intero e la magica atmosfera di una cena romantica sono unite da un filo sottilissimo che passa dall’obbligo del distanziamento sociale, previsto per evitare il rischio di contagio da Covid – 19. In questo caso la misura è stata perfettamente reinventata e sfruttata per dedicare alle coppie […]

Categorie

di tendenza