Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Villa Lagarina: il controllo rifiuti parte dai cestini stradali

Pubblicato

-

Sarà vita dura per i “furbetti” e per gli “incivili” dell’immondizia, che utilizzano i cestini stradali come discariche dei propri rifiuti domestici; al contempo, saranno felici tutti quei cittadini virtuosi che, negli anni, hanno portato Villa Lagarina a potersi vantare del titolo di Comune più ecologico della Vallagarina e tra i migliori del Trentino.

Cosa è cambiato? Con lunedì mattina sono partiti i controlli della polizia intercomunale che, assieme agli addetti agli svuotamenti, ha dato il via alle ispezioni.

Nel contempo, novità anche per la raccolta rifiuti nei parchi pubblici: sono in fase di installazione i nuovi cestini colorati per la raccolta differenziata di carta, multimateriale e residuo.

Pubblicità
Pubblicità

Il regolamento di polizia urbana di Villa Lagarina stabilisce, tra le altre cose, che è vietato usare i cestini stradali per conferire i rifiuti urbani prodotti nelle abitazioni.

Obiettivo dell’amministrazione è ridurre ancora, puntando allo zero, la produzione di rifiuto residuo e, tra le fonti di tale tipologia, ci sono appunto i cestini stradali. «A gennaio 2020 la differenziata ha registrato un 80,52%, dieci punti sopra la media dei comuni afferenti alla Comunità della Vallagarina – ha ricordato soddisfatto l’assessore comunale all’ambiente Marco Vendertra le altre cose, le bollette appena recapitate nelle case, e riguardanti il 2019, hanno fatto risparmiare ai cittadini qualche bella decina di euro rispetto a un anno fa».

Ecco dunque che, per migliorare ancora soprattutto la qualità, partono i controlli della polizia intercomunale sia sulle utenze domestiche sia su quelle non domestiche (attività economiche) oltre che sui già citati cestini stradali.

Pubblicità
Pubblicità

I controlli avverranno ogni settimana e si faranno sempre più mirati, grazie anche alle segnalazioni degli operai della raccolta che, forti della loro esperienza, hanno già ben presenti quali sono i punti più “amati” da chi butta ignorando le regole.

Pubblicità
Pubblicità

Il controllo di lunedì è cominciato all’alba, per verificare il comportamento dei padroni di cani.

In parole povere, un giro a controllare chi non raccoglie la cacca del proprio amico quadrupede. In tal senso l’esito è stato molto positivo, visto che si è trovata una buona pulizia e – per ora – nessun indisciplinato colto in flagrante.

Successivamente è cominciato il controllo di un campione dei cestini che, su tutto il territorio, sono circa 150. Sono stati ritrovati rifiuti tra i più vari, tra cui anche frammenti di calcinacci, una bottiglia di amaro ancora piena, sacchetti con lattine, ma anche sacchetti pieni di rifiuti misti, proprio come si faceva una volta: tutto insieme tra organico, plastica, scontrini, alluminio, carta e barattoli.

Un sacco a sua volta pieno di sacchi più piccoli e questi infine riempiti ognuno di rifiuti misti è stato trovato tra le campane del vetro all’incrocio con via Mario Sandonà; poco conformi anche alcuni rifiuti analizzati in via Valtrompia.

«Quello di oggi è stato il primo giro di ispezione – spiegano gli agenti – e col tempo affineremo il metodo di analisi perché ogni territorio è diverso dagli altri.

Va detto che trovati i conferimenti errati e individuati i trasgressori, non ci limitiamo all’invio della sanzione: andiamo a trovare la persona notificando l’infrazione ma portando anche tutto il materiale informativo e spiegando come si opera una corretta raccolta differenziata. Questo consente di formare le persone che, nella maggior parte dei casi, si rivelano collaborative».

A Villa Lagarina, il dato annuo conferma il superamento del 78% di differenziata, con una produzione di residuo di circa 63 chili l’anno per abitante.

Una recente analisi merceologica delle frazioni residuo e multimateriale, commissionata dal Comune, ha verificato il grado di separazione dei rifiuti riciclabili per mezzo della raccolta differenziata, a tre anni dall’avvio del nuovo servizio domiciliare, oltre che per metterla a confronto con l’analisi puntuale fatta a novembre 2017.

Un riscontro molto positivo lo ha dato l’analisi qualitativa del residuo.

I materiali ancora riciclabili sono scesi dal 34,7% rilevato nel 2017 al 25,3% di oggi. Nel 2015 era oltre il 50%. Per il multimateriale (imballaggi, plastica, lattine, barattolame, tetrapack, etc.), è stato riscontrato un grado di impurità pari al 22,3%. Si tratta di un risultato che rimane buono pur se peggiore di cinque punti rispetto a due anni fa (17,3%) e anche oltre la soglia del 20% che viene considerata da COREPLA come fisiologica.

«Qualcuno evidentemente utilizza di proposito il sacco azzurro in modo improprio – ammonisce ancora Vender – in ogni caso rimane un dato di gran lunga migliore di quello antecedente il nuovo sistema di raccolta, laddove le impurità sfioravano il 30%».

Dal lavoro di analisi sul campo è inoltre emerso che uno sforzo di sensibilizzazione ulteriore va fatto nei confronti delle utenze non domestiche, ovvero le realtà economiche.

Nel corso dell’analisi merceologica è infatti stata riscontrata nel residuo la presenza di rifiuti che per tipologia e/o volumetria non appaiono compatibili con il sistema di raccolta domiciliare (ingombranti legnosi e cartonati, pneumatici, etc.).

A questo si aggiungono le sempre più frequenti segnalazioni da parte degli addetti alla raccolta che nello svuotamento dei cassonetti riscontrano presenze estranee alla tipologia di rifiuto raccolto.

Un primo incontro ad hoc è già stato svolto ai primi di gennaio, con la presenza del consulente ambientale Marco Ricci e della ditta appaltatrice del servizio di raccolta, cui è seguita una puntuale comunicazione informativa da parte dell’amministrazione comunale.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza