Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Villa Lagarina: il controllo rifiuti parte dai cestini stradali

Pubblicato

-

Sarà vita dura per i “furbetti” e per gli “incivili” dell’immondizia, che utilizzano i cestini stradali come discariche dei propri rifiuti domestici; al contempo, saranno felici tutti quei cittadini virtuosi che, negli anni, hanno portato Villa Lagarina a potersi vantare del titolo di Comune più ecologico della Vallagarina e tra i migliori del Trentino.

Cosa è cambiato? Con lunedì mattina sono partiti i controlli della polizia intercomunale che, assieme agli addetti agli svuotamenti, ha dato il via alle ispezioni.

Nel contempo, novità anche per la raccolta rifiuti nei parchi pubblici: sono in fase di installazione i nuovi cestini colorati per la raccolta differenziata di carta, multimateriale e residuo.

Pubblicità
Pubblicità

Il regolamento di polizia urbana di Villa Lagarina stabilisce, tra le altre cose, che è vietato usare i cestini stradali per conferire i rifiuti urbani prodotti nelle abitazioni.

Obiettivo dell’amministrazione è ridurre ancora, puntando allo zero, la produzione di rifiuto residuo e, tra le fonti di tale tipologia, ci sono appunto i cestini stradali. «A gennaio 2020 la differenziata ha registrato un 80,52%, dieci punti sopra la media dei comuni afferenti alla Comunità della Vallagarina – ha ricordato soddisfatto l’assessore comunale all’ambiente Marco Vendertra le altre cose, le bollette appena recapitate nelle case, e riguardanti il 2019, hanno fatto risparmiare ai cittadini qualche bella decina di euro rispetto a un anno fa».

Ecco dunque che, per migliorare ancora soprattutto la qualità, partono i controlli della polizia intercomunale sia sulle utenze domestiche sia su quelle non domestiche (attività economiche) oltre che sui già citati cestini stradali.

Pubblicità
Pubblicità

I controlli avverranno ogni settimana e si faranno sempre più mirati, grazie anche alle segnalazioni degli operai della raccolta che, forti della loro esperienza, hanno già ben presenti quali sono i punti più “amati” da chi butta ignorando le regole.

Pubblicità
Pubblicità

Il controllo di lunedì è cominciato all’alba, per verificare il comportamento dei padroni di cani.

In parole povere, un giro a controllare chi non raccoglie la cacca del proprio amico quadrupede. In tal senso l’esito è stato molto positivo, visto che si è trovata una buona pulizia e – per ora – nessun indisciplinato colto in flagrante.

Successivamente è cominciato il controllo di un campione dei cestini che, su tutto il territorio, sono circa 150. Sono stati ritrovati rifiuti tra i più vari, tra cui anche frammenti di calcinacci, una bottiglia di amaro ancora piena, sacchetti con lattine, ma anche sacchetti pieni di rifiuti misti, proprio come si faceva una volta: tutto insieme tra organico, plastica, scontrini, alluminio, carta e barattoli.

Un sacco a sua volta pieno di sacchi più piccoli e questi infine riempiti ognuno di rifiuti misti è stato trovato tra le campane del vetro all’incrocio con via Mario Sandonà; poco conformi anche alcuni rifiuti analizzati in via Valtrompia.

«Quello di oggi è stato il primo giro di ispezione – spiegano gli agenti – e col tempo affineremo il metodo di analisi perché ogni territorio è diverso dagli altri.

Va detto che trovati i conferimenti errati e individuati i trasgressori, non ci limitiamo all’invio della sanzione: andiamo a trovare la persona notificando l’infrazione ma portando anche tutto il materiale informativo e spiegando come si opera una corretta raccolta differenziata. Questo consente di formare le persone che, nella maggior parte dei casi, si rivelano collaborative».

A Villa Lagarina, il dato annuo conferma il superamento del 78% di differenziata, con una produzione di residuo di circa 63 chili l’anno per abitante.

Una recente analisi merceologica delle frazioni residuo e multimateriale, commissionata dal Comune, ha verificato il grado di separazione dei rifiuti riciclabili per mezzo della raccolta differenziata, a tre anni dall’avvio del nuovo servizio domiciliare, oltre che per metterla a confronto con l’analisi puntuale fatta a novembre 2017.

Un riscontro molto positivo lo ha dato l’analisi qualitativa del residuo.

I materiali ancora riciclabili sono scesi dal 34,7% rilevato nel 2017 al 25,3% di oggi. Nel 2015 era oltre il 50%. Per il multimateriale (imballaggi, plastica, lattine, barattolame, tetrapack, etc.), è stato riscontrato un grado di impurità pari al 22,3%. Si tratta di un risultato che rimane buono pur se peggiore di cinque punti rispetto a due anni fa (17,3%) e anche oltre la soglia del 20% che viene considerata da COREPLA come fisiologica.

«Qualcuno evidentemente utilizza di proposito il sacco azzurro in modo improprio – ammonisce ancora Vender – in ogni caso rimane un dato di gran lunga migliore di quello antecedente il nuovo sistema di raccolta, laddove le impurità sfioravano il 30%».

Dal lavoro di analisi sul campo è inoltre emerso che uno sforzo di sensibilizzazione ulteriore va fatto nei confronti delle utenze non domestiche, ovvero le realtà economiche.

Nel corso dell’analisi merceologica è infatti stata riscontrata nel residuo la presenza di rifiuti che per tipologia e/o volumetria non appaiono compatibili con il sistema di raccolta domiciliare (ingombranti legnosi e cartonati, pneumatici, etc.).

A questo si aggiungono le sempre più frequenti segnalazioni da parte degli addetti alla raccolta che nello svuotamento dei cassonetti riscontrano presenze estranee alla tipologia di rifiuto raccolto.

Un primo incontro ad hoc è già stato svolto ai primi di gennaio, con la presenza del consulente ambientale Marco Ricci e della ditta appaltatrice del servizio di raccolta, cui è seguita una puntuale comunicazione informativa da parte dell’amministrazione comunale.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza