Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

CoronaVirus: italiani messi al bando da tutti gli Stati del mondo. Le gravi responsabilità del governo

Pubblicato

-

Ha dell’incredibile il servizio mostrato ieri dalle Iene su Italia uno dove in barba agli stessi divieti messi dal governo italiano la Farnesina consiglia come raggirare i controlli negli aeroporti. 

Il governo italiano decide il blocco dei voli da e per la Cina, ma Dalila è riesce comunque a rientrare facendo scalo a Bangkok. “Me l’ha suggerito la Farnesina”, dice. (qui il servizio)

Il suo caso non sarebbe l’unico in Italia e probabilmente il paziente zero si è introdotto in Italia così.

Pubblicità
Pubblicità

Ma come ipotizzato dal governatore del Veneto Zaia in questi giorni si sta prendendo in seria considerazione anche l’idea che il paziente zero faccia parte di quella nutrita schiera di negozi cinesi che propongono «massaggi» oppure risieda clandestinamente in qualche appartamento dedito alla prostituzione. In entrambi i casi questi soggetti potrebbero essere entrati in Italia raggirando i divieti come ha fatto Dalila

L’idea della maggior parte degli italiani è che  si poteva fare di più e meglio per contenere questa epidemia che rischia di mettere in ginocchio l’economia italiana.

Le gravi responsabilità del nostro governo sono ormai sotto gli occhi di tutti.

E forse, per scaricarsi dalle colpe ormai evidenti, non è nemmeno un caso che il premier Conte dia la colpa al un primario dell’ospedale di Codogno e si prenda così del «cialtrone» dal governatore della Lombardia Fontana che insieme agli altri governatori del nord aveva chiesto da metà gennaio delle azioni più stringenti e decide per contenere il CoronaVirus.

Buonismo, mancanza di autorevolezza, scarico delle colpe e troppa superficialità hanno creato il caos in Italia. E nonostante questo continuano gli sbarchi dei migranti che potrebbero dare il colpo di grazia all’Italia.

Gli altri paesi, al contrario del nostro, si sono fatti trovare pronti a contenere il virus bloccando tutti coloro che arrivano dalle zone colpite dall’epidemia.

Gli effetti del coronavirus iniziano a farsi sentire anche nel settore turistico e sempre più spesso i turisti italiani iniziano ad essere parificati a quelli cinesi.

Vediamo nel dettaglio le prime limitazioni che tutti i governi mondiali hanno subito messo in atto.

Il fatto più eclatante è quello dell’aereo atterrato a Mauritius, dove è stato negato l’ingresso a 40 viaggiatori italiani provenienti dalla Lombardia e dal Veneto.

Il provvedimento è poi stato esteso fino a maggio. Kuwait Airlines ha sospeso tutti i voli dall’Italia, cioè da Roma e Milano, così come ha fatto Air Bulgaria.

La Giordania e le Seychelles hanno vietato l’ingresso ai cittadini italiani.

Egitto: le Autorità egiziane hanno disposto l’introduzione di controlli medici per tutti i passeggeri in arrivo dalla Cina, Taiwan, Thailandia, Giappone, Malesia, Vietnam, Corea del Sud e Singapore e anche per tutti i passeggeri provenienti dall’Italia.

I controlli medici si sostanziano nella rilevazione della temperatura corporea e, nel caso in cui il paziente presenti febbre alta, nel ricovero urgente in ospedale e successivo isolamento. E’ inoltre richiesta la compilazione di un tesserino con i dati del passeggero e i recapiti di residenza in Egitto.

Mauritius: bloccati i viaggiatori provenienti da Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.

Seychelles: ad eccezione dei cittadini delle Seychelles e dei residenti nel Paese, le autorità locali hanno vietato a tutte le compagnie aeree con voli diretti alle Seychelles di non imbarcare passeggeri che siano stati in Italia, Cina, Sud Corea e Iran negli ultimi 14 giorni.

I passeggeri che arrivano via mare non potranno sbarcare se sono stati neg,li stessi stati, mentre i residenti di ritorno da Italia, Cina, Sud Corea e Iran saranno messi in quarantena obbligatoria per 14 giorni all’arrivo.

Giordania: il Governo ha vietato l’ingresso di tutti i viaggiatori provenienti dall’Italia, salvo i cittadini giordani.

Croazia: sono state adottate misure di controllo nei confronti delle persone provenienti dall’Italia al confine terrestre con la Slovenia, dove sono stati posizionati container adibiti a unità epidemiologiche mobili. In particolare, tutte le persone provenienti dall’Italia verranno sottoposte a verifiche relative a località di origine, località di destinazione e durata della permanenza in Croazia. Chi proveniei dalle quattro regioni italiane considerate a rischio (Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto) saranno sottoposte a controlli sanitari.

Chi presenta sintomi influenzali sarà posto in immediato isolamento nei reparti di infettivologia costituiti negli ospedali croati. Chi è privo di sintomi influenzali verrà fatto entrare in Croazia, ma sarà sottoposto per 14 giorni ad obbligo quotidiano di verifica dello stato di salute da parte delle autorità sanitarie locali e dovrà comunicare i propri spostamenti. Alle persone risultanti prive di sintomi che intendano effettuare l’ingresso e l’uscita dalla Croazia nella stessa giornata saranno garantiti l’accesso e la circolazione senza ulteriori controlli sanitari per il giorno in considerazione.

Polonia: controlli della temperatura per chi arriva dall’Italia, oltre a raccomandazione di automonitoraggio per chi rientra o è rientrato dal Nord Italia negli ultimi 14 giorni

Lettonia: ai passeggeri Milano, Bergamo, Venezia e Verona viene richiesta la compilazione, in aeroporto, di un modulo in cui indicare la regione di provenienza, i luoghi in cui ci si è recati di recente nonché la prevista durata e il luogo di soggiorno in Lettonia.

Bulgaria: rafforzati i controlli nei confronti di tutti i passeggeri in arrivo, con particolare attenzione a quelli provenienti dalla Cina continentale e dall’Italia. A tutti i passeggeri provenienti dall’Italia è richiesta all’arrivo la compilazione di un questionario, in presenza di un ispettore sanitario, dichiarando le proprie generalità e se si avvertono dei sintomi. In caso di febbre alta o tosse, verificatesi successivamente all’ingresso nel Paese, si dovrà contattare un medico di base. La compagnia Air Bulgaria ha comunicato la cancellazione dei voli da e per Milano fino al 27 marzo.

Emirati Arabi Uniti: tutti i passeggeri in arrivo vengono sottoposti al rilevamento della temperatura corporea. Qualora, una volta nel Paese, ci si rechi in ospedale per sintomi compatibili con il COVID-19 e si provenga da un Paese considerato “a rischio” coronavirus compresa l’Italia, potranno essere messe in quarantena.

Samoa: i viaggiatori provenienti (o in transito) dall’Italia saranno ammessi nel Paese solo se abbiano trascorso 14 giorni di quarantena in un Paese in cui non siano occorsi casi di coronavirus e posseggano certificazione medica (non antecedente a 3 giorni) che escluda il contagio. Ogni viaggiatore in arrivo nel Paese sarà sottoposto a screening sanitari obbligatori. E’ infine fatto divieto alle navi di crociera lo sbarco nel Paese.

Kuwait: Annunciata la sospensione di tutto il traffico aereo da/per l’Iran, l’Italia, la Corea del Sud e la Thailandia. Nei terminal dell’aeroporto internazionale del Kuwait sono presenti termo-camere per rilevare la temperatura corporea dei passeggeri. Inoltre, gli equipaggi delle compagnie aeree commerciali sono obbligati a segnalare alle autorità tutti i passeggeri che posso manifestare sintomi compatibili con il COVID-19, per le valutazioni necessarie da parte delle autorità sanitarie locali.

Israele: chiunque sia stato in Italia, a Taiwan o in Australia nei 14 giorni precedenti l’arrivo in Israele e sviluppi sintomi compatibili con il COVID-19 dovrà sottoporsi a controlli medico-sanitari secondo le linee guida le Ministero della Salute israeliano. Sono allo studio eventuali blocchi totali degli ingressi ai passeggeri provenienti dall’Italia.

Sudafrica: sono stati rafforzati i controlli negli aeroporti soprattutto per chi proviene dalla Cina e dall’Italia. Tutti i viaggiatori saranno sottoposti sistematicamente a controlli della temperatura mediante scanner e saranno loro richieste notizie sull’itinerario e sul luogo di provenienza. Obbligatorio indicare un contatto in Sud Africa e sono forniti ai passeggeri numeri di emergenza e istruzioni in caso manifestino sintomi influenzali, per i quali potrebbero essere sottoposti a una quarantena di 14 giorni.

Kazakistan: Il governo a partire dal 20 febbraio, ha applicato stringenti misure di contenimento del coronavirus sui passeggeri in ingresso provenienti da tutti gli Stati dove si sono registrati casi di infezione. Le misure sono graduate sulla provenienza, secondo fasce di rischio determinate dalle autorità locali e suscettibili di essere modificate in qualsiasi momento, a seconda dell’evoluzione dell’epidemia.

Liberia: le Autorità liberiane hanno disposto, a titolo precauzionale, che tutti i passeggeri in arrivo all’aeroporto del Paese siano sottoposti a controlli da parte di un team medico, prima dei controlli di frontiera. Inoltre, i passeggeri in arrivo dalla Cina e da altri Paesi interessati dal virus saranno soggetti ad un periodo di isolamento di 14 giorni

Madagascar: tutti i viaggiatori provenienti dalla Cina verranno sottoposti a una quarantena di 14 giorni. Le autorità locali si riservano inoltre la facoltà di adottare varie misure restrittive nei confronti di tutti i viaggiatori, inclusi i viaggiatori italiani. Le misure possono andare dall’effettuazione di test, alla quarantena obbligatoria, sino al respingimento alla frontiera.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]

Categorie

di tendenza