Connect with us
Pubblicità

Socialmente

Trento: anche il Comune abbandona i disabili?

Pubblicato

-

Anche il Comune abbandona i disabili? La settimana scorsa abbiamo assistito all’ennesimo episodio di inciviltà nei confronti delle persone disabili.

Purtroppo, anche nella civilissima Trento i comportamenti di alcuni cittadini volgono sempre più al degrado. L’ignobile abitudine di parcheggiare l’automobile negli stalli riservati al parcheggio delle vetture per il trasporto delle persone disabili, da parte di persone che disabili non sono, ci accomuna sempre più al resto dello stivale.

In particolare, lo scorso 17 febbraio alle ore 16:55, abbiamo notato che in corso 3 novembre a Trento all’incrocio con via Benedetto Gentilotti, nella strada che termina con le scale che portano a viale Rovereto, nei due stalli riservati alla sosta dei disabili erano parcheggiate due automobili sprovviste dell’idoneo contrassegno, nonostante fossero liberi anche diversi posti delimitati dalle strisce blu (e questo lo diciamo come aggravante e non perché si possano occupare i posti riservati ai disabili in caso di mancanza di posto nelle strisce blu. Ricordiamo che i posti per le persone disabili devono rimanere sempre liberi, in qualsiasi orario, per le persone disabili e non vanno occupati nemmeno per un minuto da chi non è o non trasporta persone disabili con relativo contrassegno).

Pubblicità
Pubblicità

Quindi, non una bensì due auto non autorizzate sui posti riservati ai cittadini disabili. Facendo appello al nostro senso civico abbiamo segnalato l’accaduto alla Polizia Locale di Trento, chiedendo che una pattuglia venisse a verificare ed elevare le dovute contravvenzioni per assicurare il ripristino del diritto al parcheggio delle persone con disabilità.

Alle 18:44 abbiamo ricontrollato la zona ed una delle due vetture era ancora presente sullo stallo in sosta vietata, senza nemmeno il verbale sul parabrezza, per cui, supponendo che la Polizia Locale non abbia dato seguito alla nostra segnalazione abbiamo pensato di inviare una PEC (posta elettronica certificata) con tanto di fotografie ed orari, ma ad oggi non abbiamo ricevuto ancora alcun riscontro dal Comando; ricordiamo che in passato le segnalazioni di questo tipo di abusi, alla Polizia Locale di Trento, producevano l’intervento immediato di una pattuglia e la sanzione dei contravventori.

Inoltre, abbiamo notato che il Comune di Trento ogni anno, a settembre, sulla stessa strada rifà le strisce blu per la sosta a pagamento delle automobili, mentre sono almeno tre anni che le strisce gialle per i disabili non vengono rifatte e sono quasi completamente cancellate – v. le foto, a fine articolo, con le differenze tra le strisce blu e gialle – rimangono visibili solo il cartello di segnaletica verticale (al quale andrebbe aggiunto “vale 2 posti“) e gli omini celesti in gomma sulla sedia a rotelle sul manto stradale. Le strisce già cancellate in gran parte, al buio sono praticamente invisibili, creano ulteriore disagio a chi non ha una vista acuta.

Sulla stessa strada, accanto alla lavanderia a gettone, è presente un centro per persone disabili con molti utenti e quegli stalli sono utilizzati quotidianamente sia dalle auto private, sia dai pulmini del consorzio pubblico che accompagnano le persone disabili al centro per la riabilitazione, mentre la sera ci parcheggiano i disabili residenti in zona.

Ma quegli stalli, riservati alle persone disabili, sono spesso utilizzati dalle persone che la sera vanno nella vicina palestra, che forse pensano erroneamente che, dopo un certo orario, quei posti siano utilizzabili da chiunque. Pure chi deve fare inversione di marcia preferisce far manovra proprio negli stalli dei disabili anziché nell’area di manovra prevista, cinque metri più avanti, ciò a dimostrazione dell’assoluta mancanza di rispetto che la maggioranza dei cittadini normodotati ha nei confronti dei cittadini con disabilità.

Abbiamo segnalato al Comune di Trento, tramite il servizio SensorCivico, la mancata manutenzione della segnaletica orizzontale in questione, ma anche questo servizio non ha ancora provveduto a fornirci una risposta.

Cosa dobbiamo pensare? Anche il Comune abbandona i disabili?

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza