Connect with us
Pubblicità

motori

Lutto nel mondo dei motori: è morto Francesco Villa

Pubblicato

-

Ciao Francesco! Anche lui, “il Capo”, ci ha lasciati.

Dopo la morte di un’altra colonna dell’industria motociclistica italiana, quale Giancarlo Morbidelli, classe 1934, avvenuta il 10 Febbraio scorso, Francesco Villa mercoledì ci ha salutato definitivamente.

Nato a Castelnuovo Rangone, il 5 Febbraio 1933 è stato innanzitutto uno dei costruttori di motociclette più importante negli anni 60/70.

Pubblicità
Pubblicità

Ma prima di allora, assieme al fratello Walter (4 volte Campione del Mondo. ndr), è stato un pilota di tutto rispetto.

Tutto nasce nel dopoguerra, nel Modenese, dove a colazione si mangiano brioche, pistoni e si beve benzina.

I fratelli Villa erano affamati di adrenalina e cominciarono a correre per le strade della città. Poco più che ventenne, Francesco, riesce ad andare a lavorare nel reparto corse Ducati, allora diretto dall’Ingegnere Taglioni che fin da subito ne scopre le doti velocistiche e gli affida uno dei prototipi da corsa presenti nella fabbrica di Borgo Panigale.

Pubblicità
Pubblicità

Nel 1955 vince, a bordo della Ducati, il Motogiro d’Italia e la Milano-Taranto. Corse d’altri tempi, dove il fisico, il talento e il coraggio, sono tutto, rispetto al mezzo che ti trovavi sotto al sedere. Nello stesso anno vince anche il campionato 100cc nel Nazionale Velocità.

L’anno successivo vincerà lo stesso campionato e anche quello nella classe 125. Poi arrivano i successi mondiali. Un terzo posto a Monza nel 1958, e un quarto posto in Germania l’anno successivo. Nel 1960, viene inviato dalla casa di Borgo Panigale negli Stati Uniti dove viene casualmente coinvolto nelle corse locali.

Ancora oggi, il marchio Ducati deve la sua fama oltreoceano a Villa e alle sue performance.

Fino al 1969 la carriera di Francesco si arricchisce di titoli di vario genere, con varie marche di motociclette, quali MV Augusta, Mondial e Montesa. Con quest’ultima ha una piccola collaborazione per un progetto, ma questo sarà il trampolino di lancio per le idee di Francesco che lo porteranno al grande passo.

Nasce così la prima 125cc, raffreddata a liquido, marchiata Villa Italia Motori. Da quel momento in poi, il genio del pilota, si trasforma in pura arte meccanica. Dapprima moto da corsa e poi da cross, per sfidare lo strapotere giapponese degli anni ’70.

Non è leggenda che la Honda abbia dovuto richiamare alcuni suoi modelli perché surclassati dalle potenze della casa modenese.

Nel capannone di Pragatto, sono passati tantissimi nomi noti del palcoscenico motociclistico, sia per la velocità che per il fuoristrada. Nascono da lì piloti come Lusuardi, Buscherini, Cadalora, Picco, Falappa, Gianola, Rinaldi e Gibertini.

Anche nella nostra regione ci sono alfieri che hanno corso per i colori di Villa: Walter Odorizzi per il cross e Alberto Pilloni con Patrick Mellauner per la velocità.

Un’autentica fucina di campioni dove Francesco e bonariamente chiamato “il Capo”.

Una persona che insegnava tanto e di una umiltà impareggiabile. La collaborazione con la Oral Engineering, dell’ing. Forghieri, lo porterà nel 1991 a diventare capo del reparto corse Lamborghini in Formula 1.

E’ praticamente suo il 12 cilindri che tanto ha fatto discutere in quel campionato. Il suono della “Lambo” è ancora un autentico concerto per gli appassionati.

Un paio di anni fa, all’età di 85 anni, Francesco Villa, sempre carico e motivato, aveva espresso il desiderio di aprire ancora una fabbrica di motociclette, voleva rimettere in commercio quel marchio leggendario che per motivi familiari si era sciolto negli anni ottanta.

Ma non è riuscito a finanziare quel suo ultimo progetto, tuttavia ha costruito 3 prototipi da cross dalle linee avveniristiche e dalle soluzioni tecniche sbalorditive.

Ora queste motociclette sono ancora là, a Pragatto, a testimonianza che la meccanica e l’ingegneria italiana non hanno pari al mondo, ma anche a sigillare la fine su un epoca dove sognare non era proibito.

Mai più nessuno riuscirà a vivere come ha fatto Francesco, che a 87 anni se n’è andato lasciandoci in eredità una storia tutta italiana che difficilmente sarà eguagliatile. Ciao Francesco e grazie di tutto.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza