Connect with us

Arte e Cultura

La Quinta commissione in visita al Muse. Il presidente Zecchi: l’area urbana attorno al Muse va ridefinita perché è indecente e il planetario avrebbe solo potuto renderla migliore

Pubblicato

-

Un confronto a tutto campo quello che i componenti della Quinta commissione, presieduta da Alessia Ambrosi (Lega), hanno avuto quest’oggi con il presidente del Muse, Stefano Zecchi, Laura Strada componente del Cda e il direttore Michele Lanzinger.

Anche se, nel corso del confronto, sono riemerse con particolare forza le questioni del planetario, dell’utilizzo del palazzo delle Albere e della sistemazione estetico – urbanistica della zona che sta attorno al Muse.

“Vi prego, come amministratori, perché la responsabilità è vostra, – ha affermato il professor Zecchi concludendo l’incontro con la Quinta commissione – di portare avanti una razionalizzazione delle forme di comunicazione culturale della città e di prendervi carico degli spazi urbani indecenti che stanno attorno al Museo. Il cda è pronto a darvi una mano per bandire un concorso, perché ci siano le energie culturali sufficienti per una giusta valutazione dei progetti di idee perché quest’area non può e non deve restare così. Infine, dovete riprendere in mano la questione del planetario che serve ai bambini per guardare il cielo, perché non si fissino su questa piccola terra”.

Pubblicità
Pubblicità

Quindi – ha concluso il presidente del Muse rispondendo anche a una domanda di Devis Moranduzzo sul peso del Muse sul turismo a Trento – “vi chiedo una diversa razionalizzazione dell’offerta culturale della città, una redifinizione di questo spazio urbano e di ripensare il planetario”.

Planetario, ha aggiunto, che, criticato per il suo impatto estetico, sarebbe invece servito a nascondere una situazione urbanistica, dallo stadio Briamasco, alle “barchesse”, al tempio crematorio in costruzione, che il professore di filosofia estetica ha definito ignobile e indecente.

Tema, questo del planetario, per ora accantonato, la cui importanza per lo sviluppo del Muse è stata sottolineata anche da Laura Strada. “Il Museo – ha detto rispondendo ad una domanda di Paolo Ghezzi (Futura) – ha bisogno di espandersi e il no al planetario è un vulnus”.

Aperta rimane anche la questione delle “barchesse” che sarebbero utili al museo e che, ha ricordato Sara Ferrari, si potrebbero recuperare col previsto intervento dell’Università sull’edificio ex Cte. Un problema, ha affermato il presidente del Muse rispondendo a Denis Paoli (Lega), che pesa anche sul fatto che il museo, pur in un quadro complessivamente positivo, ha solo il 7% di visitatori stranieri.

Palazzo delle Albere: il condominio con il Mart non è facile – Sul palazzo delle Albere. Zecchi ha detto che la “decisione salomonica” della Pat di aver suddiviso gli spazi dell’antico palazzo dei Madruzzo tra Muse e Mart non è semplice, che “il condominio è complesso”. Sara Ferrari (Pd), ha ricordato che da assessora alle ricerca, la scorsa legislatura, aveva lanciato l’idea di utilizzarlo per promuovere i risultati delle ricerca trentina (idea condivisa appieno da Stefano Zecchi) in dialogo con il Muse. Dialogo, ha sottolineato la consigliera Pd, che dovrebbe essere anche alla base dei rapporti tra Muse e Mart, il quale, oscillando tra proposte troppo di nicchia o troppo localistiche, sta diventando modesto. Serve quindi una politica culturale che valorizzi tutt’e due i musei. Il professor Zecchi ha replicato che per dialogare si deve essere in due e di aver trovato il palazzo delle Albere vuoto. Un vuoto, ha aggiunto, che avrebbe voluto riempire utilizzando gli spazi per approfondire il rapporto tra filosofia e scienza. Poi c’è stato il no del presidente del Mart e Zecchi, affermando di essersi sentito ingiustamente una sorta di usurpatore, ha detto di non poter fare lo psicanalista di Sgarbi. Rispondendo a una domanda di Gianluca Cavada (Lega), il quale ha chiesto se sia possibile rimettere l’acqua nel fossato che circonda l’antico maniero, il presidente del Muse e Laura Strada hanno risposto che prima si deve definire il destino del palazzo che, tra l’altro, ha bisogno di interventi di sistemazione a partire dal tetto.

Zecchi: voglio dare un maggior peso al cda – Il presidente ha poi toccato il tema del ruolo del cda che lui intende rafforzare. L’occasione gli è stata data da una domanda di Paolo Ghezzi in merito al fatto che Stefano Zecchi è candidato sindaco di Venezia per il Partito dei Veneti. Un ruolo politico che, ha affermato il capogruppo di Futura, se non un conflitto di interessi, può perlomeno rappresentare una distrazione dal suo incarico di guida del Muse. Zecchi, confermando la sua candidatura, ha detto di avere un 5% di possibilità di venire eletto sindaco ma se dovesse andare a occupare la poltrona più alta del municipio della città lagunare si dimetterebbe dal Muse. Ma ha aggiunto che la sua volontà, seppur a titolo gratuito, è quella di voler lavorare di più per il museo e di voler dare maggior peso al cda. Un consiglio di amministrazione, ha continuato, che fa troppo poco ed è il direttore, per quanto in buona fede, a portare avanti iniziative che il cda semplicemente ratifica. Un cda che, ha sottolineato Laura Strada, si è insediato in un momento di cambiamento, che si è trovato ad affrontare problemi fondamentali come quello del planetario e che, pur non avendo mai attaccato, è rimasto vittima di attacchi. Un cda che anche per lei deve avere un peso maggiore sul piano ideativo.

Solo il 40% dei dipendenti è a tempo indeterminato – Il direttore del Muse, Lanzinger, ha poi fatto il punto della situazione: in sei anni il Muse ha raggiunto quota 3 milioni e mezzo di presenze; il 71% dei quali visitatori, il 25% scolaresche e il 7% di turisti esteri. Un settore, ha detto, sul quale si sta lavorando anche con Trentino Matketing. L’84% dei visitatori e degli studenti vengono da fuori provincia (anche se Zecchi lamenta la scarsa presenza di visitatori dal vicino Alto Adige). Gli addetti, nelle sette sedi, sono 252 ma c’è uno squilibrio tra il personale a tempo indeterminato, il 40% del totale, e quello a contratto. Tra questi ultimi tutti quelli che lavorano nel settore strategico delle scuole. Oltre ai dipendenti al Muse sono presenti 172 ragazzi in scuola – lavoro e 115 volontari. Quaranta sono i ricercatori che svolgono un’attività, ha ricordato Lanzinger, di alto livello scientifico. Il 43% delle risorse che permettono al Muse di vivere vengono dalle attività messe in campo, in particolare da quella educativa. Inoltre il museo ha un buon livello di attrazione di finanziamenti legati ai progetti dell’Unione Europea e della Provincia. Il Muse mobilita 26 milioni e 635 mila euro all’anno, di questi 9 milioni e 800 mila grazie agli stipendi e all’occupazione che crea; 7 milioni e 600 mila dalla fiscalità che genera; l’impatto dell’indotto sull’economia trentina è di 9 milioni e 225 mila euro. Cifre, ha concluso Michele Lanzinger, che stanno a dimostrare che molti degli investimenti del Muse dopo sei anni sono già rientrati.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]

Categorie

di tendenza