Connect with us
Pubblicità

Trento

Oleg Mandić ai giovani trentini: “Non odiate, l’odio porta a nuove Auschwitz”

Pubblicato

-

Oleg Mandić, “L’ultimo bambino di Auschwitz“, oggi è un uomo di 87 lucidissimi anni che si è liberato dalle catene dell’odio perchè l’odio, dice ai giovani studenti trentini che hanno riempito giovedì il Teatro Sociale per ascoltarlo prima di intraprendere, molti di loro fra una decina di giorni, il “viaggio della memoria” – “porta solo a nuove Auschwitz“.

Ad ascoltarlo in platea, con la sovrintendente scolastica Viviana Sbardella ed il dirigente del Dipartimento dell’Istruzione e cultura Roberto Ceccato anche l’assessore provinciale all’istruzione: “Il significato del suo essere qui oggi – ha detto l’assessore – è quello di farci e farvi riflettere sulla nostra vita, queste sono iniziative che ci servono, come ci serve il Treno della Memoria, per condividere esperienze che poi siamo chiamati a rielaborare per costruire una società più giusta e coesa“.

Sul suo braccio sinistro il testimone croato Mandić porta ancora tatuato, dal 12 luglio 1944 quando varcò assieme alla sua mamma i cancelli del campo di sterminio, il numero 189488.

Pubblicità
Pubblicità

Gli istituti scolastici della città, tramite le associazioni Terra del Fuoco Trentino e Treno della Memoria, in collaborazione con la Fondazione Museo Storico del Trentino e il patrocinio della Provincia autonoma di Trento con il Dipartimento dell’Istruzione e cultura, hanno voluto offrire ai propri studenti la sua testimonianza di ex prigioniero nei campi di sterminio nazisti come una straordinaria lezione di civiltà e di cittadinanza consapevole, un racconto sull’orrore che ai ragazzi di oggi può indubbiamente apparire stupefacente e “incredibile“, mettendo a confronto le loro emozioni con l’indicibile al quale “il testimone” Oleg Mandić sta dando voce da oltre sessant’anni.

Una “lezione“, quella di Mandić, che va dritta al cuore del problema, ovvero al rapporto, richiamato dal direttore della fondazione Museo Storico Giuseppe Ferrandi, tra storia e memoria.

Conoscere la storia è necessario, ma la storia ha bisogno della testimonianza e della memoria.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco allora che quando anche la voce degli ultimi testimoni viventi, come Oleg Mandić e l’italiana Liliana Segre, si sarà spenta, sarà importante che ognuno di noi, ognuno di quei ragazzi che oggi erano al Teatro Sociale e quelli, in particolare, che sono saliti e che saliranno sul Treno della Memoria, diventi a propria volta un testimone.

Il messaggio più forte che Oleg Mandić ha lasciato ai giovani trentini, più forte ancora degli episodi più duri da raccontare di quei terribili mesi trascorsi al campo di Auschwitz, viene però dalla profonda fatica umana vissuta da quest’uomo dopo essere uscito, ultimo bambino prigioniero, dall’inferno di Auschwitz.

Un trauma che si è rifiutato per ben dieci anni di affrontare e raccontare, fino al 1955 quando comprese, scrivendo il suo primo articolo, che era un trauma che non apparteneva solamente alla sua vita ma all’intera umanità e che raccontare il male era un obbligo morale.

L’odio – ha affermato rispondendo a chi gli ha rivolto questa domanda – è sempre diretto verso gli altri ma raramente soddisfa chi lo esprime, è un sentimento che produciamo da noi stessi e che solo noi possiamo sopprimere dentro di noi. L’odio non ci gratifica, odiare porta a nuove Auschwitz“.

Parole di un ex bambino prigioniero nei campi di sterminio nazisti che seppe rimanere amico di un uomo tedesco conosciuto ad anni di distanza anche dopo aver scoperto che era un ex colonnello delle SS e che dopo la liberazione dei campi di sterminio ad opera dei soldati russi si fece 9 anni di Gulag in Siberia.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: Paziente Virtuale evita i test sugli animali
    Grazie alle diverse ricerche ed ai numerosi studi dell’Università di Catania, si rafforza il filo della comunicazione tra il clinico e il laboratorio, dando vita al progetto del Paziente Virtuale. Un progetto completamente italiano che potrebbe finalmente evitare la sperimentazione animale, necessaria per testare farmaci e vaccini anche contro il più recente Coronavirus. Infatti, per […]
  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]

Categorie

di tendenza