Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Il coronaVirus può cambiare la Cina e il mondo

Pubblicato

-

Il dramma che sta purtroppo vivendo il popolo cinese, a causa del coronavirus, può avere effetti dirompenti non solo sulla vita di molte singole persone, ma sul mondo intero.

Questo si comprende soltanto se si tengono presenti almeno due fatti fondamentali.

Il primo: la Cina, primo paese per popolazione al mondo, è da tempo la seconda potenza economica mondiale, e ciò significa che la sua economia è strettamente legata a quella di moltissimi altri paesi, comprese super potenze come gli Usa e la Germania.

Pubblicità
Pubblicità

La seconda: in Cina esiste dal 1949 una dittatura comunista di cui si parla molto poco (potere del denaro!), e che ha sino ad ora superato indenne molte scosse, compresi i moti del 1989, quando centinaia di cinesi furono uccisi dai carri armati del regime.

Quali potrebbero essere le conseguenze di questa epidemia, se e solo essa dovesse durare ancora a lungo?

La prima conseguenza possibile è la fine della globalizzazione come la conosciamo da anni.

La globalizzazione era già entrata in parziale crisi con due avvenimenti: la Brexit e l’elezione di Trump negli Usa. In particolare è stato il presidente americano a mutare la scena mondiale, introducendo un nuovo modo di vedere il rapporto tra super-potenze.

Prima di lui, i Bush, i Clinton, lo stesso Obama, soprattutto per influenza di Hillary Clinton, erano legati al modello militare. In altre parole, dopo la caduta dell’Urss, hanno cercato di mantenere il primato mondiale degli Usa attraverso il controllo dell’energia e le guerre di “esportazione della democrazia”.

Pubblicità
Pubblicità

Ma dalle guerre in Iraq (epoca Bush) alla devastazione della Libia (epoca Obama), passando per le cosiddette primavere arabe, questo progetto è fallito miseramente, creando solo morte e instabilità. Se nel 2016 avesse vinto Hillray Clinton, avremmo avuto al potere, negli Usa, il partito della globalizzazione e dello scontro armato con Corea del nord, Siria, Iran e Russia.

Invece ha vinto Trump, che ha chiuso il fronte Siria, il fronte Corea del nord e il fronte Russia, identificando nella Cina l’avversario non militare, ma economico, degli Usa.

Di qui il tentativo di dividere l’alleanza innaturale tra Russia e Cina, nata in seguito all’assedio della Russia da parte delle amministrazioni americane precedenti. Ovviamente la guerra doganale di Trump con la Cina ha segnato una battuta d’arresto per la globalizzazione.

Arresto che potrebbe diventare ancora più deciso a causa del coronavirus, in grado, potenzialmente, di frenare drasticamente l’economia più “sprintosa” del mondo (ma anche quella di paesi particolarmente legati all’export in Cina, come la Germania).

Veniamo al secondo punto: la dittatura comunista. Il coronavirus sta mettendo in crisi il partito unico comunista che resiste da circa 70 anni. All’epoca della Sars il regime ateo di Pechino tenne nascosta la notizia per molti mesi, bloccando le notizie sui giornali, applicando una censura feroce. Come ricorda Bernardo Cervellera, direttore di Asianews, già docente a Pechino, nel suo Missione Cina, del 2003, il partito comunista anche allora tentò in tutti i modi di nascondere “il reale numero dei decessi e degli infetti”.

Quando questo si venne a sapere, gli stessi cinesi iniziarono a mettere in dubbio la bontà di un regime dittatoriale che oggi prospera sulla censura, le diseguaglianze sociali, la persecuzione delle religioni ecc., lasciando la gente delle campagne senza sanità, inquinando come nessun altro paese al mondo, e mescolando il dirigismo comunista con il peggior turbo capitalismo.

Allora lo scandalo portò alla caduta di qualche testa del partito, da offrire alla gente inferocita.

Ebbene anche con il coronavirus il partito comunista ha cercato in tutti i modi di nascondere la notizia, salvo poi incriminare il medico che per primo aveva lanciato l’allarme e che oggi è diventato, per moltissimi cinesi, un vero eroe, che ha saputo sfidare la menzogna sistematica imposta dal regime (leggi qui)

Il fatto che il coronaviurs abbia molto più impatto della Sars, sia dal punto di vista medico, sia mediaticamente (oggi è sempre più difficile, anche per un regime, tenere notizie e fatti sotto controllo), sia economicamente (oggi la Cina è molto ma molto più forte, ma anche più esposta, rispetto al 2003, fa sì che abbia senso porsi una domanda: vista la difficoltà in cui si trova il presidente della repubblica/dittatore, Xi Jinping, non è che questa volta il regime rischia davvero di crollare?

In altre parole il coronavirus avrà l’effetto di far crollare questo strano regime “apertissimo” al commercio mondiale e al potere dei soldi, ma chiuso e controllato quasi come il mondo comunista che stava dietro il muro di Berlino e la cortina di ferro?

Il tempo ci svelerà se si tratta solo di ipotesi ardite o se davvero stiamo assistendo ad un cambiamento epocale, in Cina e di conseguenza nel mondo intero.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza