Connect with us
Pubblicità

Trento

Ancora un acuto dal quadrilatero della droga a Trento. La drammatica testimonianza di un imprenditore

Pubblicato

-

Ci ha scritto l’ennesima figura di imprenditore che sfida l’impossibile combattendo nella zona più calda di Trento, il quadrilatero della droga, che va dalla Portela a via Roma passando per piazza S.Maria Maggiore e adiacenze.

È un tema così delicato da far tremare i polsi ai candidati sindaco, perché non potranno più, come ha fatto l’attuale, mettersi la mano sugli occhi e far finta di nulla, l’esasperazione della gente ha raggiunto ormai un limite insopportabile.

Quello che chiedono gli abitanti della zona, ed in merito la Voce del Trentino ha scritto e pubblicato numerose testimonianze, è di non continuare a considerare una delle zone più belle di Trento, in pieno centro storico, come un fortino inespugnabile in mano ai magrebini e come tale problema insormontabile ma per fortuna circoscritto.

Pubblicità
Pubblicità

L’unanimità degli imprenditori e abitanti della zona chiedono la presenza fissa dell’Esercito, visto che le Forze dell’Ordine non riescono a garantire un presidio continuativo.

E alla replica che gli spacciatori andrebbero da un’altra parte controreplicano affermando che hanno già dato, ed è giusto che dopo anni altre zone della città si accollino il grave problema dello spaccio.

L’Esercito esiste e presidia molte città d’Italia, è un deterrente, non trasforma uno Stato in uno Stato di Polizia, ed è apprezzatissimo dai cittadini.

Pubblicità
Pubblicità

Riceviamo quindi, e volentieri pubblichiamo la lettera di una nostra lettrice e imprenditrice emiliana, esasperata ma ancora determinata a fare da baluardo ad un degrado la cui colpa è ormai nota a tutti i cittadini:

LA LETTERA – «Sono la titolare da gennaio 2020 di un locale sito in Vicolo Colico a Trento, vengo da fuori, da Imola, e mi sono trasferita qui perché ritenevo Trento una città tranquilla e vivibile.

Da subito mi sono resa conto del degrado esistente nella zona, pur avendo accettato di scommettere imprenditorialmente sull’aprire il locale in un ambiente che già mi dicevano problematico. Mai come Bologna pensavo, il cui centro storico è tutto sommato vivibile.

Purtroppo debbo dire che a situazione è più grave del previsto e sono costretta a segnalare quello che vivo quotidianamente confidando in una maggiore attenzione da parte delle Forze dell’Ordine, da me chiamate di continuo, in questa zona della città, che poi altro non che il centro.

Apro il mio locale ogni giorno alle diciassette, e già all’apertura vi sono nel vicolo tutta una serie di personaggi di origine prevalentemente magrebina, spesso intenti a giocare al pallone come fossero in un parco, con atteggiamenti di scherno verso chi transita, di frequente commentando ad alta voce il passaggio di ragazze, spesso sputando con disprezzo verso di loro, e anche nei miei confronti, a volte guardandomi con fare minaccioso e di sfida, con la consapevolezza di chi sa che nessuno potrà mai fare nulla..

Poi, da quando inizia a fare buio la situazione precipita in quanto lo spaccio di stupefacenti si fa via via più frequente ed il vicolo viene raggiunto da tutta una serie di personaggi intenti alla vendita di droga e clienti, spesso ragazzini palesemente minorenni, che si presentano per l’acquisto.

Non solo, più volte ho dovuto assistere al consumo delle sostanze sul posto, anche da parte degli stessi extracomunitari che versano la cocaina sulla porta di ingresso di un B&B di fronte al mio locale, o dietro la struttura del gelataio a fianco e la aspirano indifferenti alla gente che passa.

L’urinare sui muri è cosa frequente e quotidiana, con un atteggiamento anche in questi casi di completo sfregio alle norme sulla pubblica decenza. Tanto ormai è casa loro. Noi semplicemente paghiamo le tasse che servono ai loro benefit (ITEA, cure, avvocati ecc.)

Gli spacciatori sono spesso in bicicletta, nuove come non ne ho mai avute perché me le hanno tutte rubate, e fanno riferimento alle vedette che stazionano senza fare nulla tutto il giorno nel vicolo e nei paraggi, pronte ad avvertire i complici al passaggio di ogni pattuglia, anche quelle in borghese, in questo modo lo spaccio è privo di rischi e continuo, senza sosta.

La droga viene messa negli anfratti dei muri di vicolo Colico pronta per essere spacciata. Di più, i personaggi in questione comperano da bere a poco prezzo e in grande quantità nei negozi degli extracomunitari presenti in zona e vengono a consumare e ubriacarsi davanti al mio locale lasciando per terra un consistente numero di bottiglie di vetro, fazzoletti, carte alimentari, residui di cibo, tutte cose queste che mi tocca raccogliere per non dare al mio locale quell’impressione di degrado di cui è già a rischio.

Mi rendo conto che la situazione è forse difficile anche per le Forze dell’Ordine, magari prive di mezzi, perché io chiamo di continuo ma i passaggi avvengono quando è tutto cessato, e con le vedette, anche in un repentino loro arrivo la situazione appare momentaneamente calma per il dileguarsi dei personaggi oggetto di questa segnalazione.

Non comprendo, da cittadina che paga le tasse, perché una zona defilata come vicolo Colico e adiacenze non abbia delle telecamere che possano filmare lo spaccio ed il degrado in modo da poter intervenire anche dopo che i fatti da me segnalati siano avvenuti.

Infine, quando chiudo il mio locale sono costretta ad andare a prendere la vettura all’ex-Sit attraversando tutte zone semideserte buie e malfrequentate, come ad esempio il sottopasso, e non nego che ogni giorno ho timore per la mia incolumità.

Ho chiesto il permesso di parcheggiare in zona ZTL ma non ho ancora avuto risposta.

Il mio locale non è un bar qualsiasi ma, oltre alle normali bevande, offre un particolare prodotto destinato ad intenditori e gente con curiosità nel gusto, ne volevo fare un salotto in centro storico, ed ecco che situazione mi sono trovata.

Dopo mille segnalazioni alle Autorità confido nel vostro quotidiano, anche solo per avere conforto. Ho girato tanto nella mia vita, ho lavorato in tanti centri storici, ma situazioni come queste, credetemi, non ne ho mai viste.

(Lettera Firmata)

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza