Connect with us
Pubblicità

Trento

Ancora un acuto dal quadrilatero della droga a Trento. La drammatica testimonianza di un imprenditore

Pubblicato

-


Ci ha scritto l’ennesima figura di imprenditore che sfida l’impossibile combattendo nella zona più calda di Trento, il quadrilatero della droga, che va dalla Portela a via Roma passando per piazza S.Maria Maggiore e adiacenze.

È un tema così delicato da far tremare i polsi ai candidati sindaco, perché non potranno più, come ha fatto l’attuale, mettersi la mano sugli occhi e far finta di nulla, l’esasperazione della gente ha raggiunto ormai un limite insopportabile.

Quello che chiedono gli abitanti della zona, ed in merito la Voce del Trentino ha scritto e pubblicato numerose testimonianze, è di non continuare a considerare una delle zone più belle di Trento, in pieno centro storico, come un fortino inespugnabile in mano ai magrebini e come tale problema insormontabile ma per fortuna circoscritto.

Pubblicità
Pubblicità

L’unanimità degli imprenditori e abitanti della zona chiedono la presenza fissa dell’Esercito, visto che le Forze dell’Ordine non riescono a garantire un presidio continuativo.

E alla replica che gli spacciatori andrebbero da un’altra parte controreplicano affermando che hanno già dato, ed è giusto che dopo anni altre zone della città si accollino il grave problema dello spaccio.

L’Esercito esiste e presidia molte città d’Italia, è un deterrente, non trasforma uno Stato in uno Stato di Polizia, ed è apprezzatissimo dai cittadini.

Pubblicità
Pubblicità

Riceviamo quindi, e volentieri pubblichiamo la lettera di una nostra lettrice e imprenditrice emiliana, esasperata ma ancora determinata a fare da baluardo ad un degrado la cui colpa è ormai nota a tutti i cittadini:

LA LETTERA – «Sono la titolare da gennaio 2020 di un locale sito in Vicolo Colico a Trento, vengo da fuori, da Imola, e mi sono trasferita qui perché ritenevo Trento una città tranquilla e vivibile.

Pubblicità
Pubblicità

Da subito mi sono resa conto del degrado esistente nella zona, pur avendo accettato di scommettere imprenditorialmente sull’aprire il locale in un ambiente che già mi dicevano problematico. Mai come Bologna pensavo, il cui centro storico è tutto sommato vivibile.

Purtroppo debbo dire che a situazione è più grave del previsto e sono costretta a segnalare quello che vivo quotidianamente confidando in una maggiore attenzione da parte delle Forze dell’Ordine, da me chiamate di continuo, in questa zona della città, che poi altro non che il centro.

Apro il mio locale ogni giorno alle diciassette, e già all’apertura vi sono nel vicolo tutta una serie di personaggi di origine prevalentemente magrebina, spesso intenti a giocare al pallone come fossero in un parco, con atteggiamenti di scherno verso chi transita, di frequente commentando ad alta voce il passaggio di ragazze, spesso sputando con disprezzo verso di loro, e anche nei miei confronti, a volte guardandomi con fare minaccioso e di sfida, con la consapevolezza di chi sa che nessuno potrà mai fare nulla..

Poi, da quando inizia a fare buio la situazione precipita in quanto lo spaccio di stupefacenti si fa via via più frequente ed il vicolo viene raggiunto da tutta una serie di personaggi intenti alla vendita di droga e clienti, spesso ragazzini palesemente minorenni, che si presentano per l’acquisto.

Non solo, più volte ho dovuto assistere al consumo delle sostanze sul posto, anche da parte degli stessi extracomunitari che versano la cocaina sulla porta di ingresso di un B&B di fronte al mio locale, o dietro la struttura del gelataio a fianco e la aspirano indifferenti alla gente che passa.

L’urinare sui muri è cosa frequente e quotidiana, con un atteggiamento anche in questi casi di completo sfregio alle norme sulla pubblica decenza. Tanto ormai è casa loro. Noi semplicemente paghiamo le tasse che servono ai loro benefit (ITEA, cure, avvocati ecc.)

Gli spacciatori sono spesso in bicicletta, nuove come non ne ho mai avute perché me le hanno tutte rubate, e fanno riferimento alle vedette che stazionano senza fare nulla tutto il giorno nel vicolo e nei paraggi, pronte ad avvertire i complici al passaggio di ogni pattuglia, anche quelle in borghese, in questo modo lo spaccio è privo di rischi e continuo, senza sosta.

La droga viene messa negli anfratti dei muri di vicolo Colico pronta per essere spacciata. Di più, i personaggi in questione comperano da bere a poco prezzo e in grande quantità nei negozi degli extracomunitari presenti in zona e vengono a consumare e ubriacarsi davanti al mio locale lasciando per terra un consistente numero di bottiglie di vetro, fazzoletti, carte alimentari, residui di cibo, tutte cose queste che mi tocca raccogliere per non dare al mio locale quell’impressione di degrado di cui è già a rischio.

Mi rendo conto che la situazione è forse difficile anche per le Forze dell’Ordine, magari prive di mezzi, perché io chiamo di continuo ma i passaggi avvengono quando è tutto cessato, e con le vedette, anche in un repentino loro arrivo la situazione appare momentaneamente calma per il dileguarsi dei personaggi oggetto di questa segnalazione.

Non comprendo, da cittadina che paga le tasse, perché una zona defilata come vicolo Colico e adiacenze non abbia delle telecamere che possano filmare lo spaccio ed il degrado in modo da poter intervenire anche dopo che i fatti da me segnalati siano avvenuti.

Infine, quando chiudo il mio locale sono costretta ad andare a prendere la vettura all’ex-Sit attraversando tutte zone semideserte buie e malfrequentate, come ad esempio il sottopasso, e non nego che ogni giorno ho timore per la mia incolumità.

Ho chiesto il permesso di parcheggiare in zona ZTL ma non ho ancora avuto risposta.

Il mio locale non è un bar qualsiasi ma, oltre alle normali bevande, offre un particolare prodotto destinato ad intenditori e gente con curiosità nel gusto, ne volevo fare un salotto in centro storico, ed ecco che situazione mi sono trovata.

Dopo mille segnalazioni alle Autorità confido nel vostro quotidiano, anche solo per avere conforto. Ho girato tanto nella mia vita, ho lavorato in tanti centri storici, ma situazioni come queste, credetemi, non ne ho mai viste.

(Lettera Firmata)

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]

Categorie

di tendenza