Connect with us
Pubblicità

Politica

Tutto il centrodestra ricorda le vittime delle Foibe, Baracetti: «Immane tragedia troppo a lungo taciuta e dimenticata»

Pubblicato

-

Sono stati molti gli esponenti politici che oggi hanno voluto commemorare la giornata del ricordo in Largo Pigarelli a Trento

Davanti alla targa delle vittime delle Foibe c’è chi ha deposto un mazzo di fiori, chi si è fermato a dire una preghiera, chi ha ricordato quei terribili momenti dove il terrore comunista assassinava oltre 10 mila persone, quasi tutti civili, e costringeva 350 mila persona a lasciare le proprie case.

Nella tarda mattinata una delegazione di Agire per il Trentino guidata dal coordinatore provinciale Sergio Binelli ha deposto un mazzo di fiori sotto la targa che ricorda le vittime delle Foibe.

Pubblicità
Pubblicità

Poi è stata la volta del segretario della Lega Mirko Bisesti insieme all’onorevole Martina Loss e al consigliere provinciale Denis Paoli che si sono fermati lungamente a pregare davanti alla targa.

Nel pomeriggio è stata la volta del consigliere provinciale Claudio Cia e del candidato sindaco della coalizione del centro destra autonomista Alessandro Baracetti. 

«È un’immane tragedia ed una pagina di storia troppo a lungo taciuta e dimenticata, come ha evidenziato anche il presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella»ha dichiarato Baracetti

Per il consigliere provinciale Claudio Cia «Le ideologie ruotano spesso intorno a un profondo vuoto interiore e quando si impongono trascinano l’umanità in un mostruoso buco nero dove tutto si perde. Ricordare le tragedie generate dalle ideologie significa riconoscere i mostri e le vittime di una follia che ha negato a loro la dignità propria dell’essere umano. Sono tragedie che appartengono a tutti noi e il ricordo deve unirci per riconoscere la verità, la sola che può far riposare in pace i tanti uomini, donne e bambini vittime della follia ideologica che solo l’uomo sa generare. Una verità che è l’antidoto a nuove tragedie»

Stamani tre classi dell‘ITT Guglielmo Marconi di Rovereto, insieme al presidente della Provincia autonoma di Trento, hanno partecipato – per la prima volta in veste istituzionale – alla cerimonia organizzata dal Comune di Trieste nel Giorno del Ricordo alla foiba di Basovizza.

Poco prima, la partecipazione silenziosa ad un altro momento solenne, la deposizione delle corone d’alloro davanti alla Foiba di Monrupino, alla presenza di rappresentanti dello Stato e delle amministrazioni locali.

Riferendosi alle parole del Presidente della Repubblica Mattarella che nell’aprire le cerimonie del Giorno del Ricordo ha definito il dramma delle foibe una “sciagura nazionale”, il governatore trentino ha posto l’accento sulla necessità di coinvolgere il mondo scolastico. “Per questo – ha aggiunto – dopo l’esperienza dello scorso anno con i ragazzi che hanno visitato Auschwitz, quest’anno ho voluto accompagnare al Sacrario della Foiba di Basovizza gli studenti del Marconi di Rovereto impegnati in un percorso formativo sulla storia del confine Nord Orientale”.

Il presidente della Provincia autonoma di Trento ha poi sottolineato anche la necessità di evitare strumentalizzazioni e soprattutto negazionismo, perché “confrontarsi con la storia delle foibe vuol dire andare alla radici delle grandi tragedie prodotte nel secolo scorso dai nazionalismi, in questo caso dal totalitarismo comunista, dalle dittature, dall’intolleranza e dal pregiudizio razziale”.

Sono state numerose le cerimonie di commemorazione della giornata del ricordo anche ieri e in tutto il Trentino.

Una settantina di militanti di CasaPound hanno voluto presenziare, come ogni anno, al giorno del ricordo davanti alla lapide di Largo Pigarelli ieri sera.

Nel pomeriggio a rendere omaggio alle vittime delle Foibe era stato il presidente di Fratelli d’Italia di Riva del Garda Silvio Salizzoni che insieme al candidato sindaco del centrodestra Cristina Santi ha deposto un mazzo di fiori a ricordo e commemorazione dell’eccidio delle Foibe.

A tenere viva la memoria del terribile eccidio costato la vita a 10 mila persone, per lo più civili, ci ha pensato anche il Blocco Studentesco che nella notte ha affisso sui muri di centinaia di scuole in tutt’Italia degli striscioni. (Foto striscioni affissi vicino al Muse)

Ogni anno il ricordo di queste vittime innocenti diventa più struggente, intenso e vivo nella comunità trentina da sempre vicino a chi ha sofferto combattendo il terrore del comunismo.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Che Pasqua sarebbe senza la torta di carote?
    Conosciuta negli Stati Uniti come “Carrot Cake”, la torta di carote e noci è sicuramente uno di quei piatti che tuti dobbiamo assaggiare almeno una volta nella vita. E quale periodo può essere il più adatto, se non le vacanze di Pasqua? Adorata da grandi e piccini, in realtà, la torta di carote non ha […]
  • Dalla città al bosco: Gli incredibili benefici di vivere con la natura
    Nelle città le persone vivono in condizioni artificiali, più o meno distanti da tutto ciò che sarebbe ideale per loro, circondati da un paesaggio interamente costruito caratterizzato da luci, folla e rumore, in cui tutto richiede scelte, decisioni e velocità. Nonostante la vita urbana comporti in sé anche numerosi vantaggi, sempre più persone tendono ad […]
  • Scuole chiuse e Coronavirus: Carabinieri consegnano i libri a casa
    Da qualche settimana sono in atto i severi controlli lungo le strade e nei centri città di tutta Italia da parte delle forze dell’ordine per il rispetto delle prescrizioni imposte dal Governo per il contenimento della diffusione del Covid – 19. In particolare, i Carabinieri della Provincia di Sondrio, oltre a sorvegliare gli automobilisti e […]
  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]

Categorie

di tendenza