Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Alloggi Itea Cavalese: perseguitata e vessata dalla burocrazia rischia di finire in mezzo alla strada con due figli

Pubblicato

-

immagine di archivio

La burocrazia come si sa non conosce il buon senso e nemmeno deve far quadrare i conti famigliari alla fine del mese.

La sua è una cronica e ostinata stupidità e una variante particolare della stupidità del potere ma con qualche perversità in più.

Produce talvolta risultati drammatici o catastrofici. Ma anche quando ha effetti meno disastrosi è una snervante persecuzione che ci costringe spesso a ogni sorta di comportamenti assurdi, incomprensibili e fastidiosamente irritanti.

Pubblicità
Pubblicità

È quello che è successo ad una famiglia di Cavalese che risiede dentro una struttura di proprietà di Itea S.P.A.

Un caso che rasenta il paradosso e che colpisce un nucleo famigliare che deve subire una sorta di vessazione frutto dell’applicazione delle regole e dei regolamenti che per taluni sono intransigenti ed inflessibili e per altri sono dei così detti “optional”.

Andiamo ora a leggere la storia.

Pubblicità
Pubblicità

In data 25 novembre 2019 una residente delle case Itea di Cavalese riceve una raccomandata da parte di ITEA S.p.a. che le intima di rimuovere un quadriciclo che da ben 10 anni parcheggiato sotto casa previa concessione verbale dell’ ispettore che era in servizio quando le era stato assegnato l’alloggio.

Nonostante quello della signora non fosse il solo veicolo che durante alcuni mesi veniva lasciato senza assicurazione nel periodo invernale, risponde con raccomandata in data 27 novembre chiarendo i motivi del fatto e chiedendo come mai solo il suo velocipede dovrebbe essere rimosso dato che nello stesso caseggiato anche un altro mezzo di questo tipo è in analoghe situazioni da molto tempo.

In data 24 dicembre la signora proprietaria del mezzo riceve un ulteriore raccomandata nella quale le viene comunicato che dal mese successivo le verrà applicato il canone di mercato pari ad euro 812 .57, che sarebbe una sanzione per l’uso «abusivo» del parcheggio

Già la cifra di per sé è di notevole entità ma in realtà il bollettino sommato alla cifra già dovuta e pagata per il mese di dicembre corrisponde a 893.83 euro.

In data 27 dicembre la signora provvede a rimuovere il quadriciclo affrontando ulteriori spese e lo comunica tempestivamente ad ITEA s.p.a a mezzo fax.

Non avendo avuto alcun riscontro alla segnalazione la signora si è recata presso l’apposito servizio utenza ITEA s.p.a. di Cavalese per consegnare brevi mano la comunicazione inviata via fax .

Si arriva quindi al 20 gennaio quando la signora riceve un’ ulteriore fattura sanzionatoria di euro 1043,81 da pagare entro il 23/ 01/ 2020

Non avendo ricevuto un riscontro alle sue rimostranze inviate per le vie amministrative, la signora contatta gli uffici ITEA e gli impiegati preposti le rispondono che le fatture non possono essere modificate.

Riguardo in particolare all’ultima fattura di gennaio quella superiore ai mille euro le viene intimato di pagare per evitare conseguenze in ordine alla morosità che comportano in molti casi la perdita dell’alloggio.

L’impiegata di ITEA sentita dalla signora le spiega che, una volta eseguito il pagamento, seguirà una nota di storno perché essendo arrivato il nuovo ispettore alla metà di gennaio ha verificato che il quadriciclo è stato rimosso e che l‘importo corretto dovuto è di euro 653.10 (importo maggiorato di euro 65.31 di IVA  cosa alquanto strana visto che , come ben noto non è possibile scaricare tale imposta per chi non ha partita IVA).

Avendo già chiesto un’applicazione di ICEF attualizzato, dato che la situazione lavorativa del marito della signora è significativamente cambiata (si parla di un nucleo abitativo composto da 4 persone, la moglie che percepisce un reddito di ca. 900,00 euro ed il marito euro 700,00 mensili) .

In forza di queste entrate la signora scrive al nostro giornale:”speravo che con febbraio il mio canone sarebbe stato più ragionevole ma in realtà al 4 febbraio 2020 le arriva una nuova fattura da pagare entro il 10 / 02/ 2020 di euro 868,412”.

A quel punto la signora chiama per chiedere come mai di un importo così alto che assolutamente non può pagare nelle attuali condizioni economiche in cui versa, ma si sente rispondere che deve pagare e poi arriverà lo storno.  

Contestualmente riceve anche il cartaceo che attesta che le somme vanno intanto pagate. In totale dal 07 / 01 / 2020 al 10 / 02 2020 le viene chiesto di pagare euro 2653,09 cifra che, dice la signora, guadagna in circa 3 mesi e che i due coniugi non possiedono.

«Io non sono nelle condizioni di pagare tale cifra guadagno 900 euro e ho già un pignoramento ed una cessione del quinto, ho 2 bambine e mio marito lavora stagionalmente e per questo abbiamo grosse difficoltà economiche mi sembra una vera ingiustizia inoltre che l’appartamento in cui vivo sia a dir poco obsoleto con un problema di muffa segnalato da anni e mai preso in considerazione» Spiega l’inquilina Itea

«Sia io che mia figlia siamo asmatiche ed ho anche problemi cardiaci. Perché i problemi di questi appartamenti non vengono considerati ed invece c’è questo accanimento economico verso chi già ha gravi difficoltà ad arrivare a fine mese?» «Ripeto mi sembra una violenza perché ho proceduto a spostare il quadriciclo e nonostante tutto mi viene chiesto di pagare qualcosa di esagerato che a mio parere non devo» – conclude la signora.

Della questione è stata allertata Gabriella Maffioletti presidente di Ataies  che dichiara: «Questa è la fredda burocrazia che attualmente governa la amministrazione di ITEA s.p.a dove per alcuni valgono i regolamenti e vengono applicati in tutti i suoi freddi e spesso illogici calcoli algoritmici poco trasparenti e garantisti e per altri vige una estrema miopia che tralascia di sanzionare e reprimere le azioni contrarie al rispetto del contratto di locazione e delle normali regole che disciplinano la civile convivenza negli alloggi residenziali pubblici. Che fine ha fatto la politica sociale a favore delle famiglie difronte ad una logica che di sociale ormai dinanzi a queste evidenze ha davvero poco e lascia intravedere che va avanti solo a codici e regolamenti che di umano e ragionevole hanno spesso ben poco se non la rigidità stessa del fare cassa per fare quadrare i bilanci. Ecco credo proprio che questo caso rappresenti in maniera efficace cosa è diventato ITEA s.p.a una azienda partecipata pubblica che guarda al profitto e socializza i costi!»

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza