Connect with us
Pubblicità

Riflessioni fra Cronaca e Storia

Quando gli italiani salvarono gli ebrei, in Italia e in Europa

Pubblicato

-

Nella recente Giornata della memoria, un po’ ostaggio dei giornalisti e dei politici, non di rado un po’ qualunquisti, si sono ricordate le infami leggi razziali del 1938, approvando le quali Mussolini proseguiva il suo cammino di avvicinamento servile a Hitler, del quale era stato, sino al 1934, un critico e un avversario.

Come noto Mussolini era tutt’altro che un uomo di ferrei principi: avversario implacabile dei tedeschi, nella I Guerra mondiale, sarebbe diventato l’alleato della Germania, nella II; amante della giornalista ebrea Margherita Sarfatti, e critico nei confronti dell’antisemitismo sino al 1934 almeno, avrebbe poi firmato le leggi razziali.

Ma questi sono fatti noti. Ciò che si è dimenticato, invece, seguendo l’ormai classico cliché del mea culpa fatto a a casaccio, è il ruolo che ebbero in verità gli italiani nell’olocausto.

Pubblicità
Pubblicità

Lo premetto: essi furono i maggiori difensori degli ebrei, non solo in Italia, ma in Europa!

E questo grazie all’operato in primis della Chiesa cattolica; in secondo luogo di molti italiani per nulla politicizzati, e infine, persino grazie all’azione di molti fascisti che non avevano approvato nè l’alleanza con la Germania nè le leggi razziali (uno su tutti, il quadrumviro Italo Balbo).

A testimoniarlo sono stati, negli anni, tanti ebrei.

Pubblicità
Pubblicità

Ne citerò alcuni, famosissimi.

Il primo è Albert Einstein. In una lettera al suo amico francescano, Padre Caramelli, del 17 settembre 1953, da Princeton, il noto fisico scriveva: “Caro padre ora che lei è tornato dal suo lungo viaggio mi si offre l’opportunità di esternarle dal profondo dell’animo la mia riconoscenza per tutte le gentili premure che Lei ha avuto per mia cugina durante la sua malattia, alleviandole la sofferenza. Quando da giovane venni in Italia ho potuto constatare con gioia quali sentimenti alberghino nell’animo del popolo italiano. Inoltre da più parti mi è stato riferito che durante gli oscuri tempi del fascismo e del dominio di Hitler, molte persone hanno rischiato la vita per soccorrere le vittime della persecuzione. In questa straordinaria situazione ove la solidarietà umana è tutto, i suoi compatrioti si sono rivelati i più onesti e i più nobili tra le genti da me conosciute durante la mia lunga vita. Queste caratteristiche si armonizzano con lo sviluppato senso di quella bellezza, tanto forte in voi che si rivela in tutte le manifestazioni della vita. Avrei preferito scrivere in italiano, ma non sono più capace” (Armando Brissoni, Autobiografia e colloqui, Isonomia, Padova, 1994, raccolta di scritti di A. Einstein: p. 101, per la visita a Bologna; p. 140, per lettera al padre Caramelli).

Il secondo testimone è la filosofa ebrea Hanna Arendt, che nel suo celeberrimo La banalità del male, ricordava: “I nazisti sapevano bene che il loro movimento aveva più cose in comune con il comunismo staliniano che col fascismo italiano, e Mussolini dal canto suo non aveva né molta fiducia nella Germania né molta ammirazione per Hitler. Tutto questo però rientrava nei segreti delle alte sfere, specialmente in Germania, e le differenze profonde, decisive tra il fascismo e gli altri tipi di dittatura non furono mai capite dal mondo nel suo complesso. Eppure queste differenze mai risaltarono con più evidenza come nel campo della questione ebraica. Prima del colpo di Stato di Badoglio dell’estate 1943 e prima che i tedeschi occupassero Roma e l’Italia settentrionale, Eichmann e i suoi uomini non avevano mai potuto lavorare in questo paese. Tuttavia avevano potuto vedere in che modo gli italiani non risolvevano nulla nelle zone della Francia, della Grecia e della Jugoslavia da loro occupate: e infatti gli ebrei perseguitati continuavano a rifugiarsi in queste zone dove potevano essere certi di trovare asilo, almeno contemporaneo”.

Il terzo è il giornalista ebreo italiano Sergio Minerbi, corrispondente per la Rai durante il processo ad Eichmann. Così annotava: Riguardo la soluzione del problema ebraico in Italia, i tedeschi decisero che Himmler stesso parlasse col Duce. Eichmann si lagnò vivamente del ‘boicottaggio’ italiano nei paesi occupati, specialmente nella lettera del 25 febbraio 1943 firmata da Heinrich Müller, ma redatta dall’imputato. Ribbentrop fece forti pressioni sulle autorità italiane, che adottarono però una tattica dilatoria, riuscendo così a salvare migliaia di ebrei da morte certa…[In Italia, dopo l’occupazione tedesca] grazie all’aiuto degli italiani, che nascosero molti ebrei a rischio della propria vita, la caccia non fu fruttuosa. Anche il clero italiano aiutò e nascose molti ebrei nei monasteri. Il Papa stesso intervenne a favore degli arrestati a Roma…. In Grecia, Eichmann inviò il noto Wisliceny, e nel marzo 1943 ebbero inizio le deportazioni da Salonicco. Nella zona di occupazione italiana però mancava ogni collaborazione…”.

Il 25 febbraio 1943 “il capo dell’Ufficio di Sicurezza del Reich si lamentava che l’influenza negativa degli italiani è sentita in Romania, Bulgaria e Slovacchia dove si è cominciato a rifiutare di deportare gli ebrei sulla base del cattivo esempio italiano. Da parte sua il funzionario aggiunse che ‘gli italiani hanno impedito le restrizioni in Francia e sono intervenuti a favore degli ebrei dove hanno potuto” (Sergio Minerbi, La belva in gabbia. Eichmann: i delitti, il processo, la condanna, Lindau, Torino, 2012).

Si possono citare, per concludere, gli storici Renzo De Felice e George Mosse, entrambi ebrei.

Scriveva il primo:prima dell’8 settembre si ebbero in Italia relativamente pochi casi di manifestazioni e di violenze antiebraiche”; poi sottolineava come durante l’occupazione nazista, che intensificò la persecuzione degli ebrei, essi furono soccorsi “dalle varie Chiese… dalle più piccole, come quella quacchera, alle più grandi, a quella cattolica… Il contributo più notevole fu però certo, in assoluto, quello dei cattolici”: “l’aiuto, notevolissimo e in misura sempre crescente, prestato oltre che dai singoli cattolici, da quasi tutti gli istituti cattolici e da moltissimi sacerdoti agli ebrei braccati dai tedeschi dopo l’8 settembre rientra pienamente in questa linea di condotta della Santa Sede. Aiuto che, del resto, era già in atto da anni nei paesi occupati dai nazisti, in Francia come in Romania, in Belgio come in Ungheria… Dopo l’8 settembre 1943 migliaia di ebrei trovarono rifugio in conventi, parrocchie, istituti religiosi e, a Roma, persino in Vaticano e in vari luoghi extra territoriali. A Roma gli ebrei così aiutati furono oltre 4 mila” (Storia degli ebrei italiani durante il fascismo, p. 398, 476-482).

Così infine George Mosse: l’Italia fu, quanto a razzismo, “un’area di ristagno” (G. L. Mosse, Razzismo, in Enciclopedia del Novecento, vol. V., p.1057); “L’Italia ha protetto i suoi ebrei ovunque le sia stato possibile”; infatti “i pochi razzisti italiani rimasero isolati”, “il principale alleato della Germania, l’Italia fascista, sabotò la politica ebraica nazista nei territori sotto il suo controllo” e così “la zona d’occupazione italiana in Francia divenne il rifugio degli ebrei braccati. Ovunque nell’Europa occupata dai nazisti, le ambasciate italiane protessero gli ebrei in grado di chiedere la nazionalità italiana” (George Mosse, Il razzismo in Europa, p. 214, 216, 245).

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento8 minuti fa

Falciato da un’auto in corsa tra Gardolo e Lavis: morto 60enne

18 politico8 minuti fa

La politica trentina si sta avviando lentamente verso le provinciali del 2023 con qualche novità

Trento21 minuti fa

Chiusura parcheggio ex Sit, si può usare il nuovo parcheggio di via Fersina collegato con la Linea A al centro

Arte e Cultura36 minuti fa

«La felicità del lupo», il nuovo libro di Paolo Cognetti

Italia ed estero56 minuti fa

250 milioni con i video su YouTube: ha solo 10 anni il piccolo influencer più ricco al mondo

Cani Gatti & C60 minuti fa

Variante Delta: a Hong Kong verranno abbattuti circa 2.000 criceti e altri piccoli mammiferi causa epidemia

Piana Rotaliana2 ore fa

ASIA: ecco come raccogliere i rifiuti se si è in quarantena o isolamento

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Servizio civile, al via due nuovi progetti a Ville d’Anaunia

Valsugana e Primiero3 ore fa

Strada del “Castelet” a Pinè: dopo vent’anni di promesse l’avvio dei lavori

Valsugana e Primiero4 ore fa

Rissa fra ragazzi a Pergine: si tratta di un giovane aggredito dal branco – IL VIDEO

Trento4 ore fa

Il mercato dell’economia solidale torna in piazza Santa Maria Maggiore

Italia ed estero5 ore fa

Deliri no-vax, identificato e denunciato il fake «Ugo Fuoco» che ha diffamato David Sassoli dopo la sua morte

Trento5 ore fa

Circonvallazione, gli scavi che preoccupano gli ambientalisti: “Chiederemo il sequestro dei terreni inquinati a Trento Nord”

Trento6 ore fa

Circonvallazione per Trento, si chiude il dibattito. Esclusa l’ipotesi ‘destra Adige’. Previsti correttivi al progetto

Trento8 ore fa

Monitorati in Trentino 1.000 pazienti colpiti da Long Covid

Trento3 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento2 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un grande parco…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

Necrologi

Categorie

di tendenza