Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Virus misterioso Cina, morti salgono a 41. Fonti parlano di situazione drammatica

Pubblicato

-

Il coronavirus continua a far paura. In Cina l’allarme resta altissimo.

Le autorità  hanno disposto la chiusura di alcune sezioni della Grande Muraglia, oltre a imporre il blocco ai trasporti pubblici in molte città: sono 56 milioni i cittadini intrappolati.

I morti salgono a 41, con una seconda vittima fuori dall’area dell’epicentro. Stop per Disneyland Shanghai.

PubblicitàPubblicità

Secondo alcune fonti il virus potrebbe essersi diffuso da un laboratorio della città di Wuhan e non dal mercato ittico come precedentemente dichiarato dal governo cinese. 

A Tgcom24 il direttore Liquori ha parlato per la prima volta di situazione drammatica e del fatto che i morti sarebbero migliaia e non 41 come ufficializzato dal governo cinese.

Pubblicità
Pubblicità

Il virus sarebbe sfuggito al controllo in un laboratorio di Wuhan, l’unico presente sulla terraferma. Gli altri laboratori infatti sono stati costruiti su piattaforme in mezzo al mare per appunto scongiurare il pericolo di contagio.

Il governo cinese ha reso noto che i casi di contagio accertati sono più di 900. La Commissione sanitaria nazionale ha aggiunto che i casi sospetti al momento sono 1.072.

Nessuno degli italiani presente a Wuhan è contagiato Nessuno degli italiani nella città cinese di Wuhan, focolaio del virus, è al momento rimasto contagiato. A chiarirlo, in una nota, è l’ambasciata italiana a Pechino, che è “in costante contatto con tutti i connazionali presenti” nella città. Anche “la signora Petra Vidali“, che era stata posta in quarantena perché presentava sintomi simili a quelli del coronavirus, “è stata nuovamente interpellata e conferma di stare bene”.

Dalla Farnesina arriva l’invito a tutti i cittadini italiani che intendono andare in Cina di evitare il viaggio perché per il momento ci sono garanzie per la propria salute.

Accertati due casi in Francia – Il ministro della Sanità francese, Agnes Buzyn, ha annunciato che due casi di coronavirus cinese sono stati accertati ieri in Francia, a Parigi e a Bordeaux. Lo riferisce Le Figaro. Più tardi è arrivata anche la notizia di un terzo paziente ricoverato, sempre confermata dal Ministero.

In particolare, “il paziente di Bordeaux ha 48 anni, tornava dalla Cina ed era passato per la città di Wuhan. Ha lamentato i sintomi il 23 gennaio”, ha riferito il ministro. Il paziente “è ospedalizzato da ieri a Bordeaux, in una camera isolata. È stato in contatto con una decina di persone dal suo arrivo in Francia”. L’uomo, di origine cinese, risiede nel dipartimento della Gironda ed era andato a Wuhan per ragioni di lavoro.

Del paziente contagiato dal coronavirus a Parigi, e che si trova ricoverato all’ospedale Bichat, si hanno al momento minori dettagli: “Sappiamo che questa persona ha fatto un viaggio in Cina, ma non sappiamo se abbia soggiornato a Wuhan”, ha riferito ancora il ministro della Sanità. Discorso simile per il terzo caso, anch’esso di ritorno da un volo proveniente dal Paese asiatico.

Confermato il secondo caso negli Stati Uniti – Nel frattempo le autorità sanitarie americane hanno confermato il secondo caso di coronavirus negli Stati Uniti. Si tratta di una donna di Chicago tornata dalla città cinese di Wuhan, dove si trova il focolaio dell’infezione.

Chiuse parti delle Grande Muraglia e Disneyland Shanghai – Le autorità hanno disposto la chiusura di alcune sezioni della Grande Muraglia per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Anche Disneyland Shanghai ha annunciato la chiusura della struttura per “garantire la salute e la sicurezza dei nostri ospiti”. La misura sarà effettiva a partire da venerdì 25 gennaio.

Trasporti pubblici bloccati in diverse città Le autorità hanno anche imposto il blocco ai trasporti pubblici in diverse città. Salgono così a 35 milioni i cittadini coinvolti dai blocchi nel Paese a seguito dell’epidemia di coronavirus.

Al via lavori per la costruzione di un ospedale di emergenza A Wuhan è corsa contro il tempo per costruire un ospedale da 1.000 posti letto. Lo riferisce il Guardian. Operai e bulldozer sono al lavoro su un’area precedentemente destinata a centro vacanze. Secondo i media cinesi, ci vorranno dieci giorni per completarlo. Nel 2003, all’epoca dell’emergenza Sars, 7.000 operai completarono l’ospedale Xiaotangshan, nei sobborghi di Pechino, in solo una settimana

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]
  • Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
    22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt. La tela originale, si suppone infatti […]
  • Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
    Il settore delle auto elettriche è nella sua piena espansione, sebbene le quote di mercato rimangono ancora a livelli inconsistenti. Infatti, i principali costruttori stanno investendo cifre immense per crescere ulteriormente ed accompagnare la produzione verso uno sviluppo ed un acquisto di massa. Il problema delle emissioni derivanti dalle automobili, è stato preso di petto […]

Categorie

di tendenza