Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Segnana: “Massima attenzione all’Ospedale di Arco”

Pubblicato

-

“È stato un incontro partecipato e proficuo, soprattutto un’occasione per confrontarsi in modo condiviso sull’Ospedale di Arco, a conferma dell’attenzione che la Provincia e in questo caso l’Assessorato alla salute riserva ai territori e alle loro istanze su temi delicati quali la salvaguardia della salute pubblica”.

È stato con queste parole che l’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, Stefania Segnana, ha commentato la riunione con il Consiglio per la Salute, organizzata presso la sede della Comunità Alto Garda e Ledro martedì sera.

All’appuntamento erano presenti il presidente della Comunità alto gardesana Mauro Malfer accompagnato da alcuni assessori, i sindaci di Arco, Ledro, Dro, Nago Torbole, Tenno, Drena e Riva del Garda, oltre al direttore generale dell’Azienda Sanitaria Paolo Bordon e al dirigente generale del Dipartimento provinciale Giancarlo Ruscitti. All’ordine del giorno vi era appunto l’ospedale di Arco, il punto nascita e il potenziamento del pronto soccorso alla luce di quanto previsto dal protocollo sottoscritto con l’Azienda sanitaria provinciale nel giugno del 2016.

PubblicitàPubblicità

Per quel che riguarda nello specifico il punto nascita, l’assessore Segnana ha ripercorso le tappe che hanno portato alla riapertura del tavolo di confronto istituito a fine anno in seno alla Commissione Salute, impegnato nella revisione dei criteri per la riapertura:

“Una revisione richiesta, non solo dal Trentino ma anche da altre regioni che si vedono costrette a fare i conti con la progressiva denatalità e con fenomeni di spopolamento – ha evidenziato l’assessore Segnana – se vogliamo invertire il trend e favorire la permanenza dei cittadini in località lontane rispetto ai principali centri urbani, non possiamo prescindere dal contestuale potenziamento dei servizi principali quali quelli sanitari”.

Pubblicità
Pubblicità

Proprio l’estate scorsa l’assessore Stefania Segnana ha incontrato il ministro Grillo e successivamente il ministro Speranza, il quale ha appoggiato l’intenzione di chiedere l’apertura di un tavolo per la revisione dei criteri dei Punti Nascita, a cui è seguita l’approvazione in Commissione Salute della richiesta di apertura del tavolo tecnico.

Pochi giorni fa l’assessore Segnana ha incontrato il viceministro Sileri, il presidente del Comitato Punti Nascita Nazionale Iorizzo e il direttore generale del Ministero alla Salute Urbani, che hanno approvato l’apertura del tavolo:

“E’ stato in quell’occasione che il viceministro Pierpaolo Sileriha concluso Stefania Segnana – ci ha confermato il suo arrivo per il 31 gennaio per visitare l’ospedale di Arco”.

In chiusura l’assessore provinciale ha anche illustrato gli ultimi progetti portati avanti dall’amministrazione e in particolare il nuovo modello organizzativo che prevede coordinamento e integrazione fra i medici di continuità assistenziale (ex guardie mediche), gli infermieri e le Rsa per il presidio delle sedi dislocate nelle zone di montagna o distanti dai servizi principali.

Gli amministratori locali hanno ringraziato l’amministrazione provinciale per averli messo al corrente del percorso intrapreso e delle azioni portate avanti in questi mesi.

A fare gli onori di casa illustrando la situazione generale è stato il presidente Malfer, che ha ribadito con forza la richiesta di garantire servizi di alta qualità e soprattutto sicuri. Sicurezza che riguarda sia le mamme che i nascituri per quel che concerne il punto nascita, ma che deve essere garantita anche al Pronto Soccorso che durante la stagione turistica diventa un fondamentale presidio con un bacino di utenti elevatissimo.

Nel corso della riunione è stata sottolineata l’impellente necessità di rendere pienamente attuativo quanto previsto nel protocollo e qualche preoccupazione è stata espressa rispetto a un depotenziamento dell’ospedale. Un aspetto subito confutato dal direttore generale Bordon, che ha avuto modo di spiegare i servizi implementati presso l’ospedale dal 2016, data della firma del protocollo.

Nel dettaglio è stata data piena attuazione al Percorso nascita, sviluppando ulteriormente il collegamento funzionale con l’ospedale e il punto nascita di riferimento, ovvero l’ospedale di Rovereto pur nel rispetto della libertà di scelta della donna rispetto al luogo del parto, e garantendo la possibilità di accesso in loco alle prestazioni diagnostiche di più frequente utilizzo in gravidanza. L’implementazione del Percorso nascita è stata realizzata e attualmente vengono accolte il 100% delle richieste pervenute con un aumento del tasso di reclutamento dal 39,4% nel 2016 al 85,9% del 2019.

È stata poi potenziata la funzione del Centro provinciale di Procreazione Medicalmente Assistita: la ristrutturazione si è conclusa nel marzo 2018 e contestualmente si sono concluse anche le procedure di accreditamento provinciale e nazionale.

Nel Centro, durante il 2019, sono stati eseguiti 118 interventi di chirurgia andrologica con un incremento di 39 interventi rispetto al 2018; sempre nel 2019 sono state 866 le prestazioni ambulatoriali specialistiche effettuate, 184 pazienti i pazienti dimessi e 7.951 le prestazioni specialistico ambulatoriali erogate. Consolidata anche l’attività di diagnostica prenatale, con bi-test garantiti al 100% delle richieste del percorso nascita presso ospedale di Arco, e attivata la pronta disponibilità dell’ostetrica a supporto del percorso nascita sia notturna che negli orari di chiusura del consultorio con 21 chiamate nel 2019.

Potenziate poi le funzioni dell’U.O. di Pneumologia che svolge un’attività multizonale nel campo dell’Allergologia per adulti e della Fisiopatologia Respiratoria, in particolare per la funzione dell’Ossigeno terapia domiciliare e quale Centro del Sonno provinciale per le patologie del tipo apnee ostruttive.

Rinforzato l’assetto organizzativo dell’U.O. di Medicina Interna e Pronto Soccorso, che assicura anche il servizio di day hospital oncologico in collegamento con Oncologia dell’Ospedale di Trento, e consolidati i programmi di integrazione a livello dipartimentale secondo un modello di day surgery multidisciplinare che vede l’apporto di medici di Rovereto e di Trento per Ortopedia, Andrologia, Oculistica. Infine la zona dedicata ai prelievi è stata ampliata nel corso del 2019 con l’attivazione di due nuovi locali che hanno efficientato l’attività del personale e migliorato l’accesso dei pazienti e la sicurezza degli spazi.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza