Connect with us
Pubblicità

Trento

Scuola di medicina: continua il dialogo tra le Università di Trento, Padova e Verona. Bocciata la risoluzione delle minoranze

Pubblicato

-

La seduta di ieri pomeriggio si è chiusa con circa un ora di anticipo ed è stata occupata interamente dal dibattito seguito alla comunicazione sulla scuola di medicina fatto dal presidente Fugatti.

Bocciata, con 21 no e 12 sì, una risoluzione della minoranza con la quale si chiedeva un dibattito in Quarta e Quinta commissione su questo tema.

Sul progetto della scuola di medicina Il presidente della Giunta ha affermato che l’ipotesi della scuola si è posta più volte negli ultimi anni senza arrivare a nulla.

Pubblicità
Pubblicità

Anche Dellai e Rossi ci hanno provato senza successo ma la situazione, per gli errori di programmazione nazionale, è critica anche in Trentino: anche da noi è difficile reclutare i medici e i bandi vanno o deserti o rispondono in pochi. Una situazione che sta peggiorando anche se la Pat ha messo in campo borse di studio aggiuntive verso le università di Padova e Verona ma hanno precedenza quelle statali e del veneto.

La possibilità di avviare scuole di specializzazione a livello provinciale, secondo Fugatti, è legata alla presenza di una scuola di medicina provinciale. Per questo, ha continuato Fugatti, sono state stimolate varie università, tra le quali Trento per avviare con l’Apss un canale formativo di medicina supplementare tra quelli già attivi in modo da avviare già dall’anno accademico 2020 – 21 il primo anno.

Si è sondata poi la possibilità di effettuare esperienze cliniche per gli studenti del 5 e 6 anno sul nostro territorio su base volontaria finché gli studenti trentini non avranno completato l’iter.

Pubblicità
Pubblicità

La risposta più adeguata, ha detto ancora Fugatti, è venuta inizialmente da Padova che è stata invitata ad interagire con l’ Università di Trento. Successivamente la stessa università di Trento, preso atto della volontà di istituire la scuola di medicina, ha comunicato al presidente della Giunta la volontà di effettuare un’esplorazione autonoma con Verona e Ferrara.

Poiché la finestra temporale per costituire la scuola potrebbe chiudersi quest’anno e la Giunta è determinata a raggiungere obiettivo importantissimo per il Trentino, i rettori di Padova e Trento sono stati invitati a dialogare, coinvolgendo Verona per realizzare una scuola di livello nazionale dando la possibilità all’Università di Trento di mantenere la propria giusta autonomia.

Pubblicità
Pubblicità

In queste ore è in corso, anche con l’aiuto dei dirigenti e i funzionari della Pat, un dibattito tra rettori e l’auspicio è che entro il 22 gennaio, data di scadenza per la domanda al Miur, possa essere presentata la proposta anche se la Giunta è disposta a chiedere una proroga dei termini.

L’obiettivo, ha detto ancora Fugatti, è quello dell’apertura con 60 studenti dal 2020 – 21 con supporto clinico di una scuola medicina di livello nazionale; l’attivazione su base volontaria del 5° anno di corso perché nel giro di 5 anni si potrebbero avere medici che potrebbero restare sul territorio. In parallelo si devono avviare le scuole di specialità indispensabili per la fidelizzazione dei medici coinvolgendo tutti i presìdi della Apss. L’università deve essere coinvolta fin dall’inizio del processo con l’obiettivo di renderla autonoma in un tempo ragionevole per scuola di medicina di livello nazionale.

Si ipotizza un periodo di interateneo che consenta la crescita di un corpo docente che a scuola avviata sarà di almeno 60 docenti. Coinvolgimento di personale dell’ Azienda sanitaria che verrà inserito nella scuola. Fugatti, infine, ha ricordato che il collegamento con l’Università di Trento non è mai venuto meno e c’è sempre stato un forte dialogo istituzionale tra la Pat e Unitn in queste ore sono in corso contatti colloqui trattative tra Trento, Padova e Verona per provare a costruire questo percorso.

Chiaro che per la Giunta e per risolvere il problema in tempi rapidi il tema del 5° anno si pone ed è dirimente. Il presidente ha detto di confidare nelle trattative in corso perché possa essere costruito il miglior percorso di medicina tenendo conto delle eccellenze trentine come Cibio e Fbk. Ma, ha concluso Fugatti, si deve partire velocemente.

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]

Categorie

di tendenza