Connect with us
Pubblicità

Viaggi in Italia

Scoprire il Borgo medioevale delle Streghe a Cimego

Pubblicato

-

Una bella cartolina dal titolo “Mercatini di Natale nel Borgo Medioevale  di Cimego” attira la nostra attenzione, dove polente fumanti, profumi speziati, musiche natalizie, prodotti artigianali e la magia delle leggendarie Streghe di Cimego ti aspettano.

Organizziamo la gita domenica 29 dicembre 2019 con l’occasione di accompagnare due giovani amiche in questo borgo tipico situato nella valle del Chiese, vicino al confine con la Lombardia, oltre un’ora di strada da Trento.

Non avendo mai visitato prima questo luogo non sappiamo cosa ci attende, certo i mercatini, ma ci interessa anche scoprire il borgo storico; arrivati a Cimego in mattinata scorgiamo un paesino al sole che domina la valle sopra l’abitato, è Castel Condino, che raggiungiamo nel pomeriggio.

Il suggestivo Borgo medioevale di Quartinago a Cimego è addobbato a festa, cortili e cantine sono costellati di angoli caratteristici, con punti ristoro e piatti caldi sfiziosi, in particolare vengono servite le polente tipiche declinate in diverse specialità: de marin (di grano saraceno), carbonera (con formaggio, burro e salsiccia), macafana (con le erbe aromatiche) e quella di patate, accompagnate con formaggio di malga e spressa.

E’ d’obbligo ritirare al chioschetto del Consorzio Turistico Valle del Chiese vari depliant e mappe sui tesori da scoprire: innanzitutto Casa Marascalchi, vero e proprio museo di civiltà contadina, un viaggio nel tempo che parte dalla cucina dove fanno bella mostra utensili, madie e cestini fatti a mano, ma anche bei quadri di artisti locali.

Al primo piano le camere da letto seguite dalla stanza riservata all’allevamento di bachi da seta, dalla stanza dedicata alla tessitura con il telaio e al secondo piano un ampio spazio aperto dove, tramite una carrucola, si issava legna, fieno, paglia e grano.

Durante i Mercatini di Natale è stata allestita a cura dell’Associazione di Promozione Sociale La Fusina, una mostra di abbigliamento Intimo Vintage.

Segue la visita dei vari espositori nei volt e corti nascoste: addobbi, quadri, scialli, dolci tipici alle erbe di montagna, lavori artistici in legno, ma è l’angolo dei sapori trentini che fa bella mostra con la farina gialla di Storo, gallette, biscotti e farina bianca della Cooperativa Agri 90, liquori e grappe di Santa Massenza, confetture e salse agrodolci dell’Azienda Agricola Sant’Antonio del Bleggio, Trote e Salmerini della Troticultura Armanini.

Ma anche formaggi e formaggelle, patate bianche, rosse e per i più curiosi patate a pasta viola, salumi e ragù di selvaggina, strudel di mela e succhi: il settore enogastronomico è senz’altro quello che fa ingolosire il visitatore, che comunque apprezza anche la creatività e manualità dei prodotti artigianali.

Verso sera tra le contrade arrivano, appena sfornati, piatti caldi di minestre, zuppe, dolci natalizi e per allietare la serata anche le leggendarie streghe di Cimego con i loro balli e rituali misteriosi.

Aggirandoci tra i vari mercatini non ci sfuggono incantevoli scorci di antiche abitazioni che si ergono in tutto il loro splendore nel centro storico.

La vetrina della signora Maria è di una semplicità disarmante, ma forse anche quella più appetitosa; dopo la pausa pranzo in un’osteria, gustiamo frittelle di mele e caldarroste già sgusciate, osservando gli altri articoli di sua produzione, calze fatte a mano in vendita insieme a uova fresche che fanno bella mostra al piano terra di un’abitazione.

L’intraprendente Maria ci prepara all’istante le frittelle di mele indicandoci anche la modalità dell’impasto, un suadente profumo zuccherino si diffonde nell’aria e non ci resta che assaporare queste bontà sedute comodamente su una panchina al sole in una limpida domenica di fine anno.

La tranquillità di questo luogo ameno ci incanta insieme alla chiesetta di Sant’Antonio Abate nella piazzetta principale del paese al civico 118.

Cimego – Borgo Chiese, definito anche paese del ferro e degli eretici, oltre ad aver conservato l’edilizia originale del ‘400 e ‘500, è ricchissimo di testimonianze storiche legate ad un fatto eccezionale, ben descritto dall’antropologa Michela Zucca e Dario Festi in lunga ricerca dedicata al recupero dell’identità di questo borgo a rischio spopolamento, per costruire un progetto globale di economia sostenibile.

Nel corso della sua lunga fuga dalle autorità civili ed ecclesiastiche dal 1300 al 1303, proprio a Cimego si fermò fra’ Dolcino con Margherita la bella, sua compagna trentina, prima di raggiungere il Biellese e il monte Rubello, dove sarebbero stati sterminati.

A Cimego, li aspettava mastro Alberto, fabbro, assieme ad una trentina di compagni (censiti): quando la situazione si fece insostenibile, seguirono il maestro in Piemonte, dove trovarono la morte. La gente delle Alpi, che ha sempre ospitato e nascosto eretici e fuorilegge, li protesse per tutto l’arco della catena di montagne”.

… “La storia delle eresie medioevali è uno fra i capitoli più affascinanti e misteriosi della storia europea: basti vedere il successo di libri come “Il nome della rosa” di Umberto Eco. Non c’erano solo gli eretici, ma anche la cultura delle streghe e le tante rivolte popolari…”

Così è stato messo a punto un programma di visite guidate al sentiero etnografico Rio Caino, per visitare le antiche fucine di mastro Alberto e vecchi mulini restaurati.

Rio Caino è un sentiero di 4 km e al tempo stesso museo all’aperto, che racconta la cultura contadina e gli antichi mestieri. Un luogo che prende vita grazie alle storie e leggende che si mescolano nell’alcova di fra’ Dolcino e Margherita o nel fiabesco orto della Strega Brigida.

E per finire un cuoco di Cimego si è inventato due nuovi tipi di biscotti con le farine biologiche di Storo: i biscotti degli eretici e i baci di Dolcino e Margherita, per promuovere eventi importanti.

Decidiamo di ritornare a Trento percorrendo la strada che attraversa le località turistiche di Molveno e Andalo, il sole sta tramontando e questo rende ancora più suggestivo il panorama sulle cime del Brenta e le luminarie in superficie al lago.

E’ il gioco dei contrasti, antico e moderno, piccoli borghi alpini e grandi centri affollati di turisti, un vero fuori programma per una bella domenica che ci rimarrà nel cuore.

“Nel termine campagna è implicito un senso di terra trasformata dal lavoro.” (Giuseppe Tomasi di Lampedusa)

Maria Cristina Betzu (m.betzu@tin.it)

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]

Categorie

di tendenza